Tag: alla ricerca

La fantasmagorica storia della fotografa che immortalava l’animo fuggente

Chi cerca trova, e John Maloof lo sapeva quando si è messo sulla tracce di Vivian Maier. John era familiare con questo modo di dire, se si considera che, fin da ragazzino, era solito scovare le cose più impensabili e originali nei mercatini delle pulci. E lui, giovane fotografo e film maker, il suo tesoro nascosto l’ha trovato, quando, nel 2007, alla ricerca di materiale inedito e particolare sulla storia del suo quartiere di Chicago, su cui stava scrivendo un libro, si ritrova ad acquistare, ad un’asta, una scatola piena zeppa di negativi fotografici ancora da sviluppare. Sperava di trovare materiale utile al suo libro, avrebbe, invece, scovato una miniera inesplorata di storie di vita, di racconti tutti da raccontare, da scoprire e da vedere. Come quando si scarta un uovo di Pasqua e ci si attende una sorpresa che in realtà è ancora più bella di quanto si sperava. Come quando si riceve un regalo tanto atteso che si rivela un regalo del tutto inedito e inaspettato, ancora più meraviglioso di quello che si voleva. E John, da curioso cercatore quale è, ha trovato una sorpresa immensa, una delle più straordinarie collezioni fotografiche del XX secolo, un mondo unico e inesplorato. Andando, qualche anno dopo, alla ricerca dell’identità del fotografo, una donna di nome Vivian Maier scomparsa nel 2009, Maloof avrebbe scoperto anche una storia da romanzo: quella di una figura dall’immenso talento artistico, che aveva scelto, per tutta la vita, di mantenere il segreto sulla sua attività fotografica, preferendo fare la tata per i bambini delle famiglie bene di Chicago. Secondo le testimonianze, questo lavoro le permetteva di non faticare troppo per pagare un affitto e poteva stare sempre in strada, suo luogo di elezione.
Ma non era finita qui. Perché il vero tesoro trovato da John Maloof è un altro ancora, e si tratta di quello che, paradossalmente, non ha scoperto. Il giovane fotografo ha trovato, infatti, un autentico mistero, un insieme di interrogativi, che resteranno per sempre legati al nome e all’opera di Vivian Maier e che perpetueranno la storia e il suo fascino negli anni a venire. Di questa incredibile e avvincente storia, Maloof, ne ha fatto un bellissimo e intenso documentario, candidato al premio Oscar 2015, il mistero di una donna che ha segretamente scattato oltre 100.000 scatti, molti mai visti nemmeno da lei. Una delle più meravigliose e toccanti street photographer di ogni tempo.
Nel film (che si può vedere anche su Sky Arte ed è disponibile nei dvd della Feltrinelli), vi sono interviste, fotografie incredibili, ricerche nel villaggio francese della famiglia di origine di Vivian, aneddoti, storie, tanti elementi che contribuiscono ad alimentare questo mistero moderno. Una bambinaia che aveva viaggiato il mondo per otto mesi, da sola, che girava sempre con la sua Rolleiflex al collo, ovunque, per non perdersi nessun attimo di un’umanità intensa e spesso sofferente. Vivian era una fotografa segreta che coglieva l’animo delle persone (si definiva una sorta di agente), e che, cambiando nome (spesso si faceva chiamare Smith), non rivelando mai la sua identità, (tra)vestendosi con abiti fuori moda, inventando un accento francese, scegliendosi un lavoro “di copertura”, ha recitato una parte, anche se il motivo di questo comportamento resta sconosciuto. Come se non bastasse, la tragedia privata (che, sulla base delle testimonianze raccolte, poteva facilmente ipotizzarsi in subite violenze o molestie) e i tratti di durezza e persino di cattiveria attribuitele da chi l’ha conosciuta, fanno di lei un personaggio degno della penna di un grande scrittore o sceneggiatore. Vivian è stata fatta uscire dall’oscurità, dalle tenebre, le sono stati riconosciuti talento e fama che magari non avrebbe apprezzato da viva, silenziosa, schiva e riservata com’era. O magari da quel buio voleva proprio uscire, sotto la luce di un proiettore e dei suoi film in super 8 leggeri e toccanti. Lei, in fondo, combattiva e forte. In una delle sue tante registrazioni, si sente Vivian chiedere ad un bambino: “E ora dimmi, come si fa a vivere per sempre?” Ecco, adesso John Maloof le ha risposto. Con affetto e riconoscenza.

Alla ricerca di Vivian Maier“, di John Maloof e Charlie Sismel, con John Maloof, Marie Ellen Park, Phil Donahue, Vivian Maier, Usa, 2013, 84 mn.

Abbiamo già scritto su questa testata di una mostra dedicata a Vivian Maier [vedi].

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi