Tempo di lettura: < 1 minuto

Restano solo i nomi, delle nude rose. Neppure le gocce d’acqua che si intrecciano tra i petali hanno una durata che supera un battito di ciglia. L’attimo che raccoglie la vita e la trasforma in un’eternità. Basta l’odore che arriva al cervello e si fa memoria. Memoria di luoghi, di suoni, di sapori, di colori. Basta un fiore che sboccia a far credere che un mondo migliore possa esistere. Basta un fiore che sboccia a credere che il domani arriverà. Basta un fiore che sboccia per tornare a credere: alla terra, all’acqua, al sole, al vento…alla vita.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Pioppi, golena, Po
Al cantón fraréś
Vito Cavallini: “Fetónt”
PRESTO DI MATTINA
Dire Dio oggi: per una teologia nel cono di luce della gente
PRESTO DI MATTINA
Il dono dell’aquila
FANTASMI
PERCHÉ I FANTASMI CI PERSEGUITANO

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi