23 Aprile 2020

CONDOMINIO EUROPA: STESSA FAZZA, STESSA RAZZA?
Cara Europa, rimetti a noi i nostri debiti.

Nicola Cavallini

Tempo di lettura: 8 minuti

Consiglio Europeo del 23 aprile 2020, Era Post Covid. Giornata fondamentale, perché l’Europa dovrebbe decidere se dare soldi o prestare soldi o abbonare debiti (all’Italia in primo luogo), o fare nessuna delle tre cose. Non sono un economista né un opinionista. Ne parlerò in modo rudimentale e grossolano, per cui gli economisti mi perdoneranno, mentre ho la pretesa di dire meno stupidaggini di molti opinionisti.

Fate finta che l’Italia sia una famiglia. La vostra famiglia, che vive in un condominio chiamato Europa. Non godete di una grande fama tra alcuni altri condomini: siete spesso indietro sul pagamento delle spese comuni. Però fate bene da mangiare – meglio di tutti -, sapete confezionare bei vestiti, indossate le scarpe più sciccose e gli occhiali più fighi (questo sarebbe il nostro export). Vi invidiano perché sapete godervi la vita e vi detestano perché spendete troppo (il debito). Però vi tollerano perché come gli fate voi la pizza, l’amatriciana e il cappuccino…Come tutti, le vostre entrate sono ferme per colpa del virus mondiale. Non si lavora, non si guadagna. Avete bisogno di soldi, come tutti. Solo che voi assomigliate ai greci: “una fazza, una razza”. Quindi quando qualcuno parla di darvi soldi (o voi li chiedete) è tutto un inarcar di sopracciglia nordiche e teutoniche.

Però lo sanno che non siete greci. Assomigliate, ma non siete. Troppo piccoli, i greci. Voi vi siete allargati. Fate lavoretti, aggiustate le cose, in condominio ve la cavate. Sempre. L’arte di arrangiarsi ce l’avete nel sangue. E casa vostra è un gioiello, quando gli altri la visitano restano a bocca aperta, e siete dei perfetti padroni di casa. Insomma, gli fate comodo.

Vi offrono un prestito quasi illimitato a tasso quasi zero, e li potete restituire con calma, molta calma. Decenni. (Questo sarebbe il MES). Attingete pure, senza condizioni, vi dicono – senza condizioni adesso, almeno. Molti dicono, anche tra i vecchi tromboni, che dovreste prenderli, quei soldi. Sono tanti, senza condizioni, così non avete più bisogno di chiedere soldi in giro, agli amici nel mondo che ve li prestano ma vogliono in cambio degli interessi più alti, perché si fidano sempre meno di voi (questo sarebbe il mercato, cui piazzare Bot Cct e Btp).

In questo ragionamento non dovete trascurare un dettaglio: si tratta comunque di un prestito (sempre il famoso MES). Quei soldi li dovete restituire, e voi attualmente non avete un problema di liquidità, avete un problema di solvenza, perché non state incassando. Quindi hai voglia a restituirli con calma, quei soldi. Come? Quando? (Questo è Varoufakis)

Qualcuno allora vi suggerisce di uscire dal condominio. Mandate affanculo tutti, Italia, mettetevi in proprio e non vendete più niente a nessuno. Autarchia totale. Ripristinate anche la gloriosa vecchia lira. E poi tornate a stampare moneta! Così il vostro debito ve lo pagate da soli, una partita di giro con la Banca Centrale, finalmente di nuovo autonoma e sovrana. L’Italia s’è desta!

Anche in questo ragionamento ci sono un paio di problemini. Uno lo insegnano al primo anno di economia. Se vi mettete a lanciare banconote da un elicottero lasciando fermo tutto il resto – fermi gli stipendi reali, ferma la produzione di beni e servizi – all’inizio sembra una pacchia. Tutti hanno più soldi in tasca di prima. Ma i beni prodotti sono sempre quelli, e sono relativamente scarsi rispetto all’abbondanza di denaro messo in circolazione. La prima cosa che accade è che chi produce i beni ne aumenta il prezzo, perché la domanda di questi beni è superiore alla loro offerta. Chi offre di più? Inizia così, ed è una rincorsa, perché la gente acquista in anticipo, fiutando l’ulteriore aumento dei prezzi (questa è l’inflazione), e il fenomeno diventa una spirale che fa crescere i prezzi, fino a quando vi accorgete (secondo inconveniente) che il valore delle banconote che avete stampato comincia ad assomigliare al valore delle banconote del Monopoli. Eh sì, perché quando con il milione del signor Bonaventura oggi comprate un televisore ed un cellulare, tra un mese solo un cellulare, e tra due mesi né l’uno né l’ altra, i soldi che avete in tasca valgono sempre di meno, e voi vi ritrovate poveri come prima, peggio di prima. In più, importare quello che non avete in casa vi costa un botto, perché lo pagate con la vostra liretta del Monopoli. Unica consolazione, potreste esportare i vostri occhiali vestiti pizze e mandolini a prezzi bassi a causa della svalutazione relativa della vostra moneta, ma non abbastanza bassi, perché per produrli avete dovuto ricaricarci sopra il costo della materia importata, che per voi italiani sovrani e autarchici è elevatissimo.

Italia, e quindi? Come la mettiamo? Debito solo nostro no; moneta solo nostra no; che ci regalino dei soldi è da escludere. Però… Il trattato di Lisbona, una specie di regolamento del condominio Europa in vigore dal 2009, prevede che l’Unione Europea e gli stati membri agiscano congiuntamente, mobilitando tutti gli strumenti di cui dispongono, qualora uno stato membro sia vittima di una calamità naturale o provocata dall’uomo. Ci siamo, no? Cos’è una pandemia se non questo? Beh, ma il condomino Germania (e i suoi derivati) può dire che la calamità Covid riguarda tutti, Germania compresa. Quindi perché favorire un paese in difficoltà (Italia) per responsabilità proprie, condividendo un debito europeo nel quale confluiscano tutti i debiti dei condomini? Perché io, Germania, che ho un debito di 100, devo metterlo in comune al debito dell’Italia che è 200, in modo da emettere un debito di 300 il cui peso relativo (da pagare) sia 150 a testa? (Questo sarebbe l’Eurobond).

Ho la risposta a questa domanda (Eureka!, e qui la Grecia torna ad essere insuperabile). Intanto, perché il regolamento del condominio di Lisbona lo prevede come principio – lo abbiamo appena letto, si chiama “solidarietà”. In secondo luogo, perché conviene anche alla Germania vendere in Italia i propri prodotti, ed il mercato italiano (che non è piccolo) reso povero ed incapace di potere di acquisto da un’austerità forzosa sarebbe ben presto una iattura anche per i nostri capi condominio.

In terzo luogo, nella storia europea è già accaduto che i forti siano andati in soccorso dei deboli, addirittura cancellando loro i debiti di guerra. E’ accaduto nella Conferenza di Londra del 1953. Il debole di allora era la Germania, che aveva appena perso la guerra, e aveva debiti inesigibili, se non a costo di non risollevarsi più. Sapete chi furono due condomini che abbonarono alla Germania buona parte dei suoi debiti? Non ci crederete: Italia e Grecia. Sì, proprio la Grecia, devastata allora nelle infrastrutture e nelle fabbriche, povera e da ricostruire, abbonò parte dei costi di questa ricostruzione al Paese nazista che l’aveva distrutta. Per non parlare del 1990, quando in nome dell’unificazione tedesca anche il resto del debito da pagare venne abbonato alla Germania. Che restituì come sappiamo il favore alla Grecia, affamando una nazione in nome delle politiche di rigore e di equilibrio nei conti.

Se l’Italia, quel famoso e gaudente e splendido appartamento nel condominio Europa, fosse unita nel pretendere l’applicazione del principio di solidarietà nel debito, gli Eurobond sarebbero molto probabilmente dietro l’angolo. Ma l’Italia non è mai unita, né mai lo è stata. Abbiamo un pezzo di rappresentanza italiana in Europa (Lega e Forza Italia) che ha appena votato contro gli Eurobond, assieme ai tedeschi, agli olandesi, agli ungheresi e ai fasci francesi, in nome del fatto che la Banca Centrale Europea deve comprare direttamente i nostri Btp; evento attualmente impossibile perché la BCE ha uno statuto che glielo impedisce, e se anche fosse possibile dovremmo continuare a pagare alla BCE interessi molto più alti di quelli che paga la Germania (e questa differenza è lo spread), e di quelli che dovrebbe riconoscere un Eurobond a chi lo compra.

Il Presidente del Consiglio e il Ministro dell’Economia italiani hanno un compito molto difficile, che va oltre le loro specifiche capacità negoziali e oltre i loro specifici limiti. Il loro problema è che non possono contare su un “esercito” unito, che li sostenga e faccia capire a tutti gli altri che quando il gioco si fa duro, noi giochiamo tutti insieme. Perché noi non siamo una nazione, siamo un insieme di comuni, di famiglie. Immagino sia questa la ragione per la quale la politica italiana esprima così spesso un personale disposto a segare il ramo sul quale sta seduto, in cambio di una becera, miserabile quanto effimera ribalta mediatica, di un meschino e vile cabotaggio. Incredibile è l’attualità della frase che, tanti anni fa, l’insuperato Ennio Flaiano scrisse al proposito: “La situazione politica italiana è grave ma non è seria”.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Nicola Cavallini

E’ avvocato, ma ha fatto il bancario per avere uno stipendio. Fa il sindacalista per colpa di Lama, Trentin e Berlinguer. Scrive romanzi sui rapporti umani per vedere se dal letame nascono i fiori.
Nicola Cavallini

Ti potrebbe interessare:

  • Save The Park: domani alle 16,30 il flash mob al Parco Urbano
    (Lettera ad un sindaco duro d’orecchi)

  • RICERCA E SOLIDARIETÀ
    Nistagmo, questo sconosciuto

  • ELEZIONI: “Si respira aceto”
    e a seguire: “Il lavoro da morire”

  • the end, fine, capolinea

    ELEZIONI: IL PD A FINE CORSA?
    Non basta un congresso e un nuovo segretario, dovrà cambiare un’intera strategia politica

  • Parole a capo
    Roberta Lipparini: “Nei titoli di coda”. Parole in libertà ma senza debordare troppo…

  • DONNA, VITA, LIBERTÀ
    Può succedere a Ferrara…

  • Parole e figure /
    La signora Bigodino, la la la la la

  • Un’analisi del voto: Meloni, Conte, Schlein e il problema della rappresentanza

  • Per Mahsa Amini e per sostenere la rivolta del popolo iraniano:
    Ferrara, piazza Trento Trieste: 28 settembre ore 17,30

  • Elezioni: “Tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi