Home > COMUNICATI STAMPA > Sabato 5 dicembre presso l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara ricordo di Ilio Bosi a vent’anni dalla scomparsa

Sabato 5 dicembre presso l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara ricordo di Ilio Bosi a vent’anni dalla scomparsa

Tempo di lettura: 2 minuti

da: Istituto Storia Contemporanea Ferrara

Sabato 5 dicembre, alle ore 11.00, presso la sala conferenze dell’Istituto di Storia Contemporanea, vicolo S. Spirito,11, a vent’anni dalla scomparsa sarà ricordato il sen. Ilio Bosi, uno dei protagonisti della storia di Ferrara e del nostro Paese nel ‘900.
L’evento ILIO BOSI protagonista del ‘900 antifascismo – democrazia – giustizia sociale, è organizzato dall’Istituto di Storia Contemporanea, di cui per diversi anni Bosi è stato membro del consiglio di gestione, in collaborazione con la sezione ANPI di Ferrara e l’Istituto Gramsci. Parteciperanno il presidente dell’ANPI Ferrara Daniele Civolani, il presidente dell’ANMIG Giorgio Pancaldi, l’on Antonio Rubbi e la famiglia Bosi.
Ilio Bosi (nato a Ferrara il 4 ottobre 1903, morto il 5 dicembre 1995) ha cominciato il suo impegno politico non ancora diciassettenne nelle file del Partito socialista, contro il fascismo che stava per prendere il potere. Arrestato più volte e condannato dal Tribunale Speciale , per antifascismo, prima a dieci e poi a sedici anni e otto mesi. Liberato dopo il 25 luglio 1943, partecipò alla lotta per la Liberazione . Fu tra gli organizzatori della Resistenza nelle Valli di Comacchio e poi a Milano divenne ispettore del Comando generale delle Brigate Garibaldi, infine membro del Triumvirato insurrezionale ligure.
Dopo la Liberazione fu chiamato a Roma, alla Direzione nazionale del PCI. Rientrò poi a Ferrara, dove resse per breve tempo la locale Federazione. Eletto alla Costituente, fu successivamente confermato per quattro legislature alla Camera e al Senato. In quel periodo fu pure segretario della Confederterra e diresse, anche a livello internazionale, il movimento contadino. Concluso il periodo degli incarichi parlamentari rientrò a Ferrara ricoprendo, con riconosciuta capacità, diversi ruoli d’amministratore pubblico. Bosi è stato anche presidente dell’Associazione perseguitati politici antifascisti e dell’ANPI di Ferrara, Poco prima di morire ha pubblicato, a cura dell’Istituto di Storia Contemporanea, un interessante libro di memorie intitolato “Il bastone e la galera” (1995 Corbo editore).

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi