COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Spettacolo teatrale contro il femminicidio e la violenza di genere

Spettacolo teatrale contro il femminicidio e la violenza di genere

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Organizzatori

Sabato 30 novembre presso il Centro Culturale il Mercato di Argenta si è tenuto una coinvolgente piece teatrale sul problema attualissimo della violenza di genere. Per celebrare la Giornata Internazionale contro il Femminicidio due associazioni di Argenta, il Centro Artistico Argentano e Avis Comunale Argenta, in collaborazione con il Centro Antiviolenza Provinciale, l’amministrazione Comunale e l’Istituto Superiore Levi Montalcini hanno dato vita e pathos a questo irrisoluto problema.
L’evento si è aperto con i saluti della Presidentessa del Centro Donna Giustizia, dott. ssa Paola Castagnotto, che ha informato il numeroso pubblico presente sui numeri sempre in crescita del fenomeno e sulla necessità del coinvolgimento delle nuove generazioni oltrechè sull’importanza di una cultura che rifugga e contrasti la violenza in tutte le sue forme.

E’ seguito un breve intervento dell Presidentessa di AVIS Comunale Argenta, Annamaria Toschi, che ha ringraziato l’Amministrazione Comunale, i ragazzi ed i docenti dell’Istituto Superiore ed in particolar modo il Centro Artistico Argentano nella persona della sua Presidentessa Iris Angela Graciela Fumaneri per la collaborazione sinergica e l’alto livello delle performance organizzate. Avis, nata dalla morte e dal sangue di una donna, ha nella propria mission il contrasto ad ogni tipo di violenza, la diffusione di principi di rispetto, uguaglianza, solidarietà, partecipazione sociale e civile e ha proposto un coinvolgente seppur crudo cortometraggio di Paolo Budassi “EVA” , gentilmente offerto dall’Associazione Zero30.

Poi i bravissimi artisti di “Incontroll’Arte” e dell’Associazione Le Delizie Armoniche di Sandra
Mongardi hanno dato vita a letture, danze, canzoni, monologhi e dialoghi che hanno letteralmente rapito il folto ed attento pubblico presente. Nonostante l’argomento e la presentazione molto intensa, coinvolgente e piena di pathos, al termine è stata unanime la dichiarazione dei partecipanti: uno spettacolo da proporre e riproporre per il bene delle donne, degli uomini, dei ragazzi, della società.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi