Home > INTERVENTI > Spettacolo scuole media Pontelagoscuro

Spettacolo scuole media Pontelagoscuro

Da: Organizzatori
La 2^C dell’I.C. “Cosmé Tura” di Pontelagoscuro…alla ribalta!

Il 7 giugno, ultimo giorno di scuola, gli alunni della 2aC dell’I.C. “Cosmé Tura” di Pontelagoscuro, assieme ad alcuni compagni della 3aA, 2aA, 3aC, hanno portato in scena con grande successo, al Centro Sociale “Il Quadrifoglio” di via Savonuzzi, lo spettacolo “…E se capitasse a te?”.
Ad assistere alla rappresentazione la Dirigente Scolastica, Dott.ssa Lia Bazzanini, i docenti, gli alunni e i genitori.
Il progetto “Teatro-Ponte”, già iniziato lo scorso anno grazie all’organizzazione delle prof. E. Agostini e M. Calaciura, col supporto della collega G. Romano, e la collaborazione di due giovanissime coreografe – Chiara Marano e Sabrina Castellani – è rientrato quest’anno tra i progetti di “Scuola aperta e innovativa” PON dell’Istituto, finanziato, quindi, dai Fondi strutturali europei, all’interno del modulo “Italiano per stranieri”.
L’idea progettuale ha lo scopo di offrire ai ragazzi, soprattutto stranieri, la possibilità di apprendere l’italiano L2 con un approccio comunicativo per l’apprendimento delle lingue, facendo esperienza del teatro sia come soggetti fruitori, ma soprattutto come protagonisti e produttori di attività-temi-azioni-laboratori che abbiano il fine di tessere una rete di partecipazione e relazioni, per cercare l’incontro con chi si ritiene escluso, disorientato, incompreso.
”E se capitasse a te?” si compone di due parti: “ ’A livella ” di Totò, che ci fa riflettere sull’uguaglianza, sia nella vita che davanti alla Morte, e poi la famosa commedia musicale degli anni ‘80 “Aggiungi un posto a tavola” di Garinei e Giovannini, con musiche di Armando Trovajoli, che invoglia all’accoglienza, al riconoscere l’altro come una risorsa e non come un peso per la società.
I ragazzi hanno partecipato al progetto con entusiasmo, migliorando l’autonomia e i rapporti interpersonali e sperimentando come l’arte teatrale può essere intesa come opportunità di crescita interiore e come mezzo efficace e “leggero” di trasmissione di messaggi positivi sulla vita e sull’essere “uomo”.

Da: Organizzatori

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi