Home > COMUNICATI STAMPA > Simone Saletti: Bondeno e l’Emilia si rialzeranno come dal terremoto. Festa della Repubblica sia l’occasione per rinsaldare i nostri sforzi

Simone Saletti: Bondeno e l’Emilia si rialzeranno come dal terremoto. Festa della Repubblica sia l’occasione per rinsaldare i nostri sforzi

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Comune di Bondeno

La Festa della Repubblica è stata la prima occasione pubblica, per tornare a celebrare valori condivisi, come quelli della Patria, dopo l’emergenza “Coronavirus”, la chiusura totale e la lenta e difficile ripartenza. Il Sindaco facente funzioni Simone Saletti ha tenuto il suo discorso davanti ad un pubblico più ristretto, rispetto a quello degli scorsi anni, quando ad animare la piazza erano soprattutto i giovani delle società sportive. Presenti, oltre al Sindaco, l’Assessore Emanuele Cestari, i comandanti dei Carabinieri Abramo Longo, della Polizia Municipale Stefano Ansaloni, il capo distaccamento dei Vigili del Fuoco Michele Marchetti, Andrea Ferrarini della Protezione civile, il Parroco don Andrea Pesci ed una rappresentanza delle società sportive e del volontariato matildeo. Assieme loro, anche i Consiglieri comunali Daniele Bernini, Michele Sartini e Tommaso Corradi. “di fronte ad un nemico invisibile e subdolo come il “coronavirus”, sono certo che la nostra Patria ed anche la nostra Bondeno sapranno distinguersi per la loro capacità di trovare dentro di sé le energie migliori per ripartire dopo l’emergenza sanitaria”. – ha detto il Sindaco davanti al monumento “La Madre” di viale Pironi – “Quella delle energie positive del nostro Paese non è una vuota retorica. Penso ai nostri medici ed alle infermiere, al personale sanitario tutto insieme, che ha fronteggiato con grande coraggio e altruismo le fasi dell’emergenza e che ora non devono essere dimenticati. Dobbiamo sempre conservare nella nostra memoria i nomi e i volti dei tanti amici, e degli operatori sanitari, che hanno perduto la vita in corsia, nel tentativo di salvare altre vite. Vorrei qui ringraziare anche le Forze dell’ordine, l’Esercito, la Protezione civile e tutti i corpi dello Stato che hanno pattugliato le nostre città, nel surreale clima creatosi a causa della chiusura totale. Ma che hanno permesso al tempo stesso, come il buon padre di famiglia, di impedire a molti cittadini di commettere sciocchezze e imprudenze. Agendo con consigli e saggezza, anziché con il metro del severo censore, attraverso turni massacranti e uno sforzo senza confini”. Davanti al monumento, si è celebrato un alzabandiera, servito a fare sventolare il tricolore su di una Città che, come tutto il Paese, sta ora lavorando per rialzarsi e ripartire.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi