Home > IL QUOTIDIANO > Sulla memoria
pico mirandola
Tempo di lettura: < 1 minuto

Ci sono nomi che fanno venire in mente un’unica certezza: l’importanza della memoria.
Se tale assunto fosse elevato da semplice esercizio di stupore a principio universale, si potrebbe dire che esempi di tale personalità dovrebbero farci ricordare come la memoria, individuale a collettiva, sia un bene prezioso da tenere in grande considerazione e da coltivare per ascendere ai più alti gradi della sapienza senza ripetere gli errori del passato. Memoria di uomini, e di un uomo che fu un illustre letterato, un ferrarese d’adozione, un umanista amante d’altri uomini e ispiratore del principio per cui tutti gli uomini sono liberi.
Alla memoria, ai vicoli di Ferrara, a Pico della Mirandola e a chi, soprattutto in questo periodo, combatte perché ognuno possa essere libero d’esser ciò che vuole.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Due passi in centro…
I GIOVANI DI FERRARA
e la “fauna inselvatichita” del Resto del Carlino
Un ‘Repair Cafè’ per una Sinistra Nuova:
Pensieri da lontano dopo il crollo di una ‘Fortezza Rossa’
Il re nudo, una fiaba moderna

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi