Home > COMUNICATI STAMPA > Ricostruzione post sisma, concessi 2,7 miliardi di contributi per abitazioni e imprese, 18mila persone rientrate a casa

Ricostruzione post sisma, concessi 2,7 miliardi di contributi per abitazioni e imprese, 18mila persone rientrate a casa

Tempo di lettura: 4 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

La Giunta relaziona in Commissione a quasi 4 anni di distanza dalle scosse del 20 e 29 maggio 2012: “Interventi in sicurezza e nella legalità, più semplificazione nell’erogazione di fondi, le procedure previste sono garanzia per tutti di rispetto delle regole e di equità”.

Bologna – Oltre 2,7 miliardi di contributi di cui 1,4 miliardi liquidati per la ricostruzione di abitazioni e imprese. Il “cratere” che si restringe, con 25 Comuni che hanno pressoché concluso la ricostruzione privata. Sono 60 su 134 i soggetti pubblici che hanno avuto tutti i finanziamenti per poter portare a termine le opere di loro competenza. E per 1.770 piccole imprese dei centri storici e centri abitati, in Comuni ricompresi nelle Zone franche urbane, due anni di agevolazioni fiscali per complessivi 39,2 milioni. Introdotti meccanismi più semplici per la liquidazione dei contributi alle aziende danneggiate.
Numeri e percorsi della ricostruzione post terremoto in Emilia, tracciati oggi dall’assessore competente in una audizione alla III Commissione dell’Assemblea legislativa, a quasi 4 anni di distanza dalle scosse del 20 e 29 maggio 2012.
«E’ stata l’occasione – ha detto l’assessore intervenendo in Commissione – per fare il punto sulla ricostruzione che oggi si concentra sui Comuni che hanno avuto i maggiori danni e sulla ricostruzione pubblica oggetto di finanziamenti statali ma anche di donazioni. Ora, anche grazie alla definizione di un perimetro più ristretto del “cratere” ci concentreremo ulteriormente sui territori ancora impegnati su quote importanti di ricostruzione, in primo luogo privata, perché vogliamo che tutti i cittadini e le imprese tornino alla normalità ».
Per le opere pubbliche e i beni culturali, gli interventi inseriti nell’apposito Programma sono complessivamente 2.039 che, ad oggi, hanno una copertura di oltre 1 miliardo. «L’impegno della Regione – ha aggiunto l’esponente della Giunta – punta ad accelerare la ricostruzione pubblica. A tal fine siamo in stretto contatto con il Ministero dei Beni Culturali per avere personale e organizzazione in grado di far fronte alla progettazione preliminare ed esecutiva».
Ad oggi, per quanto riguarda le abitazioni, sono 4.069 i cantieri conclusi (circa 13 mila le unità abitative) che hanno consentito a oltre 18 mila persone di rientrare a casa.
Sul fronte delle imprese, supera il miliardo dei contributi concessi di cui 468 milioni liquidati.
Per quanto riguarda la norma delle Zone Franche Urbane, 1770 imprese (micro, piccole e medie) localizzate nei centri storici e nei centri abitati più colpiti dal sisma e dall’alluvione, hanno potuto beneficiare di 39,9 milioni di euro sul biennio, aggiuntivi delle altre risorse destinate alla ricostruzione.
Per quanto riguarda la sicurezza e l’adeguamento sismico dei capannoni ad uso produttivo, a breve uscirà un nuovo bando Inail che chiuderà il 30 giugno. La procedura di prenotazione svolta nel mese di marzo ha visto 2.046 imprese interessate per un totale di contributi di circa 500 milioni di euro. Pertanto il Commissario ha provveduto a richiedere l’erogazione delle ulteriori due annualità di fondi Inail.
In costante riduzione, l’assistenza alla popolazione. Ad oggi i nuclei famigliari in assistenza sono 3.347, mentre a maggio 2012, dopo il sisma, erano 16.547 (meno ’80%). Le forme di assistenza continuano ad essere diversificate e riguardano esclusivamente i nuclei familiari con percorso di rientro perché proprietari della abitazione o perché in affitto con rientro una volta ristrutturato la casa. Le forme più utilizzate rimangono il contributo per l’affitto (1486 nuclei); il contributo di disagio abitativo (1216 nuclei); alloggi in locazione temporanea (289 nuclei). Per quanto riguarda, invece, i moduli abitativi provvisori (Pmar) dei 757 del 2012 oggi ne sono rimasti 150, famiglie che hanno volontariamente deciso di rimanere.
«Tutto il lavoro sulla ricostruzione è stato fatto in sicurezza e nel rispetto della legalità, con un passo programmato e definito insieme ai Comuni ed alle rappresentanze economico sociali del territorio. Le procedure per accedere ai contributi, in costante processo di miglioramento, sono comunque necessarie quando si utilizzano risorse pubbliche. L’esperienza ci insegna che non possono essere banalmente definite solo burocrazia e appesantimento, poiché al contrario sono garanzia per tutti di rispetto delle regole e di equità» ha concluso l’assessore regionale.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi