Tempo di lettura: < 1 minuto

Capita, delle volte, di avere il bisogno di dire qualcosa. Capita, altre volte ancora, che il messaggio da veicolare sia duro. Capita, infine, di dover scegliere due strade: la lussuria della verità, ad ogni costo, o un silenzio mesto, opportunista. Il silenzio, però, costa di troppa fatica, e spesso, chi imbocca la prima strada, decide che la propria opinione deve andare oltre qualsiasi calcolo, persino al costo di perdere la propria libertà…

“È la caratteristica delle censure più rigide quella di dare credibilità alle opinioni che attacca.”
François-Marie Arouet detto Voltaire

Ti potrebbe interessare:
LA VIGNETTA
Giornalisti scomodi
A dieci anni dalla scomparsa di Antonio Tabucchi.
rileggere “Requiem” inseguendo fantasmi nella sua Lisbona.
LA VIGNETTA
Censura di guerra
silhouette libri cultura
Si censura Dostoevskij … per l’Ucraina o per noi?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi