COMUNICATI STAMPA
Home > INTERVISTE > ALTRI SGUARDI > “Sentieri antichi”, viaggio nel tempo con la mostra di Flavia Franceschini

“Sentieri antichi”, viaggio nel tempo con la mostra di Flavia Franceschini

Shares

Si chiama ‘Sentieri antichi’ ed è come un viaggio nel tempo, un’evocazione sensoriale di immagini suoni e ambienti, la mostra dell’artista Flavia Franceschini allestita alla Galleria Carbone, a Ferrara fino a domenica 22 aprile 2018. I materiali usati sono vecchie foto di famiglia, filmati di un secolo fa e poi veli, plexigas, la luce che si espande da lampade d’epoca. La sensazione non è quella di entrare nella galleria che si conosce, gestita da Paolo Volta e Lucia Boni sulla piccola piazzetta del centro storico, ma in un salotto nuovo, in un mondo misterioso, evocativo, tutto da esplorare. Le vecchie poltroncine da cinema – salvate dall’Apollo, che si trova di là dalla strada, al momento della sua ristrutturazione e trasformazione in multisala – sono posizionate secondo la loro funzione originale. Su quei sedili a ribalta, in legno e velluto rosso, un riservato gruppo di spettatori può assistere alla proiezione delle immagini in movimento, che scorrono su grandi teli velati al centro della stanza principale. Una luce soffusa e calda emana da un’abat-jour e dal lampadario acceso sopra al panno del tavolo rotondo di legno, come nella casa di una signora d’altri tempi.

Mostra di Flavia Franceschini, Galleria del Carbone, Ferrara (foto GM)

Nella saletta accanto ci sono tre file di fotografie antiche, recuperate, restaurate e incorniciate dall’artista in una sequenza che sembra la pellicola stessa di un film in versione dilatata. In alcuni casi le figure un po’ sbiadite si animano nei loro gesti grazie alla sovrapposizione di un’immagine sull’altra, con i personaggi immortalati in un parco o in un bosco che si stagliano davanti a quelli sotto, come in un teatrino. L’escamotage della stampa su materiale trasparente, posta a distanza da quella riprodotta su carta, dà la sensazione dello spazio tridimensionale, come avviene nei piccoli sipari del teatro di figura.

“Sentieri Antichi” di Flavia Franceschini: le immagini sovrapposte

In un’altra sequenza spicca sopra a tutti un volto di donna, bella come un viso di ceramica che rimbalza dal passato al presente per l’impressionante similitudine con le giovani figlie e nipoti dell’artista, che si aggirano per le sale, durante l’inaugurazione di sabato 7 aprile, con quei lineamenti di fanciulle in fiore. La protagonista principale delle riproduzioni che salta fuori da una inquadratura all’altra, da una fase infantile a quella adulta della vita, si materializza come un fantasma del passato, madre e matrice del presente.

Mostra di Flavia Franceschini, Galleria del Carbone, Ferrara (foto Giorgia Mazzotti, 7 aprile 2018, la nonna Angiolina)

È Angiolina Cavicchini il personaggio femminile più evocato e accarezzato su quelle pareti, la nonna paterna di Flavia, immortalata al momento del fidanzamento con Luigi Franceschini, ma anche prima e dopo. Un protagonismo che espande il suo ruolo dalla storia di famiglia a quella cittadina, perché è lei l’artefice della prima bandiera tricolore fatta sventolare a Ferrara nel giorno della Liberazione, il 24 aprile 1945. La bandiera – ha raccontato Flavia – era stata cucita di nascosto con le tre pezze di colori comperate in momenti differenti per non insospettire, ma riuscire a consegnarla in tempo all’unico figlio, Giorgio, tornato dall’Albania e arruolato nei gruppi partigiani cattolici. È lei che alla luce di una candela ricama clandestinamente le tre lettere, CNL, del Comitato nazionale di liberazione, che ancora si possono leggere al centro del drappo esposto nella sala del Consiglio comunale, in Municipio.

Il tricolore cucito clandestinamente da Angiolina Cavicchini Franceschini in un fotogramma della Liberazione, 24 aprile 1945

Quando nelle sale della galleria compare il ministro Dario Franceschini con in braccio la bambina piccola non ci si stupisce, non solo perché è il fratello dell’artista, ma perché è l’ennesimo gioco di apparizioni della mostra.

Dario Franceschini alla mostra di Flavia (foto GM)

Un momento dell’inaugurazione di sabato 7 aprile 2018 (foto GM)

Manca solo di potere sentire la musica da un giradischi con la voce di Mario Castelnuovo che canta “Perché i ricordi, lo vedi, sono qualcosa che serve ogni tanto, che è l’elemosina che ci lascia il tempo” e si completa il tuffo nella memoria di questo viaggio, dove ogni oggetto trovato diventa il tassello di un percorso.

Flavia Franceschini all’inaugurazione della mostra con Lucia Boni e Paolo Volta alla Galleria Carbone, a Ferrara (foto GM)

“Sentieri antichi” di Flavia Franceschini è in mostra alla Galleria del Carbone, via Carbone 18/a, Ferrara. Aperto fino a domenica 22 aprile 2018, dal mercoledì alla domenica ore 17-20, sabato e festivi anche ore 11-12.30.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
La Ferrara che cade a pezzi
Dragoni d’oro 2018: ecco tutti i vincitori del Ferrara film festival
LA FOTONOTIZIA
Ferrara Film Festival al via: 27 anteprime dal 16 al 25 marzo
torah-bibbia-museo-ebraico-ebraismo-ferrara-parole
Al Meis in mostra primi mille anni di Y-Tal-Ya, l’isola della rugiada divina

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi