COMUNICATI STAMPA
Home > Primissimo piano > RITRATTI
La mia Street Photography

RITRATTI
La mia Street Photography

mia-street-photography
Tempo di lettura: 9 minuti

“Quello che io cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo di ricevere. Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere”. Robert Doisneau

Andando a zonzo per le strade del mondo, sola con i miei pensieri, prendendo centinaia di aerei che hanno attraversato mille misteriosi e diversi cieli, solcando mari e sedendomi rannicchiata su treni ad alta velocità o su lenti ma pittoreschi regionali, spesso mi sono ritrovata a osservare le persone, immaginando le loro storie, le loro emozioni, le loro vite. Spesso mi domandavo se partivano, se arrivavano, se qualcuno li aspettava, se dietro una finestra illuminata che scorgevo dai finestrini di vagoni vocianti vi era una tavola apparecchiata o una candela solitaria dove nessuno aspettava nessuno.

mia-street-photography

Algeria, Tipaza, una coppia di innamorati che sognano

Mi chiedevo se quelle vite pensavano, godevano, piangevano, ridevano, amavano, trepidavano, sognavano, soffrivano o se, in fondo, erano felici. Osservare la gente per strada, di spalle, spesso da lontano, aiuta a immaginare i loro sogni, i nostri sogni. A volte vorremmo condividere con forza pensieri che corrono liberi verso l’orizzonte. In certi momenti basta osservare con amore le persone e sfiorare i loro pensieri per condividerli: sogni di libertà di uomini e di donne di ogni etnia e religione, voglia di scappare via lontano, di vivere un amore difficile e impossibile, non vincolato da culture, tradizioni e limiti. Ecco allora che, passeggiando per le affollate strade di Mosca, aspettando la settimana in cui ad attendermi a casa ci sarebbe stato qualcuno, non un qualcuno qualunque ma Lui, mi viene un’idea. Quella di ripensare alla strada percorsa e di rivedere cosa ho percepito anche attraverso le mie fotografie e le immagini di coloro che, ben più illuminati e noti di me, della strada avevano saputo cogliere la vera essenza e il reale profumo. Un paio di mesi fa, quindi, quando ancora l’aria era tiepida, vicino alla fermata della rossa metropolitana Lubyanka, entravo alla libreria Globus, luogo di ritrovo di ogni curioso lettore che cerchi ispirazione o che semplicemente voglia tuffarsi nel profumo unico della carta stampata e delle incisioni antiche appese alle pareti. Al piano terra si trova lo spazio magico della fotografia – libri per lo più in russo ma c’è anche qualcosa in inglese -, luogo per me davvero ristoratore e mistico, oltre che fonte di genuina e quasi inaspettata felicità, tanti piccoli tunnel illuminati dove cercare come arrivare a toccare e sfiorare il sole che brilla al di fuori della caverna di Platone. Conoscevo la Street Photography e uno dei sui fondatori, Robert Doisneau, per averne visto un’esposizione a Parigi e a Milano, ma volevo saperne di più. Chi di voi non ricorda la foto in bianco e nero del “Bacio” davanti all’Hôtel de Ville, famosa se pur scattata nel 1950, di questo genio dell’anima che aveva trascorso la sua vita nella periferia parigina di Montrouge, fotografando strade e volti sempre diversi? Sono famose le sue foto di bambini vocianti, i cui giochi scherzosi rimangono alla fine sempre seri e degni di grande rispetto. Anche se il padre della Street Photography è considerato Eugene Atget, che lavorò a Parigi dal 1890 fino agli anni venti, e sulla cui vita resta un’aura di mistero, mi ricordavo bene di Doisneau e di alcune foto che io avevo fatto a Parigi nel 2000, oltre ad altre successive dell’Algeria e ad alcune scattate recentemente nella stessa Mosca.

mia-street-photography

Mosca Giardino Botanico, signore che legge

Forse, senza saperlo e con modestia, avevo seguito anche io quella corrente, appassionandomi alla strada. Decidevo, quindi, di approfondire, per parlarvene e condividere con voi questo modo di fotografare che sicuramente molti di voi praticano, più o meno inconsciamente. L’idea magari mi era in realtà venuta osservando un signore dalla candida barba che leggeva nel verde Giardino Botanico di Mosca e che avevo immortalato da lontano. Ma mi piaceva. Basta seguire la strada e prima o poi si fa il giro del mondo. Non può finire in nessun altro posto, no? Si può sempre andare oltre, oltre – non si finisce mai. La strada è vita. Stiamo (ri)leggendo alcuni passi di “Sulla Strada”, di Kerouac. Vero. La strada è imprevedibile e vitale. Passatemi il termine un po’ forte e forse non del tutto appropriato, essa può essere straordinariamente ed eccezionalmente ‘eccitante’. Di fronte a quello che mi piace definire il carnevale della strada, si può rimanere senza parole.

mia-street-photography

Mosca Parco Sculture, guardando verso il cielo

mia-street-photography

Parigi, Champs Elysees, il riposo del guerriero della luce

S’incrociano venditori di ogni cosa e di ogni sorta, pattinatori, donne vestite come diavoli o angeli leggiadri, muratori arrampicati come ragni, pompieri, carpentieri, spazzini, suonatori, cantautori, giardinieri, portieri, gente comune seduta a parlare, tutti con una forte voglia di libertà di essere di esistere, di vivere, respirare, pensare e non pensare, parlare, discutere, litigare, fare pace e poi ancora di correre, mangiare, bere, sognare, volare. Si vede una signora di spalle con il suo zaino colorato pieno di libri e merendine per il nipotino. Si sorride anche a una statua che guarda verso il cielo, come vorresti fare tu, con il naso curiosamente all’insù. Originale, simpatica e accattivante.

mia-street-photography

Mosca Giardino Botanico, a spasso col nipote

Ma cos’è allora la Street Photography? Credo che non sia facile ricondurre tale arte a una definizione ma, per semplificare, si potrebbe dire che si tratta di un genere fotografico che riprende situazioni reali e spontanee in luoghi pubblici al fine di evidenziare in maniera artistica alcuni aspetti della società, dove il termine strada si riferisce ad un luogo generico in cui sia visibile l’attività dell’uomo e le sue interazioni sociali. Può trattarsi quindi di un ambiente, un luogo alieno dalle persone, una situazione particolare. Personalmente, preferisco la riflessione del fotografo dell’agenzia Magnum, Bruce Gilden, quando dice che, “If you can smell the street by looking at the photo, it’s a street photograph”. Il potere quindi di riuscire a far “odorare la strada”, il buttarla pesantemente nel vostro quotidiano con un’immagine, rimane, a mio avviso, il valore aggiunto di un’azione che altrimenti chiunque, oggi, con i mezzi digitali disponibili, potrebbe facilmente realizzare. Ci vuole anima, sentimento, pathos nello scattare una bella immagine. Non è facile riuscire a trovare un momento di sincronizzazione fra elementi non correlati fra loro, catturare momenti significativi di espressioni o gesti, di attitudini e pensieri, in una sorta di risposta al mondo quasi viscerale di chi sta cogliendo l’attimo nell’immagine.

mia-street-photography

Mosca, Parco Sculture, pensando al mio amore, lo dipingo sui muri

Diventa difficile capire se il tuo scatto ha queste caratteristiche. Ma si prova a condividerlo per vedere se odora, come per me riesce a fare questo riposo parigino di un guerriero che fantastica su un passato glorioso. Un giocoliere. O come forse riesce a fare anche questo cappelluto signore moscovita di spalle che sembra riflettere…. pensando al mio amore magari, quasi quasi, lo dipingo sui muri…

Ci era sicuramente riuscita Vivian Maier, incredibile bambinaia-fotografa nata a New York nel 1926 e morta a Chicago nel 2009, una donna che silenziosamente aveva creato stupendi ritratti che documentavano la vita di uomini, donne, bambini e anziani, di tutte le classi sociali, raccolti lungo le strade di Chicago. Sempre sola e taciturna. Sola con la sua macchina fotografica e i suoi pensieri.

mia-street-photography

Mosca, Parco Kolomenskoe, dipingendo nel blu

Volevo farvi partecipi di questa meravigliosa storia di strada, scoperta per caso, volevo dirvelo. Con questa chiudo. Dalle sponde del nord Africa ai parchi fioriti della Russia, passando per le panchine di Parigi, ho voluto condividere con voi momenti e colori, prendendo per mano tante storie umane che ci chiedevano di unirci a momenti di felicità e di voglia di volare insieme. Non ho la pretesa di voler essere un grande fotografo di strada ma volevo percorrere con voi un piccolo tratto di questo cammino. Perché anche tenendosi per mano, dipingendo alle spalle di un parco e di una chiesa ortodossa dalle cupole scintillanti si resta giovani e leggeri e si può disegnare il proprio destino, con forte tratto e decisione.

Fotografie di © Simonetta Sandri, scattate fra Algeria (Tipaza), Russia (Mosca) e Francia (Parigi)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
ricordi, vecchie fotografie
IL FIGLIO DELLA GUERRA
Gianni Berengo Gardin: il mio primo libro l’ho fatto a Ferrara
La musica nella fotografia
Ferrara e i buskers

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi