Tag: beneficenza

IMMAGINARIO
Su la coda.
La foto di oggi…

Sarà questa giornata pre autunnale che fa venire voglia di calore e raccoglimento, ma oggi anche noi abbiamo ceduto alla tenerezza dei gattini. Quello nella foto si chiama Pepe, e assieme ai fratellini Beppe e Biagio, molto affettuosi e vivaci, è adottabile dal 20 settembre. Se volete saperne di più, potete rivolgervi all’associazione “A coda alta”, volontarie che dal 2009 si occupano di adozioni di animali abbandonati.

Per conoscere le volontarie, gli animali in adozione e per dare il vostro contributo, fino al 20 settembre, c’è il Mercatino del nuovo e dell’usato, nel Chiostro di Santa Maria della Consolazione in via Mortara 98/via Guido D’Arezzo 2 a Ferrara, tutti i giorni dalle 10 alle 19, con tantissime cose nuove e usate. C’è di tutto: abbigliamento, scarpe, oggettistica varia, borse, giocattoli, bigiotteria, oggetti per la cucina a prezzi bassissimi. Il ricavato andrà ai mici abbandonati.

Telefono: 3311326850 (dalle 17 alle 20), no sms.
Per visitare il sito di “A coda alta, clicca qui.

OGGI – IMMAGINARIO ANIMALI

Ogni giorno immagini rappresentative di Ferrara in tutti i suoi molteplici aspetti, in tutte le sue varie sfaccettature. Foto o video di vita quotidiana, di ordinaria e straordinaria umanità, che raccontano la città, i suoi abitanti, le sue vicende, il paesaggio, la natura…

[clic sulla foto per ingrandirla]

pepe-gatto-gatti

LA STORIA
Davide Fratini fa gol con la solidarietà: “La vita è un altalena, aiutiamoci a risalire”

Davide Fratini è un ferrarese come tanti. Da tredici anni, però, organizza una manifestazione non comune. E’ il “Trofeo della Solidarietà”, in svolgimento a Corlo sino a questa sera. Tutto è cominciato, durante un allenamento, da un pensiero condiviso fra lui e i compagni della sua squadra amatoriale, su quanto fosse bello il calcio e quanto fossero fortunati a poterlo praticare. Era il 2001 e già all’epoca la compagine del Csi (fondata per divertirsi e non per ottenere il risultato a tutti i costi) associava all’impegno sul campo uno slancio solidale, donando sangue presso i centri specializzati. Ma scattò allora il desiderio di fare di più.
Organizzarono così un torneo locale, con la consapevolezza di non avere chissà quale appeal su cui puntare: poche squadre, poco pubblico e autotassazione per racimolare un gruzzolo da dare in beneficenza. La prima beneficiaria fu l’Ado, scelta dai componenti poiché “era tangibile l’impegno e l’utilizzo dei soldi che venivano donati”. Circa 600 euro depositati nelle casse dell’associazione, non male come inizio.
Da quel momento, la manifestazione si ripeté ogni anno, acquisendo via via più sponsor e dando visibilità a un numero crescente di associazioni cui era possibile donare i profitti del torneo (quest’anno le squadre sono 9, con triangolari il mercoledì e giovedì e finali il venerdì, un unico tempo da 35 minuti), provento della messa in vendita delle maglie autografate (donate direttamente dai club di serie A), dei compensi della lotteria e degli incassi dello stand gastronomico. In particolare su quest’ultimo, al prezzo totale del pasto offerto viene applicata una piccola “tassa” che va direttamente in beneficenza.

davide-fratini
Davide Fratini

Di fronte a me ho il fondatore, impaziente di darmi qualche dettaglio sulla nascita del progetto che, da tempo, porta avanti con tanta voglia e partecipazione emotiva: “Dico sempre che nella vita ho avuto periodi buoni e meno buoni, ad oggi sono fortunato: ho la salute, ho i genitori vivi – e questa cosa è fondamentale – e un contesto favorevole pur non sguazzando nell’oro; è in situazioni come queste che, guardandoti attorno, realizzi che non tutti sono nelle tue condizioni. E’ in quest’ottica che è nato il nostro trofeo: aiutare gli altri adesso – che è nelle mie possibilità – sapendo che prima o poi anche io potrei aver bisogno di loro, un giorno o l’altro”. La vita vista come una giostra dunque, fatta di alti e bassi, aiutando con generosità e non per secondi fini: “Negli episodi negativi della mia vita ci sono state persone che mi hanno aiutato, adesso tocca a me. In quei momenti sono stato sostenuto, e credo che quando si passi dalla sofferenza sia più facile dar vita a manifestazioni così perché o nasci con una forte sensibilità o non ti passa per la testa di aspirare a mettere in piedi un movimento del genere. Non lo porteresti avanti altrimenti, perché non hai “dentro” il dovere di esserci per qualcuno che ora non se la passa bene: quando vedi persone che ti sorridono, non si sentono sole, non c’è nulla che ripaghi l’emozione che provi in quell’istante”.

Negli anni poi, questo appuntamento di solidarietà si è confermato: “E’ difficile portare avanti con costanza e convinzione un proposito del genere, azioni come queste proseguono senza che nemmeno io sappia il perché. Credo che il tam-tam fra le persone e una crescente mobilitazione di sponsor sempre più importanti abbiano dato un contributo fondamentale comunque…”
Il tutto grazie alla presenza costante del volontariato, motore insostituibile: “E’ la colonna portante del mondo, ne sono “stra-convinto”. Dove non arriva lo Stato, arriva il volontariato, solo che quest’ultimo non fa rumore come la cronaca che conosciamo già. Il mondo si appoggia sul volontariato, pensiamoci… Anche le istituzioni ci son sempre state vicine (partecipano anche loro al trofeo) tanto che quest’anno abbiamo il patrocinio del consiglio dei ministri.”

maglia-totti
La maglia autografata di Totti, donata per la raccolta di fondi da destinare in solidarietà

Con il passare del tempo il trofeo è divenuto un appuntamento per le associazioni locali, nazionali e alcune internazionali, mi spiega Fratini: “Avendo conosciuto altre realtà ho deciso di allargare i destinatari dei flussi economici guadagnati dall’evento poiché credo che un po’ debba arrivare a tutti. Mi rifaccio alle parole di Papa Roncalli – “il Papa Buono” – che diceva che il Padre Nostro era per tutti e questo tutti per me è cercare di vincere l’egoismo, per far sentire importanti le associazioni e creare sinergie tra di loro. Si cresce confrontandosi, bisogna ascoltare e condividere con gli altri proposte e cambiamenti.”
Da queste parole si capisce anche come Fratini, proveniente da una famiglia cattolica, sia portatore di un’idea ben precisa di religione, quella del “tirarsi su le maniche e lavorare”: “Sono una persona concreta che alle preghiere preferisce rispondere coi fatti, pur non disprezzando la figura di chi prega, come mia madre, molto devota.”

Altro aspetto fondamentale è la “credibilità” e la trasparenza dell’evento che rendono il tutto più supportabile, come spiega l’ideatore: “Ormai le persone si fidano poco: qui invece ci si può informare di come operano le associazioni che collaborano con noi presso i loro stand nell’area adiacente al campo, sentire direttamente dai loro rappresentanti quali benefici può comportare una donazione. E’ tutto trasparente e così le persone sono invogliate ad aiutare di più: di solito non si dona perché non si sa dove vanno a finire i soldi spesi…” Meccanismo applicato anche allo stand delle divise da calcio dove chi decide di fare un’offerta per una maglia riceve indietro una ricevuta che certifica il bonifico a favore di una delle associazioni.

Ogni anno grandi ospiti del mondo dello sport hanno deciso di farsi porta voci di questa manifestazione: ieri sera era presente Rino Gattuso, campione del mondo nel 2006 con l’Italia di Marcello Lippi: “Gattuso ha voluto visionare tutto il materiale, è venuto anche gratuitamente. Si è dimostrato ben disposto a darci una mano. Come ospite si è accomodato al tavolo con i ragazzi disabili perché deve capire concretamente l’operato per cui viene organizzato tutto questo” spiega Fratini.

Tornando alle pagine d’archivio, “un momento particolarmente emozionante fu quando il giovane tenore Ludovico Creti cantò Pavarotti alla celebrazione dei 10 anni dell’iniziativa” (a Ostellato davanti a 1000 persone, era il 2010), lesse la lettera del capo dello Stato e consegnò la medaglia di rappresentanza a Davide Fratini: “In quel momento eravamo tutti uguali, una comunità, non avevo ‘vinto’ io. Non c’è chi è più bravo o meno: la manifestazione è aperta a tutti ed è bello ci sia questa mescolanza. Addirittura, in passato, vennero persone che avevano avuto problemi con la giustizia e se ne andarono via con un bel sorriso perché avevano trovato accoglienza”.

Al termine dell’intervista volgiamo lo sguardo al futuro: “Vorrei che questo impegno si mantenesse e si tramandasse, non so ancora in che modalità e a chi, ma ho già chiesto a qualche ragazzo che gioca nella mia squadra, vediamo se riesco a convincerlo…”.

LA CURIOSITA’
Dolci regali del cuore per tutte le bambine del mondo

E’ San Valentino e noi, amanti del rosa, abbiamo trovato una chicca. Ne ha parlato anche Marie Claire, in rete girano immagini delicate che invogliano a saperne di più. Edizione limitata, dunque, per alcune belle e leziose scatole di latta piene di biscotti, qualcosa di veramente dolce in una sorta di valigetta che potrebbe contenere sogni o cartoline. A mettersi alla prova è, ancora una volta, la famosa stilista parigina Chantal Thomass, nota per le sue linee d’intimo che si trovano nelle eleganti boutique di Rue de Faubourg de Saint Honoré o di altre splendide città come Roma. Chantal, regina del fashion, ha un tocco leggero e magico, perché trasforma in delizia ogni cosa che passa nella sua mente e fra le sue mani. I biscotti, poi, sono dolci per loro stessa natura, pronti a scandire i momenti della giornata. Possono accoglierci a colazione ma anche a merenda, di fronte a un tè con le amiche, in una pasticceria profumata o in un caffè d’altri tempi. Adatti a un Caffè Greco, di via Condotti, uno dei miei preferiti, ma non solo, ovviamente.
Chantal, donna-mamma-nonna, per il terzo anno consecutivo, ha collaborato alla realizzazione delle scatole di latta dei biscotti Delacre, come direttore artistico, e tutto per sostenere l’associazione Toutes à l’ècole, impegnata nell’istruzione delle bambine nel mondo (e, in particolare, in Cambogia), alla quale verrà donato il ricavato della vendita delle 150.000 scatole a disposizione, un totale di circa 75.000 euro. La stilista ha immaginato una collezione “viaggi”, quasi a voler trasportare il gusto dei golosi in giro per il mondo. Tre diverse edizioni da collezione: una con Parigi sulla scena (e un’architettura stile Versailles), una dedicata al Taj Majal, e, l’ultima, pensata per Shangai. Vi è poi una seconda collezione, dedicata al tema del segreto. Il tutto in bel una rosa “ultra girly”.
Quando la dolcezza è sinonimo di bellezza e solidarietà. Perché dunque non regalarne…

Sito dell’associazione “Toutes à l’ècole”, fondata da, Tina Kieffer [vedi]

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi