Home > INTERVENTI > Sì alla difesa del Museo del Delta Antico e dei suoi reperti

Sì alla difesa del Museo del Delta Antico e dei suoi reperti

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Il Segretario Prc Comacchio Rossetti Andrea

Per quanto la contesa dei reperti archeologici presenti nel museo del Delta Antico, come Segretario del PRC di Comacchio, esprimo il mio pieno appoggio a Sindaco Marco Fabbri e nel difendere il Museo del Delta Antico ed i tesori di Spina che pare purtroppo detenga in via provvisoria. Voglio subito puntualizzare, prima che ci incolpino di questo, che non si tratta di campanilismo, penso in realtà che sia quasi una prassi consolidata quella di non far funzionare le cose nel nostro territorio che viente puntualmente sfruttato da tutti per farsi pubblicità durante le campagne elettorali, spendendo soldi in progetti che non spiccano mai perchè abbandonati a metà strada, esempi concreti di quanto detto sono la chiusura dell’ospedale San Camillo dopo che lo stesso fosse stato ristrutturato spendendo fior fior di soldi pubblici per poi essere trasformato in Casa della Salute a prescindere dagli accordi firmati dagli organi competenti solo per foraggiare quello di Cona, poi come non ricordare la tanto decantata idrovia servita a nulla se non a fare la rotonda di San Giorgio a Ferrara e ponti sparsi per la provincia come se dovesse passare il Titanic.
Per questo, per i succitati motivi oggi non posso far altro che unirmi alla difesa del territorio e del museo per dire basta a queste prese in giro, anzi rincaro la dose perché nel Museo del Delta Antico dovrebbero essere esposti molti più repeti di Spina, proprio quelli custoditi nei magazzini di Ferrara che prendono la polvere pur di non essere ceduti ai legittimi proprietari…. E questa vi pare tutela della cultura? È dall’inizio degli anni 80 che veniamo presi per i fondelli sul discorso museale non ostante già allora fossero stati stilati accordi mai mantenuti che hanno allungato i tempi sull’apertura dello stesso museo. L’identità di Comacchio è legata ai reperti di Spina e non esiste luogo sulla terra più consono a detenere ed esporre detti tesori. Spero pertanto che la direttrice del Museo Archeologico Nazionale Paola Desantis e le istituzioni competenti rivedanto tale decisione a parer mio poco strategica e mortificante per il territorio di Comacchio ancora una volta penalizzato delle scelte degli altri.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi