Tag: albania

Lo stesso giorno
20mila profughi albanesi sbarcano a Brindisi

7 marzo 1991
circa 20mila albanesi sbarcano a Brindisi: è il primo sbarco di massa

La storia umana è fatta di continue migrazioni. L’Homo erectus raggiunse il Sudest Asiatico circa due milioni di anni fa. Il sapiens 100mila anni fa iniziò a spostarsi nel vicino Oriente. Oggi i flussi migratori sono in continuo mutamento, ma i motivi identici: scampare alla fame e fuggire da una guerra.
Anche l’Italia  è stata al centro di tanti e diversi flussi. Dopo l’Unità e almeno fino al Boom degli anni ’60  è stata un Paese di forte emigrazione. Si stima che tra il 1876 e il 1976 partirono oltre 24 milioni di persone.
Da metà degli anni ’70 in poi per la prima volta un leggerissimo saldo migratorio positivo (nel 1974 si registrarono 101 ingressi ogni 100 espatri). Le immigrazioni non avvenivano come siamo abituati a vederle oggi, non si trattava di immigrazioni di massa.
Il primo grande sbarco avvenne questo stesso giorno, il 7 marzo 1991.

All’orizzonte di Brindisi apparve una cosa mai vista prima. A largo della costa due grandi navi mercantili partite dall’Albania, la Tirana e la Lirija, con a bordo 6.500 persone si dirigevano verso le coste italiane.
In breve tempo la quantità di navi di ogni genere si moltiplicò, gli sbarchi erano continui. Nel giro di 24 ore un numero imprecisato di persone, tra le 18mila e le 26mila, arrivò sul suolo italiano.

Per l’Italia fu una sorpresa. I giornali non si occupavano praticamente mai di quello che succedeva in Albania, in pochi erano a conoscenza della difficilissima situazione che vivevano gli albanesi dall’inizio degli anni ’90. Praticamente nessuno sapeva che nei due mesi precedenti lo sbarco migliaia di albanesi arrivarono nella città portuale di Durazzo sperando di trovare un passaggio su una nave che li portasse in Italia. Il quotidiano di Brindisi in quelle ore scriveva: «gente esausta, affamata, ferita, senza un soldo in tasca, disidratata, semi-assiderata, con addosso indumenti che non potevano proteggerla da un marzo ancora troppo freddo. Eppure tutti quei disperati gridavano, ancor prima di scendere dalle navi, “Italia, Italia” e alzavano le braccia per salutare, con le due dita del segno di vittoria, sorridevano felici.

I brindisini da subito iniziarono una corsa alla solidarietà distribuendo acqua cibo e vestiti caldi spontaneamente, affiancando l’intervento celere ma insufficiente dello stato. Il Quotidiano di Brindisi la definì «una tale corsa alla solidarietà, all’aiuto spontaneo da sembrare quasi concorrenziale». Le persone davanti a tanta povertà e sfortuna non voltarono le testa ma con ogni mezzo possibile aiutarono quelle persone che scappavano dalla miseria.

Gli sbarchi continuarono fino ad Agosto. Migliaia di Albanesi raggiunsero le coste italiane e nonostante molti furono rimpatriati su aerei e traghetti con l’inganno (venne detto loro che sarebbero stati portati in altre città italiane), furono tanti quelli che riuscirono a rimanere in Italia grazie a permessi temporanei poi convertiti in permessi di soggiorno. Una possibilità, quella della conversione dei permessi temporanei, poi cancellata a causa della legge Bossi-Fini approvata nel 2002 dal governo di Silvio Berlusconi. Le norme in questione, soggette a tanti cambiamenti, si sono inasprite ancora nel 2008-09 con il pacchetto sicurezza Maroni approvato dal centro-destra.

Oggi sugli schermi dei nostri televisori siamo abituati a vedere spesso queste scene e abbiamo quasi normalizzato questa dinamica. La politica, come l’opinione pubblica, si è estremamente polarizzata sulle tematiche migratorie: da una parte chi chiede politiche attive per aiutare queste persone e essere realmente solidali, dall’altra chi vorrebbe rallentare l’afflusso inasprendo l’entrata nel nostro paese.

Proprio negli ultimi giorni diversi Paesi in Europa, commentando la dura guerra in Ucraina, hanno dimostrato come persino quando si tratta di persone che scappano da povertà e miseria ci sia una selezione dei migliori, una divisione tra migranti di serie A (europei e bianchi)  e di serie B (africani e neri).

Durante un intervento in Parlamento Matteo Salvini ha richiamato l’attenzione sulla necessità di aiutare chi scappa da una “guerra vera” e non da una “guerra finta”, chiama gli ucraini “profughi veri” anteponendoli a quei “profughi finti” che per anni sono arrivati sulle nostre coste.

In Inghilterra un giornalista ha definito i cittadini ucraini “relativamente civilizzati” contrapponendoli a quelli di Iraq e Afghanistan. Un inviato della BBC definisce “molto toccante” vedere “europei con occhi azzurri e capelli biondi che vengono uccisi”.
La BFM tv di Parigi sottolinea che “non stiamo parlando di siriani in fuga dai bombardamenti”, ma di “europei con auto che assomigliano alle nostre“.
Una giornalista della NBC in Polonia: “per dirla senza mezzi termini” – sottolinea durante il collegamento – “questi non sono rifugiati della Siria, questi sono rifugiati dalla vicina Ucraina, e francamente sono cristiani e bianchi, molto simili alle persone che vivono in Polonia.

La grande onda di empatia che ha investito i Brindisini e tutti gli italiani quel lontano 7 marzo sembra essere scomparsa e aver lasciato posto a molta indifferenza, e spesso a una narrazione razzista.
La memoria del primo grande sbarco dovrebbe insegnarci qualcosa.

Tutti i lunedì, per non perdere la memoria, seguite la rubrica di Filippo Mellara Lo stesso giorno. Tutte le precedenti uscite [Qui]

L’INTERVISTA
Con ‘mister’ De Biasi
alla scoperta
del pianeta Albania

Di lui – che trionfalmente ha trascinato il Modena in serie A, per poi ripetere l’impresa con il Torino e allenare nella massima serie il Brescia di Baggio, oltre ai granata e all’Udinese – si sono ricordati tutti, in questi giorni. La vittoria dell’Albania (della quale da tre anni è commissario tecnico) in Portogallo ha fatto scalpore. Noi, a Gianni De Biasi – vecchio amico di Ferrara e della Spal, riportata in C1 alla fine del… secolo scorso – abbiamo chiesto di raccontarci quell’universo sconosciuto che, agli occhi della maggioranza degli italiani, è l’Albania. La prima domanda però, non poteva prescindere dal suo trionfo calcistico.

Sei reduce da una grande soddisfazione, la vittoria in Portogallo al debutto nel girone di qualificazione per il campionato europeo. Come è andata?
Abbiamo vinto all’esordio di questa qualificazione all’Europeo 2016 contro una squadra che è all’undicesimo posto nel Ranking Fifa! Sicuramente siamo stati fortunati perché fra i lusitani mancava Cristiano Ronaldo, ma credo altresì che farei un torto ai miei ragazzi se non riconoscessi che l’Albania ha messo in campo le armi di cui dispone: organizzazione, agonismo determinazione e voglia di stupire.

tirana
Il centro di Tirana, capitale dell’Albania

Che Paese è questa Albania?
Dopo gli anni della dittatura e la caduta di Enver Hoxha, l’Albania si sta pian piano avvicinando all’Europa. E’ un Paese che sta con fatica cercando di mettersi al passo con il resto dell’Occidente. Tutto è concentrato nella capitale e in poche altre città come Durazzo, Valona e Scutari. È un paese in gran parte montagnoso, con coste bellissime in particolare da Valona verso la Grecia. L’estate scorsa ho fatto un tour in bici con alcuni amici e ho incontrato, specie nei paesi di campagna, una grande accoglienza e generosità che ha sorpreso anche loro.

Hai avuto difficoltà ad ambientarti?
No, diciamo che mi sono trovato da subito bene, il fatto che molti albanesi parlano la nostra lingua, mi ha aiutato moltissimo nelle relazioni. Per ragioni logistiche non passo molto tempo a Tirana perché molto del lavoro viene svolto nello scouting in giro per l’Europa, vivo spesso all’estero tra un viaggio e l’altro. Ho però casa a Tirana e sono iscritto all’Aire (Anagrafe italiani residenti estero).
Trovare amici non è stato difficile, ne ho parecchi sia tra alcune persone della Federazione, sia tra i giornalisti, che tra i molti italiani che vivono qui.

In Italia dell’Albania se ne sa davvero poco e prevale uno stereotipo negativo a causa dell’attività di alcune bande criminali. Ma i miei amici albanesi dicono che quelli che sono delinquenti qui da noi lo erano già in patria, dove entravano e uscivano dalle galere. E appena hanno potuto sono scappati all’estero. Lì la situazione com’è dal punto di vista dell’ordine pubblico e qual è l’atteggiamento e il carattere delle persone?
Purtroppo la fama degli albanesi, da noi, è quella del delinquente che ruba nelle case o che gestisce traffici di droga o prostituzione. In patria non vedo e non sento episodi criminosi legati a rapine in banca o scippi e nelle case. Io giro tranquillo per Tirana senza problemi. La microcriminalità non la vedi e Tirana, a parte il caos legato al traffico, è una città abbastanza tranquilla da questo punto di vista. Poi c’è la città della sera e dei ragazzi che hanno voglia di vivere e ci sono molti ristoranti e disco bar molto belli.

Cos’è rimasto del vecchio regime comunista?
La mentalità è aperta, moderna. Del vecchio regime rimangono solo poche testimonianze simboliche, con l’evidente eccezione del Mausoleo che trovi vicino al Boulevard principale. Molti edifici invece richiamano il periodo fascista con strutture di grandi dimensioni e lo stesso stadio Qemal Stafa è stato costruito dagli italiani e si richiama per concezione all’Olimpico di Roma.

A breve è prevista dal visita di papa Francesco. C’è attesa? E tu ci sarai?
Spero di poter partecipare e magari incontrare il Pontefice. Mi affascina quest’uomo così vicino alla povera gente, che parla spesso a braccio ma con il cuore e con un linguaggio semplice ma essenziale. L’Albania è suddivisa in tre religioni monoteiste: mussulmana la maggior parte, ortodossa una buona percentuale specie verso il sud e cattolica percentuale più bassa. Però non ci sono conflitti legati alla religione ed ognuno è libero di professare la propria fede.

C’è qualche luogo dell’Albania che ami particolarmente?
Come ti dicevo la costa sud è molto bella, poi sono rimasto affascinato da Berat una cittadina molto ricca di storia e chiamata anche “delle mille finestre” e Patrimonio dell’Unesco.

de-biasi-spal
Gianni De Biasi con il bomber Cancellato ai tempi della Spal

I tuoi progetti futuri? Nostalgia dell’Italia e del campionato nostrano? E Ferrara? E la Spal?
Per il momento l’unico obiettivo è di portare avanti il “progetto Albania” cercando di crescere giorno per giorno, di non addormentarsi per un successo all’esordio e facendo tesoro dell’esperienza acquisita nell’ultima qualificazione ai mondiale, sfumata nelle battute finali.
Ferrara mi ricorda momenti belli (avevo quarant’anni allora), la promozione e la Coppa Italia. Città molto bella a misura d’uomo e con un duomo e un castello che da soli valgono un lungo viaggio.
La Spal vive, ahimè, un periodo difficile, però niente può cancellare il fascino della storia e l’affetto degli spallini! In fondo, il periodo di grande difficoltà economica che vive il nostro Paese si riflette gioco forza sul calcio e anche Ferrara non sfugge a questa situazione.

 

Già, anzi. A giudicare, per esempio, dai dati sulla disoccupazione, per una volta – purtroppo – la città si sente addirittura epicentrica…

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi