di Francesca Ambrosecchia

Prima che il gelido Burian compisse in toto la sua opera, a Roma è piovuto per diversi giorni ininterrottamente.
Il cielo grigio e le ampie pozzanghere non hanno tolto un briciolo di fascino alla nostra capitale. Il marmo bianco della Fontana di Trevi diventa ancora più splendente e i mattoni dei Fori Imperiali di un rosso scuro ancora più intenso.
I sampietrini che popolano dalle ampie strade ai vicoli più stretti e intimi diventano talmente lucidi da riflettere la luce bianca del giorno.
Si passeggia, chi protetto dal suo ombrello, chi incurante del maltempo tra la meraviglia.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PER CERTI VERSI
Gocce al tramonto
I murales ecologici di Roma
La Milano romana
Roma e rifiuti: problema sin dagli antichi romani

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi