Home > INTERVENTI > Rustici: “La mia battaglia persa per evitare a Sel alleanze innaturali e sbagliate”

Rustici: “La mia battaglia persa per evitare a Sel alleanze innaturali e sbagliate”

valeria-rustici

di Valeria Rustici

In questi mesi, non da sola, ho provato in ogni occasione a portare avanti con determinazione il compito che mi era stato affidato poco più di due anni fa.
Quello di spalancare porte e finestre del mio partito per fare entrare un modo nuovo di fare politica, quel modo che ho imparato e praticato nei lunghi anni di volontariato in Emergency e nei mesi vissuti dando vita ad una delle esperienze politicamente più belle della mia vita: La Fabbrica di Nichi.
Insieme ai compagni della Fabbrica abbiamo valutato attentamente la richiesta fattaci dall’allora dirigenza provinciale di SEL di entrare nel partito, di prenderlo per mano, di dargli vita con le nostre idee.
Dopo lunga discussione abbiamo accettato la sfida e ci siamo impegnati tutti, senza distinzione tra tesserati o meno, per far crescere questa casa comune.
E ci siamo riusciti. Il partito è cresciuto in termini di tessere e di consensi. Siamo riusciti ad agganciare con il nostro modo nuovo di fare politica, che rompeva gli schemi semplicemente perché quegli schemi noi non li conosciamo, pezzi importanti della nostra città.
Una bella soddisfazione, poi però è cominciata la stagione dei congressi.
In quei congressi, così a ridosso delle amministrative, a mio avviso, hanno ripreso vigore le peggiori pratiche politiche.
In ogni luogo insieme ad altri compagni abbiamo provato a sostenere l’idea che quello a cui dobbiamo puntare è governare sì, ma solo attraverso il consenso e non attraverso gli accordi di partito.
Altrimenti può succedere che si arrivino a fare le scelte più improbabili.
Perché a mio avviso è davvero improbabile che SEL possa riuscire a stare in un’alleanza che comprende pezzi della destra ferrarese senza perdere in credibilità.
SEL è nata con lo scopo di riuscire a raccogliere il popolo della sinistra in un unico luogo.
Il luogo che ospita quella sinistra che ha la giusta ambizione di governare.
Ma il minoritarismo, a mio avviso, non sta solo nell’atteggiamento di chi si accontenta di stare all’opposizione. Io credo che ci sia un’altra forma di minoritarismo: quello proprio di un partito che non ha nessuna ambizione di crescere e che si rifugia nelle scelte più comode.
Io credo che la politica sia oggi purtroppo squalificata agli occhi dell’opinione pubblica anche per colpa di scelte incomprensibili come quella che il nostro Coordinamento Provinciale insieme all’Assemblea hanno deciso di prendere.
Chi ci ha apprezzato fino ad ora non lo ha fatto perché eravamo alleati del PD costi quel che costi, ma lo ha fatto perché eravamo riusciti ad attraversare il trasformismo politico con la nostra corrispondenza tra pensieri, parole e fatti.
Sono arrivata fin qui, fino ad oggi, cercando di portare in ogni luogo di discussione quelli che non erano solo i miei dubbi ma anche di tanti altri compagni e compagne.
Ho lottato per evitare che una scelta come questa fosse presa. Ce l’ho messa tutta.
Per quanto mi riguarda voglio troppo bene a SEL per prenderla per mano e farla schiantare contro un muro.
Avrei voluto contribuire insieme ai miei compagni e alle mie compagne a far raggiungere a SEL un risultato importante. Ci tenevo proprio tanto perché avevamo già mille idee su come avremmo potuto essere utili alla nostra città.
Ma la Strada Giusta non è in fondo a destra.
E lo dico pensando alla mia vita e a quella dei miei compagni e delle mie compagne. Quella destra e le larghe alleanze che la sinistra ha praticato con essa hanno portato le nostre generazioni a dover convivere ogni giorno con il ricatto della precarietà.
Se vogliamo dare un futuro ai ragazzi e alle ragazze di questo Paese non abbiamo certo bisogno di imparare a saper stare nello stesso perimetro. Anzi tutto il contrario.
Dobbiamo imparare ad avere coraggio, quello stesso che la mia generazione ha dovuto imparare a sue spese per poter guardare in faccia la propria vita senza esserne travolta.
Francamente io credo sia inutile un partito che accetta il ricatto non solo del “voto utile” ma anche dell’“alleanza utile”.
Non è l’alleanza ad essere utile, sono le pratiche di politica attiva ad essere utili per la città e per il Paese.
A differenza di una parte della dirigenza provinciale del mio partito, non sono per niente fiera della scelta fatta e credo che non sia nemmeno utile rivendicarla come qualcosa di positivo. Penso inoltre che Ferrara Concreta rappresenti un problema per una coalizione di centrosinistra. La destra è il nostro avversario e per sconfiggerla non è di certo sensato prendersela in coalizione.
Occorre essere alternativi, non alleati.
Per questo ho deciso che non parteciperò in alcun modo a queste elezioni amministrative, e come me tanti dei compagni e delle compagne che hanno animato la nostra azione politica in questi anni a Ferrara e in Provincia.
Non lo farò né con il mio nome e il mio volto in lista, né facendo campagna elettorale.
E non lo farò nemmeno, come mi è stato suggerito, per fare a gara di preferenze con i miei compagni. Non è per questo che sono entrata in SEL.
Quando l’ho fatto, scommettendo su di noi, l’ho fatto perché ero convinta che questo fosse un luogo di sperimentazione politica, il cui fine ultimo fosse quello di essere utile agli altri.
Lo siamo stati e siamo stati convincenti, fino ad oggi.
Non lo farò perché sia io che i miei compagni e le mie compagne avremo ancora voglia di poter guardare negli occhi tutte quelle persone che in questi anni abbiamo preso per mano e che si sono fidate di noi anche dopo le elezioni.
Lo potremo fare solo se avremo dimostrato con l’esempio che c’è ancora un pezzo di comunità dentro SEL che non ha avuto nemmeno un dubbio sul fatto che se è vero che la politica è compromesso è anche vero che ci sono dei compromessi che non sono accettabili.
E che la coerenza rappresenta ancora una virtù.

Continuerò il mio percorso politico in SEL perché questo partito ancora mi rappresenta moltissimo sul piano nazionale. Penso ad esempio al recente successo dell’approvazione della legge contro l’odiosa pratica delle dimissioni in bianco ripristinata grazie al lavoro dei nostri parlamentari.
Mi impegnerò perciò per le elezioni europee e perché quel bel laboratorio cittadino che è diventato la lista L’Altra Europa Con Tsipras possa ottenere un ottimo risultato.
Continuerò ad immaginare e a mettere in campo progetti utili per la città insieme ai compagni e le compagne di Tilt! Ferrara (ex Fabbrica di Nichi).
E da ultimo faccio comunque un in bocca al lupo ai miei compagni e alle mie compagne che hanno deciso di candidarsi per queste amministrative per SEL e auguro buon lavoro anche a quelli che invece hanno deciso di candidarsi in altre liste perché possano portare anche in quei luoghi le competenze e la passione che avevano regalato a SEL negli ultimi anni, con la speranza che in futuro ci siano tutte le condizioni perché abbiano voglia di tornare a casa.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
CITTA’ VUOTA:
E il mio esame di maturità? E il test all’università? Eppure sono convinta…
La rivoluzione di Guido d’Arezzo… O Guido da Pomposa?
I “tassi” compiono 10 anni tra letteratura e divulgazione culturale
La fabbrica umana

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi