Tag: bombardamento dresda

Nemico fuoco
una storia piena di incendi

L’Australia arde: Nuovo Galles del Sud, Queensland, Western Australia, Victoria, South Australia, l’1,4% dell’intero continente. 10,7 milioni di ettari raggiunti dal fuoco, 6.000 edifici distrutti, 100.000 sfollati e 28 vittime. Le stime riguardanti la fauna perita nelle fiamme è ancora approssimativa ma con numeri da brividi. Un bilancio ancora parziale, destinato a riservare dati tragici. Siberia, Artico, Amazzonia, California sono l’ultimo nefasto elenco di aree interessate recentemente da roghi violenti di proporzioni sconvolgenti.

Il fuoco fa paura tanto quanto l’acqua: due elementi primordiali vitali potenti che nel pieno della loro furia incontrollata travolgono e portano desolazione e morte. La storia ricorda incendi in insediamenti urbani, che lasciarono il segno per portata e conseguenze. D’obbligo citare la città di Roma del 64 d.C. che nella notte tra il 18 e il 19 luglio venne divorata dalle fiamme. Le vittime furono migliaia e 200.000 persone rimasero senza casa. Vittime furono anche i cristiani, accusati dall’imperatore Nerone d’aver appiccato il fuoco, martirizzati in gran numero. Nel 1212 un incendio devastò Londra e tra i 3000 scomparsi molti morirono bloccati sul ponte simbolo della città, accorsi là per aiutare a contrastare le fiamme. La stessa Londra, il 2 settembre 1666 fu invasa da un grandioso incendio partito in un forno di panettiere, la cui rapida divulgazione fu favorita dagli edifici in legno con tetti di paglia, la conservazione di polvere da sparo in molte case, il sovraffollamento urbano. Si creò una situazione di panico collettivo e per convincere la massa urlante a rimanere e collaborare allo spegnimento, vennero chiuse per ore le porte della città, imprigionando gli abitanti. 13.000 abitazioni scomparvero e sparirono 4 ponti sul Tamigi. Il fuoco mise anche fine alla grande peste di Londra perché i ratti perirono tra le fiamme.

Nel 1940 la città subì il cosiddetto ‘secondo grande incendio di Londra’: eravamo in piena guerra mondiale e la notte tra il 29 e il 30 dicembre, una delle più violente incursioni aeree della Luftwaffe tedesca – più di 100.000 bombe sganciate sulla città e i suoi dintorni – provocò 1.500 incendi che generarono una temperatura di 1000°C. I muretti si sbriciolavano, le travi di ferro si deformavano, il manto stradale era in fiamme. Le difficoltà nel reperire acqua per lo spegnimento rallentarono le operazioni e le vittime furono 40.000, altrettanti i feriti.

Era il settembre 1812 quando Mosca bruciò. Un fuoco che divampò velocemente a causa della tempesta di vento e durò cinque giorni. Truppe e cittadini erano scappati dalla città mentre Napoleone e il suo esercito entravano. Dietro quel fuoco c’era una  precisa strategia: l’ordine del governatore Rostopcĭn di far esplodere o incendiare edifici importanti, chiese e monasteri. Bruciò la Borsa e il Cremlino venne danneggiato solo in un’ala. Fu veramente responsabilità di Rostopcĭn oppure si tratta di incidente fortuito? La popolazione stessa volle questo? Mosca bruciò, scrive Tolstoj, perché era stata abbandonata.  Tutte valide ipotesi, forse concause che ridussero in tizzoni ardenti la città simbolo della Madre Russia zarista.

Negli annali statunitensi sono registrati tre grandi incendi tra il 1871 e il 1872: due di essi riguardano le città di Chicago (1871) e Boston (1872), il terzo, dimenticato e quasi rimosso, la cittadina di Peshtigo, Wisconsin. I primi due ricordati e citati per l’entità dei danni patrimoniali, l’altro per le circostanze e il numero di vittime. A Chicago, avvolta nelle fiamme, sparirono 120 km di strade, 17.500 edifici, 222 milioni di dollari di proprietà; a Boston si prospettò, l’anno successivo, una situazione analoga. Dell’incendio di Peshtigo si è sempre parlato troppo poco, quasi non meritasse la stessa attenzione di Chicago, seppure ambedue gli incendi fossero scoppiati stranamente lo stesso giorno. Un disastro dimenticato dalla storia, partito dalla foresta, abbattutosi nella cittadina nel giro di pochissimo come una grande tempesta di fuoco. I 2500 abitanti perirono consumati dalle fiamme o annegati nei pozzi in cui tentavano di salvarsi o, ancora, morti nelle acque del fiume per ipotermia, seppelliti successivamente in una grande fossa comune perché impossibile l’identificazione. Nacque in quell’epoca una teoria che mirava a giustificare l’incendio di Chicago e i diversi roghi scoppiati proprio in quei giorni nello Wisconsin e in Illinois, attribuendo i fenomeni all’impatto con la crosta terrestre di frammenti della cometa di Biela. Tutto da provare.

Nel 1917 ad Halifax, Nuova Scozia in Canada, il mercantile francese Mont Blanc, carico di esplosivo di ogni genere destinato al fronte europeo, si incendiò dopo collisione e andò a schiantarsi con la sua massa di fuoco nel porto della città. Nell’onda d’urto morirono all’istante 1600 persone presenti sul molo e in città, 9000 i feriti. La più grande esplosione pre-atomica che si conosca. Il fatto venne posto sotto censura militare per molto tempo. Molti altri disastri da fuoco riguardano San Francisco, in fiamme dopo il terribile terremoto del 1906 con ben 50 focolai che arsero per tre giorni distruggendo ogni cosa e Tokio, 1923, colpita da sisma e conseguente incendio. Molti rimasero intrappolati nell’asfalto incandescente senza possibilità di fuga e l’episodio più grave riguarda l’incenerimento di 38.000 persone in un vortice di fuoco a Rikung Honjo Hifukusho, dopo che si erano radunate in uno spazio aperto credendosi al sicuro. E come non ricordare l’incendio di Dresda nella Seconda guerra mondiale? Sulla città vennero scaricate bombe incendiarie pari a 2702 tonnellate, da parte dell’aeronautica inglese. Un inferno di fiamme, fumo, assenza di ossigeno, un bagliore avvistabile a 300 km, una temperatura di 200 gradi, 135.000 morti accertati ma molti non identificati perché irriconoscibili. Un macabro record di disumanità che non trova nessuna giustificazione militare.

Quel fuoco che nella mitologia è sacro, fonte di purificazione e trasformazione, attributo delle divinità più potenti e dei guerrieri più valorosi, diventa nemico, potenza distruttiva, portatore di morte, un incontrollabile temibile vendicatore delle nostre scellerate azioni.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi