Home > COMUNICATI STAMPA > Sanità e ricerca. Oncologia, malattie infettive, neuroscienze e scienze chirurgiche: anche quest’anno l’Emilia-Romagna è prima in Italia per numero di progetti e borse di studio approvati e finanziati.

Sanità e ricerca. Oncologia, malattie infettive, neuroscienze e scienze chirurgiche: anche quest’anno l’Emilia-Romagna è prima in Italia per numero di progetti e borse di studio approvati e finanziati.

Da: Agenzia Stampa regione Emilia Romagna
Resi noti gli esiti del bando del ministero della Salute 2018. Nove progetti di ricerca delle Aziende sanitarie e altrettanti degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, oltre a 5 borse di studio per ricercatori under 33
Bologna – Emilia-Romagna in cima alla classifica del bando per la ricerca finalizzata 2018 (fondi 2016-2017), indetto dal ministero della Salute. Anche quest’anno la Regione è prima per numero di progetti presentati (147) e per quelli approvati e finanziati (23, oltre l’11% del numero complessivo), cui va un pacchetto di risorse da 8 milioni di euro. Si tratta, nel dettaglio, di 18 progetti di ricerca clinica e 5 borse di studio (starting grant) per ricercatori alla prima esperienza, con età inferiore ai 33 anni.
A livello nazionale sono stati erogati più di 93 milioni, destinati a finanziare 197 progetti di ricerca e 38 borse di studio under 33.
“È un risultato che ci rende orgogliosi, perché premia i nostri ricercatori e tutto il nostro sistema sanitario- commenta l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi-. Un riconoscimento importante al valore dell’innovazione e della ricerca in sanità, su cui noi puntiamo fortemente e su cui tutto il Paese deve continuare a investire. Non c’è futuro senza ricerca: come Regione ci crediamo- sottolinea Venturi- e facciamo la nostra parte”.
Sono ancora in corso, intanto, le procedure di valutazione dei “Programmi di Rete” per creare gruppi di ricerca finalizzati allo sviluppo di studi altamente innovativi e caratterizzati dall’elevato impatto sul servizio sanitario nazionale. “Ai risultati, già estremamente positivi, per la ricerca finalizzata- conclude Venturi- potremmo affiancare quelli dei Programmi di Rete, con altri due progetti co-finanziati dal ministero e dalla Regione su tematiche di grande interesse, relative all’uso appropriato di antibiotici e ai nuovi approcci, metodologici e valutativi, per il paziente terminale”.
Ricerca clinica in primo piano
Diciotto, dunque, i progetti dell’Emilia-Romagna approvati, soprattutto nei campi della ricerca clinica in oncologia, neurologia, malattie infettive e microbiologia e nelle scienze chirurgiche, a cui vanno complessivamente quasi 7,4 milioni di euro. 9 sono stati proposti – attraverso la Regione, che ha la responsabilità di validarne la rispondenza con quanto richiesto dal bando – dalle Aziende sanitarie e 9 arrivano dai quattro Irccs dell’Emilia-Romagna. Mentre agli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico i finanziamenti (3,9 milioni) vengono attribuiti direttamente, i restanti 3,4 milioni vanno alla Regione, in qualità di destinatario istituzionale, che li trasferirà a sua volta, in base ad apposite convenzioni, alle Aziende sanitarie.
I progetti finanziati, per Aziende e Ircss di riferimento
I 9 progetti che hanno come destinatario istituzionale la Regione riguardano i ricercatori delle Aziende Ospedaliero-Universitarie di Bologna (5 progetti per un totale di 2,17 milioni), Modena (1 progetto, 208 mila euro), Ferrara (1 progetto, 350 mila euro), Parma (1 progetto, 360 mila euro) e l’Azienda sanitaria locale di Ferrara (1 progetto, 360 mila euro). Due rientrano nella categoria “Progetti ordinari di ricerca finalizzata”, 7 in “Giovani ricercatori”.
I 9 progetti degli Irccs, e i relativi finanziamenti (totale 3,9 milioni), risultano così distribuiti: 3 sono dell’Istituto delle Scienze Neurologiche del Bellaria di Bologna (Ausl di Bologna), a cui vanno complessivamente 1 milione 350 mila euro; 2 dell’Arcispedale di Reggio Emilia (per un finanziamento di 784 mila di euro circa); 2 dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna (886 mila euro), 2 dell’Istituto Scientifico Romagnolo di Meldola (897 mila euro circa).
Tra i 18 progetti di ricerca, 8 sono quelli innovativi, mirati all’avanzamento delle conoscenze, mentre 10 riguardano il trasferimento di innovazioni nella clinica e nei servizi sanitari. I progetti per l’avanzamento delle conoscenze riguardano, come ambiti, le malattie infettive e microbiologia (2 progetti), l’oncologia, le neuroscienze, l’endocrinologia, le malattie dell’apparto digerente, la prevenzione del rischio e i comportamenti per la salute, la scienza molecolare (1 progetto in ciascun ambito).
I progetti clinico-assistenziali e organizzativi sono mirati allo studio di nuove strategie di screening, diagnostiche e terapeutiche in oncologia (3 progetti), neuroscienze (3) valutazione di tecniche innovative di imaging o chirurgiche (2), valutazione di nuove strategie diagnostiche e terapeutiche in ambito cardiovascolare e patologie muscoloscheletriche (2 progetti).
Le borse di studio per gli under 33
I progetti che vedono come vincitori ricercatori con età inferiore a 33 anni sono 5, con un finanziamento complessivo di 650 mila euro: 2 dell’Ausl di Bologna, 1 dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, 1 dell’Arcispedale di Reggio Emilia e 1 dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna; a ogni progetto vanno 130 mila euro. /CV

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi