1 Maggio 2022

Sono anziano, non idiota:
quando la digitalizzazione crea emarginazione

Nicola Cavallini

Tempo di lettura: 6 minuti

 

Maggio è il mese delle allergie. Personalmente ho un attacco di orticaria ogni volta che sento pronunciare la parola digitalizzazione. In Italia, paese nel quale l’apparenza prevale sulla sostanza, nel quale la programmazione ha l’orizzonte temporale di una tornata elettorale, abbiamo l’abitudine di rappresentare noi stessi come dei gran fighi semplicemente pronunciando come pappagalli una parola di moda. Che è tipo girare in Porsche in riserva e dal benzinaio fare sette euro di Gpl, come Checco Zalone in una scena iconica delle sue.

Allo stesso modo, giornalisti, ministri e sottosegretari si riempiono la bocca con questo vocabolo che sembra racchiudere tutto un mondo fantastico, digitalizzazione, un mondo di cui non sanno nulla. Invece, uno che lo sa è un medico in pensione spagnolo di nome Carlos San Juan, 78 anni, da Valencia. Ha lanciato su Change.org una petizione che veleggia verso il milione di firme – il che testimonia anche del suo fiuto per la comunicazione – contro la disumanizzazione delle banche, che colpisce soprattutto i clienti anziani e in genere fragili. Lui dice “soy mayor, no idiota”, ed ha ragione da vendere.

A chi non è capitato di dover rispondere ad una serie di domande astruse o incomprensibili, di non riuscire ad accedere ad un servizio perchè cade la linea (internet o telefono) e poi però avere la soddisfazione, dopo un gioco dell’oca interminabile, di firmare su un magnifico schermo digitale anziché su un pezzo di carta? Peraltro non hai nemmeno risparmiato la carta, perchè poi il contratto si deve stampare lo stesso. Le parole di Carlos San Juan che cito di seguito mostrano come cambia il panorama man mano che agli addetti fisici si sostituiscono le app o gli assistenti digitali, ma dietro non c’è nessuna pianificazione del passaggio ad un futuro digitale: “Ogni giorno è sempre più complicato ritirare o depositare soldi. O bisogna prendere appuntamento o fare tutto attraverso un’applicazione e le firme da fare sono sempre di piu”.

Appare evidente una prima contraddizione: la tecnologia complica le cose invece di facilitarle. E’ un fenomeno che smentisce quella che dovrebbe essere una funzione essenziale dell’ innovazione tecnologica nei servizi, ovvero semplificare la vita delle persone. A questo si aggiungono, specialmente nei paesi più arretrati dal punto di vista delle infrastrutture tecnologiche, due problemi.

Il primo è l’abbandono fisico dei territori più fragili. Proprio laddove ci sarebbe più bisogno di presenza, le grandi banche chiudono gli sportelli, in base all’assunto che si tratta di territori poco attrattivi (traduzione: dove i margini di profitto sono inferiori, con buona pace del ruolo sociale del risparmio e del credito). Sono “poco attrattivi” quei territori in cui l’economia è più fragile e dove l’età media dei clienti è più elevata.

Il secondo problema è l’arretratezza tecnologica del paese. Secondo una relazione commissionata dall’ONU, che ha esaminato i seguenti indici: la percentuale di brevetti concessi agli abitanti, le entrate sotto forma di royalties e diritti di licenza, il numero di host Internet, la percentuale di esportazioni di alta e media tecnologia, il numero di apparecchi telefonici, il consumo di elettricità, il numero medio di anni di istruzione, nonché il tasso lordo di scolarizzazione scientifica di terzo livello; i primi posti sono occupati da Finlandia (prima), Stati Uniti, Svezia, Giappone, Corea del Sud, Paesi Bassi e Regno Unito. Gli altri paesi dell’Unione europea che figurano nella sezione più alta della classifica sono Germania, Irlanda, Belgio, Austria e Francia. Il paese risultato al primo posto in base al criterio degli investimenti per ricerca e sviluppo tecnologico è la Norvegia. L’Italia è in fondo alla classifica.

Si potrebbe obiettare che questa ricerca è datata vent’anni. Guardiamo allora il recente Indice di digitalizzazione dell’economia e della società (DESI 2020) della Commissione europea: su 28 Stati membri dell’UE l’Italia risulta in 25° posizione, davanti solo a Romania, Grecia e Bulgaria.  Se si osserva solo l’indice denominato “capitale umano”, l’Italia è addirittura ultima. Dai dati riferiti al 2019, solo il 42% delle persone tra i 16 e i 74 anni possiede almeno competenze digitali di base (58% in Ue, 70% in Germania); la percentuale di specialisti ICT occupati è solo del 2,8% (3,9% in Ue e in Germania); solo l’1% dei laureati italiani è in possesso di una laurea in discipline ICT, il dato più basso nell’UE (3,6% in Ue, 4,7% in Germania) [leggi qui].
Al basso livello di competenze digitali consegue, ovviamente, un altrettanto basso utilizzo dei servizi.

Questa è la situazione, almeno in Italia (e in Spagna ho il sospetto che siano messi uguale). Quindi, quando un politico ciancia di digitalizzazione in Italia, ricordiamoci che è come un elettricista che sostiene di poter costruire l’impianto elettrico dell’Empire State Building, ma se andate a casa sua le prese non sono a norma e i fili della corrente sono scoperti. La rivendicazione di Carlos San Juan non è contro la tecnologia, ma contro la finzione del racconto secondo il quale mettere una app al posto di una persona semplifica la vita di tutti.

Forse la semplificherà ad un finlandese di settant’anni, che ha sempre il wifi sotto casa, sa usare uno smartphone e riceve un’assistenza efficiente. Viceversa la complica ad un settantenne italiano o spagnolo, che spesso non ha accesso al wifi, non sa usare uno smartphone e non riceve un’assistenza efficiente. E’ chiaro che una buona alfabetizzazione informatica è strettamente legata al grado di efficienza e fruibilità della tecnologia nel posto in cui si vive. A meno che non si pensi che l’anziano spagnolo sia biologicamente più cretino dell’anziano finlandese. Personalmente è una tesi che non mi convince: a me, il signor Carlos San Juan sembra tutto fuorché un cretino.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Nicola Cavallini

E’ avvocato, ma ha fatto il bancario per avere uno stipendio. Fa il sindacalista per colpa di Lama, Trentin e Berlinguer. Scrive romanzi sui rapporti umani per vedere se dal letame nascono i fiori.
Nicola Cavallini

Ti potrebbe interessare:

  • LE RINNOVABILI NON DECOLLANO…
    Le Comunità energetiche e solari sono una soluzione

  • ACCORDI /
    Gli Interpol e le luci del nuovo millennio

  • MEGALOMEN:
    L’Ombelico del mondo e la società dello spettacolo

  • interno autobus semivuoto

    Diario di un agosto popolare
    9. LA METRO, IL BUS E LO SCOOTER

  • Maternità parallele in un dramma collettivo:
    Almodóvar colpisce ancora

  • TERRA & ACQUA DA SCOPRIRE.
    La  Ciclabile Burana

  • Il treno di Margherita
    …un racconto

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi