Home > COMUNICATI STAMPA > Sciopero indetto dall’Associazione Nazionale Commercialisti

Sciopero indetto dall’Associazione Nazionale Commercialisti

Da: Ufficio Stampa Anc – Ferrara

La manifestazione proclamata per il caos ISA e le mancate semplificazioni fiscali

Anche ANC Ferrara, sull’onda delle decisioni assunte dall’Associazione Nazionale Commercialisti unitamente a Adc, Aidc, Anc, Andoc, Fiddoc, Sic, Unagraco, Ungdcec ed Unico e con il sostegno del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, ha proclamato nel rispetto delle modalità contemplate dal codice di autoregolamentazione vigente, l’astensione degli iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili dalle attività riguardanti la trasmissione telematica dei propri modelli di pagamento F24 nei giorni 30 settembre e 1 ottobre, la partecipazione ad udienze presso le commissioni tributarie provinciali e regionali nei giorni compresi tra il 29 settembre ed il 7 ottobre.

“Il disagio dei professionisti, determinato dal proliferare degli adempimenti fiscali – è scritto nel documento rivendicativo in cui si proclama lo sciopero – e il caos ISA per il quale le associazioni nazionali hanno chiesto a gran voce ma invano la disapplicazione per l’anno d’imposta 2018, ha senza dubbio aggravato la situazione”
“ANC Ferrara – dice il presidente Alberto Carion – ritiene che il ricorso all’astensione, a lungo dibattuta, si rende ormai indispensabile per dare un segnale estremo e tangibile di un malessere che incide, ormai da troppo tempo, non solo sui professionisti, ma soprattutto sulle aziende loro clienti. L’ostinazione con cui il MEF ha portato avanti la propria strategia senza rispettare i vincoli imposti dallo statuto del contribuente né quelli della correttezza istituzionale, con continui aggiornamenti a istruzioni e software (modificato sino a pochi giorni prima della scadenza del termine) ed in spregio alla sbandierata collaborazione che voleva con la categoria, ha portato ANC e le altre sigle sindacali alla determinazione che i fatti concreti dovessero finalmente sostituire le parole. Riteniamo – continua Carion – che sia giunta l’ora per la categoria di mostrarsi compatta e di far sentire la voce di protesta. ANC Ferrara, quindi, auspica che l’adesione dei colleghi alla protesta sia massiccia e convinta rispetto all’astensione proclamata”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi