Tag: ak47

Consigli non richiesti: Ian Svenonius

Approfitto di questo spazio gentilmente offertomi per segnalare la pubblicazione in lingua italiana di un libro che ho avuto modo di leggere in inglese dopo averlo comprato direttamente dall’autore in persona.
L’autore in questione è un personaggio che potremmo definire “un tipo originale”.
Ho avuto modo di comprare il libro dall’autore – Ian Svenonius – perché mi trovavo presso Zone K e quella sera l’autore era sul palco a suonare e, a fine concerto, al suo banchetto a vendere dischi, magliette e quello che ai tempi era il suo nuovo libro fresco di stampa.
Il libro – in italiano – si chiama “Censura subito!!!”, traduzione più o meno libera, discussa e discutibile dell’originale “Censorship now!!”.
Avevo già letto gli altri libri di Ian Svenonius e li avevo apprezzati entrambi ma quest’ultimo, forse, è quello che ho trovato più “necessario”.
Qualcuno potrebbe a questo punto chiedersi: ok, necessario perché?
Qualcun’altro potrebbe chiedersi anche: ma chi è ‘sto Ian Svenonius?
Parto dalla seconda ipotetica domanda: Ian Svenonius è stato ed è il cantante di un sacco di gruppi che potremmo definire più o meno “punk”, i più famosi sono forse i Nation Of Ulysses, gruppo che se ne uscì con un disco d’esordio intitolato “13-Point Program to Destroy America”, cosa che rende già un po’ l’idea sul personaggio Ian Svenonius.
Attualmente è sempre in giro, sempre con un gruppo nuovo a fare una cosa sempre diversa e sempre uguale ma questo non è importante, almeno per me.
Devo ammettere che infatti lo preferirei più impegnato a scrivere che a suonare.
Ammetto anche che lo vorrei vedere un giorno alla Casa Bianca perché non ho nessun problema a farmi spernacchiare dicendo chiaro e tondo che Svenonius vale 10 Bernie Sanders e 10 Ocasio-Cortez.
Bene, e dopo aver detto questa cosa che mi tenevo dentro da un po’ è giunto il momento di spiegare perché ho trovato questo libro “necessario”.
Copio/incollo direttamente un pezzo del libro:

“Abbiamo bisogno della censura.
Censura per impedire alla radio di continuare a rigurgitare quel suo vomito ininterrotto.
Censura per la «stampa libera», creatrice di quella visione immaginifica del mondo che è la base intellettuale per lo sterminio di massa.
Censura per i libri: rozzi memoir, scritti da ghostwriter, di politici e celebrità, gente che dovrebbe marcire in carcere anziché stare in giro a tenere conferenze.
Censura per l’industria cinematografica, che sforna puerile apologia imperialista e pornografia pro-tortura.
Censura per l’arte, che col suo speciale statuto di immunità spiega e giustifica questa ideologia degenerata che rende possibile cotanta «libertà».
Tra tutti i sistemi che necessitano di essere soppressi e purgati, è bene cominciare proprio dall’arte. L’arte è il cardine.
All’apparenza insignificante, «la libertà di espressione creativa» è un depistaggio, una copertura, uno stratagemma, un’operazione sotto falsa bandiera.
Sostenere l’inalienabile diritto dell’arte a essere, dire e fare qualsiasi cosa, è un trucchetto ordito dai signori del Capitale che ha implicazioni assurde e insidiose.
È così che l’arte – al posto di essere uno scudo, un’arma, un manifesto politico impugnabile dai diseredati senza altre risorse – si è trasformata in una gloriosa fuffa la cui salvaguardia è affidata agli scagnozzi di uno Stato militarizzato.”

Ammetto che anche prima di leggere il libro mi ero ritrovato a pensare anch’io cose del genere e ammetto anche che – apparentemente – questo lacerto possa sembrare gratuitamente provocatorio e gratuitamente delirante.
Tuttavia, almeno secondo me, ogni “artista” dovrebbe interrogarsi su queste questioni.
Anche se leggendo questo estratto non sembrerebbe, il libro poi prosegue bello leggibile e soprattutto divertente, trattando in modo stranamente leggero questioni che messe giù così sembrerebbero “pese come una masegna” (cit.).
A questo punto, senza correre il rischio di rovinare l’eventuale lettura del libro a chi – eventualmente – si può essere intrippato leggendo queste righe, chiudo questo spazio-consigli-non-richiesti con il pezzo della settimana.
Cordiali saluti.

AK 47 (Weird War, 2004)

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi