Tag: alessandra santandrea

I “Mille Passi” di Thomas Cheval:
storia d’amicizia e di guarigione

Ho già intervistato Thomas Cheval diverse volte, ma ad ogni incontro riesce a meravigliarmi trovando sempre le parole migliori per spiegare ciò che accade nella sua vita. Ha da poco pubblicato un inedito intitolato “Mille passi”, un disco che racchiude una storia importante, quella di Sandra e Lulú.
“Tre anni fa ho iniziato a collaborare con l’associazione di pet therapy Chiaramilla. È stato l’attore Edoardo Boselli a chiedermi se volevo collaborare alla parte musicale dello spettacolo “La sedia di Lulú”, che l’associazione organizzava. Dopo essermi informato mi sono recato presso la loro sede e lì ho conosciuto la cofondatrice, Marina Casciani; ma a colpirmi e rapirmi sono state Alessandra Santandrea e il suo cane d’assistenza Lulú”.
Lo spettacolo nasce da un libro intitolato “Più di prima” che racconta la storia incredibile di Alessandra Santandrea e della sua cagnolina, di come quest’ultima abbia riportato in vita Sandra, la quale è stata vittima di un grave incidente stradale che l’ha resa paraplegica. “Lulú è un cane speciale, è fedele come tutti gli altri, ma ha qualcosa in più: ha ridato a Sandra un futuro pieno di speranze e progetti; l’ha riportata fuori casa e l’ha aiutata a superare la sua iniziale depressione; è stata la sua salvezza. Lulú, come dice la canzone, è una sorpresa”, mi racconta Thomas con uno sguardo carico di emozione.

Cheval è un diciannovenne pieno di speranze che ha scelto di iscriversi alla facoltà di Scienze dell’Educazione perché il sociale è un ambito che lo appassiona; per questo motivo è diventato testimonial dell’associazione di pet therapy Chiaramilla: “Sono spesso a contatto con persone paraplegiche e tetraplegiche; mi trovo bene con loro perché ogni volta ti insegnano qualcosa di nuovo, anche senza volerlo; ti fanno capire che spesso i veri disabili siano noi che ci reputiamo ‘normali'”.
L’inedito che Thomas ha da poco pubblicato è il riassunto perfetto di un legame unico, quello che lega Sandra a Lulú, una cagnolina che l’aiuta nella vita quotidiana, rendendo più semplici quelle mansioni domestiche che per chi è costretto su una sedia a rotelle non sono poi così semplici. “Mille passi” è una fotografia di questo rapporto speciale che nasce tra un essere umano e il proprio cane e, per chi ha o ha avuto al proprio fianco questo amico fedele, quest’immagine appare nitida, fin dalle prime parole. “Il brano è nato e morto tantissime volte – spiega Thomas con trasporto – è rimasto nel cassetto per due anni, ha subito svariate modifiche. La mia paura più grande era di sminuire la loro storia; volevo creare un brano “immortale”, perfetto, in grado di trasmettere, a chiunque l’ascolti, ciò che rappresentano Sandra e Lulú per noi. Da quando le ho conosciute sono nate in me tante domande, curiosità, specialmente per quel che riguarda il loro modo di comunicare. È stato proprio questo l’input da cui sono partito per scrivere e comporre “Mille passi”. Loro non possono parlare, quindi comunicano con lo sguardo e come dico sempre, dove non arrivano le parole, arriva Lulú”.

Il titolo dell’inedito fa pensare a un lungo cammino, un viaggio da percorrere “passo dopo passo”, come canta la toccante voce di Thomas Cheval: “Ho deciso di chiamarlo “Mille passi” per andare contro a quello che è il limite di chi è costretto in una sedia a rotelle. Ripeto sempre a Sandra “pensavi di non poter più camminare, invece è arrivata Lulù, che è i tuoi mille passi”. In questo mio brano sottolineo un’avventura che vivranno insieme, come se Sandra e Lulù fossero diventate una cosa sola”. Thomas ha voluto dedicare a questa coppia inscindibile un inedito che contiene riferimenti specifici alla loro vita, come una data importante, il 1° luglio del 2007, giorno in cui Lulù ha fatto il suo ingresso nella vita di Alessandra: “Ho ripreso l’inizio e la fine del libro e ne ho fatto una canzone che racchiude una storia vera, passata, presente e futura in cui possono immedesimarsi tutti quelli che hanno al loro fianco un cane”. “Mille passi” è la colonna sonora di “Più di prima”, uno spettacolo che va visto almeno una volta per soffermarsi un attimo a pensare a problematiche che spesso tendiamo a “schivare”: “Prima di conoscere loro, non sapevo molto di questo problema; spesso non sappiamo come comportarci con chi può guardarci solo dal basso verso l’alto, tendiamo a evitare certe questioni difficili da affrontare. Questo “ignorare volutamente” però ci porta a non dare il giusto valore ai dettagli. Chi è costretto su una carrozzina invece tende a fare tesoro delle più piccole cose e ci insegna a fermarci per un istante in questa vita frenetica, dove tutto corre e scorre troppo velocemente”.
Thomas, ragazzo energico e spiritoso, quando parla di ciò che lo appassiona tende ad avere lo sguardo perso, come se per qualche istante fosse totalmente rapito da ciò che gli sta a cuore. Quando a teatro ho visto Lulù aiutare Sandra a fare la valigia, rispondere al telefono, stendere i panni e apparecchiare la tavola, ho capito quanto Thomas avesse ragione a dirmi che “Più di prima” è uno spettacolo che va visto, almeno una volta. Nell’istante in cui le luci si sono spente sono rimasta immobile per un attimo e la sera sono andata a dormire con mille pensieri per la testa, il sorriso sulla labbra e le parole di Thomas che mi risuonavano nella mente: “Lulù è una forza per Sandra, ma lo è anche per tutti noi: ci ricorda di amare la vita, sempre, incondizionatamente”.

Thomas ha deciso di devolvere il ricavato del disco all’associazione Chiaramilla; per questo motivo l’inedito è acquistabile solamente online, singolarmente (http://www.itacaedizioni.it/catalogo/mille-passi-cd/) o allegato al libro “La sedia di Lulú” (http://www.itacaedizioni.it/catalo…/la-sedia-di-lulu-con-cd/), scritto da Marina Casciani e Alessandra Santandrea.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi