Home > IL SETTIMANALE > Srebrenica: un genocidio ormai dimenticato

Srebrenica: un genocidio ormai dimenticato

Tempo di lettura: 2 minuti

11 luglio 2011 - Potocari Bosnia i Herzegovina

Una donna prega. Prega in mezzo ad altre bare, centinaia di altre bare.
Altre donne tra le 520 bare di quell’anno.
Chi c’è in quella bara? Sicuramente un uomo, un padre, un marito, un fratello o un figlio.
L’11 luglio del 1995, tutti gli uomini sopra i 15-16 anni furono radunati e uccisi nell’arco di 48 ore perché “musulmani” dalle truppe serbe entrate in Srebrenica grazie alla noncuranza dei Caschi Blu dell’ONU che abbandonarono al loro destino gli abitanti di quella insanguinata città.

Fu un genocidio. La prima stima fu di 8732 vittime della pulizia etnica compiuta dai serbi.
Ogni anno altri resti vengono trovati occasionalmente al rinvenimento di fosse comuni che i carnefici hanno frammentato prima della ritirata.

Solo grazie al dna sarà possibile dare un nome ai frammenti di ossa che si trovano nelle fosse comuni gli anni successivi alla strage.

La cifra di quelle vittime continua a crescere ogni anno.

Chi ci sarà in quella bara?

Commenta

Ti potrebbe interessare:
25 APRILE A METÀ:
radici del razzismo e scheletri negli armadi
(seconda parte)
LA STORIA INFINITA DELLA VIOLENZA PIU’ ANTICA:
ma la guerra alle donne continua in tutto il mondo
L’ACQUA IN BORSA? NO GRAZIE
firma l’appello contro la speculazione sull’acqua bene comune
guernica-picasso
Regia Aeronautica Italiana

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi