Tag: alessandra camassa

NOTA A MARGINE
Dalla Chiesa: in Emilia contro la mafia bisogna alzare la guardia

“Noi non siamo eroi perché ci hanno ucciso, noi siamo eroi perché abbiamo voluto accanitamente capire e conoscere, per questo siamo diventati pericolosi.”
Queste righe sono tratte da “Noi e loro”, dialogo immaginario fra Giovanni Falcone e Paolo Borsellino scritto dal magistrato Alessandra Camassa, collaboratrice di Borsellino a Marsala, messo in scena da diverse compagnie e divenuto popolare con il titolo “Giovanni e Paolo”. “Noi” e “loro” sono state anche le due espressioni più usate a Cento da Nando Dalla Chiesa, ospite del Coordinamento per la pace nel centopievese, per parlare di mafia e antimafia oggi. Un contributo prezioso perché il risultato di un lavoro teorico (come docente a Milano dell’unico corso di sociologia della criminalità organizzata in Italia), dell’esperienza sul campo (come ex componente della commissione parlamentare antimafia), giornalista e ora presidente del comitato antimafia voluto da Pisapia a Milano, e dell’impegno sul piano etico, come famigliare di una vittima di mafia e come presidente onorario di Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, l’associazione fondata da don Luigi Ciotti.

scegliere-da-che-parte-stare
Nando Dalla Chiesa

Le premesse non sono certo incoraggianti: “le organizzazioni mafiose sono arrivate molto vicino a mangiarsi l’Italia”, afferma lapidario Dalla Chiesa, “i successi giudiziari di oggi ci raccontano quanto in realtà è stata facile in questi anni la vita della criminalità organizzata, nonostante l’antimafia”, e il pensiero corre a Mafia capitale e all’operazione Aemilia. La responsabilità è anche di chi per 30 anni ha affermato che “la mafia da noi non c’è” rappresentando “una realtà infedele”, ma soprattutto “smobilitando l’attenzione dei cittadini”. Al contrario bisogna prendere atto che “il nemico c’è” e che “questa è una battaglia contro dei professionisti che pensano a fare bene i mafiosi tutti i giorni, 24 ore su 24”.
E se di una battaglia si tratta la prima regola è “studiare l’avversario”: uscire dai pregiudizi interessati sulla geografia e sull’identità del fenomeno mafioso, riconoscere le banalità sulle sue trasformazioni culturali o sui modi di penetrazione nella vita economica e sociale”. E aggiunge Dalla Chiesa, “Non è vero che la mafia al Nord fa soltanto riciclaggio: più che riciclare, conquistano territorio e controllo sociale e si impadroniscono di pezzi di economia”; senza contare che mettendo l’accento solo sui fattori economici dell’infiltrazione si rischia di insinuare l’idea perversa che sotto sotto in realtà portino ricchezza: la verità è che “prima arrivano i soldi, ma poi arrivano i loro metodi”.
Per questo noi “dobbiamo combattere la mafia sotto casa e ribellarci alle forme di presenza mafiosa che ci troviamo di fronte”, e per farlo dobbiamo capire “il loro modus operandi”, “dobbiamo entrare nella loro testa, pensare a cosa farebbero loro, studiare la loro mentalità”. Una cosa tutt’altro che facile da fare nella pratica soprattutto pensando al forte tasso di compenetrazione fra realtà legale e illegale nel nostro paese: quella famosa zona grigia in cui si creano le relazioni sociali che sono il loro vero capitale. “I nostri territori sono stati conquistati da persone con una sapienza infinita nella costruzione delle relazioni: sanno qual è l’assessore o il magistrato avvicinabile, quale il redattore coniglio e quale quello coraggioso”. Per questo Dalla Chiesa sottolinea con forza che noi dobbiamo renderci conto che “la vera forza della mafia sta fuori dalla mafia, in tutto ciò che loro riescono a ottenere dalla società non mafiosa”. Ecco perché i fronti dell’antimafia in realtà sono la connivenza e la corruzione, ed ecco perché l’antimafia è “un affare anche di chi non ha toghe e divise addosso”, una responsabilità di tutti e di ciascuno di “sentirci difensori della democrazia di questo paese e della sua Costituzione”.

In conclusione noi cosa possiamo fare? Informarci, conoscere, non accontentarci delle spiegazioni superficiali, ma prima di tutto “scegliere da che parte stare” fra “noi” e “loro”, è il monito di Nando Dalla Chiesa.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi