Tag: bias cognitivi

Cosa sono i bias cognitivi?

Il nostro cervello si è evoluto per sopravvivere all’enorme quantità di stimoli ambigui a cui siamo continuamente sottoposti, in modo da elaborare una (e non la) risposta. Ciò porta anche a degli errori nel ragionamento, una sorta di scorciatoie o inganni mentali.
In effetti, una delle componenti centrali della psicologia umana è lo sforzo teso a evitare il disagio mentale, secondo un meccanismo di “difesa dell’io”. Quando infatti ci troviamo di fronte a informazioni che smentiscono ciò in cui crediamo, si crea una tensione psicologica, che viene spesso risolta cambiando una delle proprie convinzioni. Eppure, la convinzione che cambia non è sempre quella che si è dimostrata sbagliata, perché ci sono molti modi per modificare un insieme di credenze, e non tutti sono razionali.
La nascita e la diffusione del concetto di “bias” (o “pregiudizi”) cognitivi si possono ricondurre all’inizio degli anni Settanta, grazie al programma di ricerca di Daniel Kahneman e Amos Tversky, che aveva lo scopo di comprendere in quale modo gli esseri umani prendano decisioni in contesti caratterizzati da ambiguità, scarsità di risorse disponibili o incertezza. Nel 1974, con l’articolo Judgement Under Uncertainty: Heuristics and Biases, i due studiosi sconvolsero il mondo accademico presentando la scoperta di tre bias. Il loro contributo fu rivoluzionario, concorse a fondare il campo dell’economia comportamentale e a minare la prospettiva della “scelta razionale” che dominava nell’economia; l’effetto fu quindi potente anche su altre discipline, tanto che Kahneman nel 2002 ricevette il Premio Nobel per l’Economia.
«Il bias cognitivo nasce come conseguenza dell’applicazione di un’euristica. […] Il ragionamento di tipo euristico, in opposizione a quello di tipo algoritmico, prevede che si giunga ad una risposta/output affidandosi all’intuizione piuttosto che seguendo un procedimento di verifica sequenziale degli step necessari allo scopo. Tale stile decisionale è preferibile in quelle circostanze in cui la scarsità di risorse cognitive e di risorse temporali impediscono una valutazione approfondita e ponderata di tutti gli elementi o quando l’output richiesto al sistema cognitivo concerne procedure familiari o già consolidate» (Cannito, 2017).
Nonostante in alcune circostanze il pensiero intuitivo offra numerosi vantaggi (come la velocità, il parallelismo, l’assenza di sforzo), in altre ci porta a formulare conclusioni errate sul mondo.
La ricerca per indentificare gli errori in cui la nostra mente può incorrere è in continua evoluzione e la lista di bias cognitivi conosciuti è in continuo aggiornamento. Ad oggi ne sono descritti oltre cento, alcuni molto diversi tra loro per ciò che concerne il meccanismo di genesi e il target dell’errore.
Ecco alcuni esempi di bias (tratti dalla tabella di Ceschi, Sartori e Rubaltelli, 2012):

Affection effect Riguarda l’influenza della connotazione affettiva verso gli oggetti che può alterare il processo razionale di presa di decisioni.
Anchoring heuristic Riguarda l’effetto che hanno i punti di riferimento nelle valutazioni compiute dagli individui.
Aversion to ambiguity I decisori sono avversi all’ambiguità
Belief bias Si tratta di un bias cognitivo che induce gli individui a prendere una decisione sulla base delle loro convinzioni.
Confirmation bias Si tratta di una tendenza che induce gli individui a preferire le informazioni che confermano le loro ipotesi ed a evitare possibilità contrarie.
Framing È un fenomeno che influenza la percezione decisionale, sulla base di un contesto di decisione positivo o negativo.
Regression toward the mean È un fenomeno che induce gli individui a non considerare l’effetto del caso su una serie di eventi

Bibliografia:
– Lotto, B. (2017). Percezioni. Come il cervello costruisce il mondo. Torino: Bollati Boringhieri.
– McIntyre, L. (2018). Post Verità. Trad. it. di A. Lanni. Torino: UTET Università, 2019.

Sitografia:
– Cannito, L. (2017). Cosa sono i bias cognitivi?. https://www.economiacomportamentale.it/2017/07/27/cosa-sono-i-bias-cognitivi/ [consultato il 25/04/2021].
– Ceschi, A., Sartori, L. e Rubaltelli, E. (2012). Un approccio empirico per una tassonomia delle euristiche e dei bias cognitivi. https://iris.univr.it/handle/11562/470757#.X_CdMNhKhPY [consultato il 25/04/2021].
– McIntyre, L. (2015). The Attack on Truth: We have entered an age of willful ignorance. https://www.chronicle.com/article/the-attack-on-truth/?cid=gen_sign_in [consultato il 25/04/2021].

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi