Home > COMUNICATI STAMPA > Si è svolta la scorsa settimana l’Open Day per l’avvio della seconda stagione del progetto “vita indipendente”

Si è svolta la scorsa settimana l’Open Day per l’avvio della seconda stagione del progetto “vita indipendente”

Tempo di lettura: 3 minuti

Da: Ufficio Stampa
BONDENO (FERRARA), 23-04-2019.
Il lavoro è stato tanto, con vari passaggi burocratici e amministrativi (in tutti i consigli comunali dell’Alto Ferrarese), ma il risultato portato a casa è stato altrettanto prezioso. Un anno dopo, la casa di via Gorizia a Ponte Rodoni, già ribattezzata “Villa Futura”, ha riaperto le proprie porte ad un gruppo di ragazzi. I quali, accompagnati da educatori ed operatori esperti, forniti dalla Cooperativa Serena (aggiudicatasi il servizio), lavoreranno assieme ai loro ospiti, per costruire un percorso che vuole portare gli utenti a ritrovare una parziale autonomia e indipendenza nella loro vita. Attraverso lo svolgimento di una serie di attività, in parte ricreative, in parte funzionali: cucinare, rifarsi in letto, riordinare la casa, il giardino, mettendo insieme manualità e senso di responsabilità. Un progetto che, proprio perché porta gli utenti fuori dall’ambiente domestico tradizionale, aiuta a crescere ed a sviluppare questo concetto di “indipendenza”, che per molti ragazzi rappresenta una conquista. «La soddisfazione e l’emozione di aver rivisto aprire le porte di “Villa Futura”, con i suoi ampi spazi interni ed esterni – dice l’assessore alle Politiche sociali, Cristina Coletti – sono state immense. Assieme a tutti gli operatori degli altri comuni del Distretto, abbiamo lavorato per ricreare le condizioni affinché il progetto “Vita Indipendente” continuasse. In questo senso, l’Open Day di questa seconda edizione, svoltosi giovedì scorso alla presenza degli utenti e delle loro famiglie, è stato un momento di inclusione importante, poiché soltanto lavorando tutti insieme è possibile arrivare ad un risultato». L’azienda Usl – era presente il coordinatore dell’area Disabili Adulti dell’Ausl, Massimo Forlani – contribuisce a questo programma di reinserimento sociale con un finanziamento di 70mila euro, mentre il resto rimane a carico dei comuni del Distretto Ovest: Bondeno (capofila), Vigarano, Terre del Reno, Poggio Renatico e Cento. Ad eccezione di Cento, aggregatosi in corso d’opera, in attesa dell’approvazione del bilancio, gli altri enti partner dell’iniziativa hanno conferito rispettivamente 3.756,97 euro (per quanto riguarda Bondeno) e circa 7.094,58 euro (per quel che concerne tutti i rimanenti comuni). «La casa di via Gorizia – conclude Coletti – continuerà ad ospitare le bellissime esperienze tramite le quali, seguiti da educatori e dalla direttrice del progetto Angela Dianati, i ragazzi ospiti lavorando assieme per raggiungere una parziale autonomia».

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi