Home > IL QUOTIDIANO > Roma spogliata, avanza il degrado

Roma spogliata, avanza il degrado

Tempo di lettura: 3 minuti

Care Virginia (leggi Raggi, Sindaco di Roma) e Pinuccia (leggi Montanari, Assessore alla Sostenibilità Ambientale di Roma), come molti di noi, ahimè, temono ecco ancora un altro weekend. Dovrebbe essere una pausa leggera, il meritato riposo dopo una settimana lavorativa impegnativa passata a cercare di rincorrere tram e autobus che non arrivano e metropolitane che si fermano e invece è un temutissimo appuntamento. Soprattutto per coloro che abitano nel centro di Roma. Fortunata che sei, dicono gli amici che ti sanno vivere in zona movida. Ignorano, i carissimi compagni di antiche passeggiate domenicali nella tua piccola cittadina natale, che ormai queste zone versano nel più grande e totale degrado.
Un abbandono quasi completo. Inarrestabile, indecifrabile, indescrivibile. Parcheggi selvaggi (non che in settimana sia meglio), ZTL che scattano solo quando tutti sono già entrati, spazzatura, vetri, sacchetti e cocci di bottiglia ovunque, ubriachi vocianti (per non dire urlanti e vomitanti) su scalinate e sotto i portoni imbrattati. L’incubo del fine settimana arriva, per residenti e non. Chi cerca un parcheggio non si cura di urtare le auto altrui, i cui proprietari ignari, svegliandosi la domenica mattina, hanno spesso la bella sorpresa di bozzi alati da tutte le parti. Si passa, si ha fretta, e allora gli specchietti sono solo un’inutile noia. Non una multa, non un vigilante, non un controllo.
Per non parlare degli ammassi di rifiuti e cenci che si trovano adagiati su alcune scalinate che portano al ventilato e meraviglioso Gianicolo. Tanto chi controlla, chi vede o sente nulla. Questa è Roma, devi avere pazienza, mi dicono. Protestare non serve a nulla, denunciare nemmeno. Ma come si può, carissime Virginia e Pinuccia, accettare che questa capitale, specchio delle meraviglie di un paese bellissimo, vetrina di presentazione dell’Italia intera, sia lasciata a tanto degrado? A chi, come me, rientra dopo tanti anni di lavoro all’estero, consapevole di quanta arte e bellezza ci riconosca il mondo intero, a chi come me ha fatto ogni sforzo per rappresentare e presentare il bello di questo paese nel mondo, come si può chiedere di accettare questo? Non mi rispondete, vi prego, con il classico nemo propheta in patria. Sarà anche in parte storicamente vero ma inaccettabile.
Vogliamo parlare poi degli ambulanti selvaggi che invadono strade e piazze, spesso nascondendo, da abusivi, la vetrina di chi paga regolarmente le tasse? Non voglio citare le buche, se non per esserci finita almeno una ventina di volte appena la pioggia allaga le più belle vie del centro. O il blocco del traffico privato, annunciato la sera prima per il giorno dopo, in assenza di alternative pubbliche. La sostenibilità, questa grande parola, si scrive di una Roma sostenibile e che lotta agli sprechi. Tutto bello, ma ancora non funziona. Chiediamo solo controlli, rispetto, regole, da cittadini lavoratori (per chi abbia la fortuna di essere in tale categoria) che siamo. Da uomini e donne che vogliono solo vedersi riconoscere come essere umani normali, pensanti (e dormienti, status spesso impossibile). Non basta essere onesti per governare, così come non basta essere cinesi per insegnare bene la lingua cinese, come dice Vittorio Sgarbi. Ci vuole competenza, professionalità, studio, umiltà, dialogo e ascolto. E permettetemi, piaccia o no, tanto tanto controllo. A voi ora.
Foto in evidenza: Getty Images

Profilo Twitter di Virginia Raggi, vedi

Profilo Twitter di Pinuccia Montanari, vedi

Commenta

Ti potrebbe interessare:
FOGLI ERRANTI
E mi rilasso
I-detriti-del-Tevere
Salvare Roma ricominciando dall’acqua?
DIARIO IN PUBBLICO
Fra tifosi, artisti, medici e malati più o meno immaginari
Pomposa: l’isola che non c’è più

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi