Home > COMUNICATI STAMPA > Riduzione cedolare secca per contratti d’affitto nei comuni colpiti da calamità, dichiarazione dell’assessore Vecchi

Riduzione cedolare secca per contratti d’affitto nei comuni colpiti da calamità, dichiarazione dell’assessore Vecchi

logo-regione-emilia-romagna
Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Piano Casa, riduzione della cedolare secca per contratti d’affitto a canone concordato nei comuni colpiti da calamità naturali. L’assessore Vecchi: “Notizia positiva per le zone terremotate. Il Governo ha recepito gli emendamenti sollecitati dal commissario Errani, dall’Assemblea legislativa regionale e dai parlamentari modenesi”

Bologna – “L’ulteriore riduzione al 10% della cedolare secca, anche per i comuni terremotati e alluvionati dell’Emilia-Romagna, è una notizia positiva: parliamo di intere comunità che, nel difficile percorso di ritorno alla normalità, hanno bisogno di politiche abitative capaci di incentivare la disponibilità di alloggi a canoni contenuti”. Così il neo-assessore regionale Luciano Vecchi commenta la legge di conversione del “Piano Casa”, la numero 80 del 23 maggio 2014, che all’articolo 9 prevede l’ulteriore riduzione della cedolare secca (già passata lo scorso anno dal 19 al 15%) per il quadriennio 2014-2017.
Un incentivo, questo, esteso – oltre che ai comuni ad alta densità abitativa – anche a quelli colpiti da calamità naturali, per i quali sia stato dichiarato lo stato di emergenza negli ultimi cinque anni. “Con la conversione in legge del decreto – prosegue Vecchi – sono stati recepiti gli emendamenti sollecitati dal presidente Errani, in qualità di commissario delegato alla Ricostruzione, dall’Assemblea legislativa regionale e dai parlamentari modenesi, che si sono da subito impegnati affinché dal Governo arrivassero risposte concrete al problema della casa nei territori colpiti dal sisma del maggio 2012”.
“Non dimentichiamo – conclude l’assessore Vecchi – che parte di quegli stessi territori, già disastrati dal terremoto, sono stati colpiti dalle trombe d’aria del maggio 2013, dell’aprile 2014 e dall’alluvione del gennaio 2014”. L’auspicio, dunque, è che la norma contenuta nella legge “si configuri come leva, in affiancamento a tutti gli strumenti messi in atto dal Commissario per l’assistenza e l’aiuto alla popolazione”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi