Home > FOGLI ERRANTI > FOGLI ERRANTI
SCAMPOLI DI LOCKDOWN (5) – Natale con i tuoi, Pasqua con chi puoi

FOGLI ERRANTI
SCAMPOLI DI LOCKDOWN (5) – Natale con i tuoi, Pasqua con chi puoi

Tempo di lettura: 2 minuti

di Giovanna De Simone

Dopo i cenoni della Vigilia e i pranzi natalizi imposti a suon di compromessi e ricatti, con parenti e affini che si è cercato di evitare per tutto l’anno, le festività di Pasqua sono sempre state viste nei secoli come il grido di liberazione da dogmi, legami familiari e altre costrizioni imposte dal sangue e dai contratti. Chi si programmava fughe al mare, chi solitari ritiri di meditazione sulle colline, altri, più semplicemente, picnic in costume al parco urbano con gli amici.
Questa Pasqua di Covid ci ha chiuso in casa con chi, accidentalmente in quel preciso momento storico, stava transitando nei nostri spazi domestici. Come quando una mattina Berlino si svegliò divisa da un muro.
Le tre coinquiline che avevano deciso di non andare ad infettare il paesino natio al Sud, hanno steso un asse di legno fuori dal balcone per congiungersi con il vicino sessantenne che abita da solo e che possiede un barbecue in balcone. Come menù di Pasqua si prevedono scones salati, lasagne al forno, grigliatona di carne e verdure, tiramisù e un paio di bottiglie di Aglianico tenute apposta per le occasioni speciali.
I coniugi che stavano per separarsi hanno deciso di rivelarsi le proprie storie parallele e faranno un pranzo a quattro in diretta Skype con i rispettivi amanti, annullando in questo modo tutte le ritorsioni e le guerre per spartirsi i mobili.
La casalinga per protesta ai doppi lavori forzati a cui è stata costretta in questa quarantena, ordinerà su just eat sushi fino a sfondarsi, solo per sé, lasciando marito e figli nello sconcerto.
Infine si rimpiangeranno le odiose ammucchiate familiari e solo in quel momento, con il cucchiaio affondato nella zuppa inglese e un litro di vino rosso in corpo, si video-chiameranno tutti gli amati parenti-serpenti perché la lontananza si sa, è come il vento, che fa dimenticare chi non si ama.
E in questa Pasqua di coronavirus il cielo è terso, le temperature superano i ventisei gradi e i venti sono assenti.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
BUFALE & BUGIE
L’ascensore maledetto: cosa dice davvero lo studio scientifico
BUFALE & BUGIE
Storia di un Sindaco “complottista”: ma i suoi dubbi sul 5 G sono gli stessi della scienza indipendente
TERZO TEMPO
Arrivederci a Tokio 2021: ma l’emozione olimpica vive nei ricordi
Dora, Amalia e l’incendio di via Santoni Rosa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi