Tag: Boorman the Chauffer

Talebani della democrazia

Ci sono giorni in cui mi sveglio – tipo una volta al mese – e mi faccio una domanda: cos’è che mi sta più a cuore e amo di più?
È in quei momenti che raccolgo tutta la mia solidità di principi e mi rispondo ad alta voce da solo, fiero e orgoglioso: la libertà e la democrazia.
Cosa c’è di più bello della libertà e della democrazia?
Penso proprio niente, neanche il caffè del mattino.
A volte però, specie quando sono insieme agli amici dell’associazione “talebani della democrazia” – associazione che ho fondato ormai quasi dieci anni or sono – mi ritrovo a soppesare qualche magagna della libertà e purtroppo anche della democrazia.
Ma va bene così, è un po’ come con le persone a cui vuoi bene.
Si ride, si scherza, ci si manda a cagare, ci si mangia la faccia ma poi scoppia sempre la pace: uguale sputato alla libertà e alla democrazia.
In fondo non esiste un modo di vivere migliore, forse c’è solo un altro stile di vita che si può avvicinare – ma proprio poco poco – a questo bel vivere.
Così, specie quando mi riunisco agli amici della nostra associazione “talebani della democrazia”, mi ritrovo a discutere di quest’altro bel modo di vivere che solo vagamente si avvicina timidamente alla libertà e alla democrazia.
Finiamo sempre per dimenticarci qual è quest’altro bel modo di vivere ed è a quel punto che, dopo almeno 3 birre e con le carte in tavola, iniziamo tutti a ricordarci piano piano, a turno, qual è ‘sto benedetto modo di vivere che, in un’epoca futura, potrebbe seriamente superare la libertà e la democrazia nella classifica dei migliori modi di vivere.
Ebbene: questo modo di vivere purtroppo non ha ancora un nome.
È un modo di vivere fatto di pratiche ben codificate e condivisibili da una collettività per ora solo ristretta ma in futuro ampliabile all’intera razza umana.
Una di queste pratiche, codificata ormai da secoli è: bere responsabilmente delle birre giocando a carte.
Un’altra è: scommettere contante in pezzi di piccolo taglio, solitamente monetine da 1 o al massimo – e solo con pagamento di penale – 2 centesimi.
Ma la mia preferita resta forse questa: ascoltare i Blue Oyster Cult bevendo delle birre, scommettendo contanti in pezzi di piccolo taglio.
Tutto questo mentre nel frattempo si gioca anche a carte, tutto insieme, tutto in un secchio.
Ammetto che tutto questo possa sembrare scemo ma suvvia, siamo seri: le cose apparentemente sceme sono anche uno dei più solidi pilastri su cui si reggono la libertà e – chi l’avrebbe mai detto? – anche la democrazia.
Quindi di nuovo, suvvia, siamo seri: la libertà e la democrazia sono due cose bellissime, le mie preferite.
Però a volte mostrano un po’ la corda.
Come potremmo spiegare altrimenti, tutto questo spettacolare, debordante fiorire di teorie complottare?
Ma con la libertà e la democrazia.
Tutti quanti ne abbiamo bisogno, tranne forse quelli che al mattino non bevono il caffè bensì altre bevande tipo boh, anche la coca-cola.
Ne conosco un paio che lo fanno da anni, sembrano comunque in salute, e – incredibile – non hanno mai sentito il bisogno di uscirsene fuori dicendo che Jovanotti in realtà è un agente della Cia coinvolto con il caso Emanuela Orlandi, Kennedy è stato ucciso da Elvis, Nick Cave è il più grande musicista della storia, Beethoven era sordo, David Foster Wallace è il più grande romanziere di sempre, 天ice è la guida definitiva all’informazione illuminante, Cristo è morto per il freddo, Lars Ulrich è un batterista scarso, Ringo Starr è un batterista scarsissimo.
Ad essere sincerissimi nemmeno io ho mai sentito il bisogno di uscirmene con una tale mitragliata di castronerie e bazzecole anche se al mattino non faccio colazione con coca-cola e gelatine alla frutta bensì con caffè e sigaretta, ricciola a volte quando mi va bene con le scommesse.
Al massimo, saltuariamente, quando sono particolarmente stanco, posso urlare ai quattro venti che Henry Ford fece costruire un motore che funzionava a piscio installato su un telaio costruito con scarti derivanti dalla lavorazione del dado da brodo, il tutto sotto una solidissima carrozzeria costruita con una complessissima fibra ottenuta lavorando il rosmarino.
Ma questi sono solo episodi e poi chissà, magari in un bel magazzino della Ford questa splendida autovettura potrebbe esistere.
Tuttavia sono convinto di una cosa: i Blue Oyster Cult funzionano come i vaccini.
Quella sezione ritmica così fluida e al tempo stesso compatta, coadiuvata da quelle chitarre a volte apparentemente automatizzate, con in sottofondo quel tastierume un po’ così, ultraterreno su cui poi si appoggiano quelle voci a volte isteriche e a volte – di nuovo – ultraterrene ma occasionalmente anche catatoniche e declamanti cose che possono vagamente sembrare kulte, forniscono il giusto equilibrio mentale atto a impedire al cervello umano l’abuso di castronerie e bazzecole.
O almeno: tutto questo, combinato alle birre bevute responsabilmente e alla concentrazione derivante dal giocare a carte soffoca la faciloneria con cui taluni – e anche talaltri – strombazzano i propri peti in varie forme contro la collettività.
Colgo dunque l’occasione gentilmente offertami da questo spazio per porgere alla collettività questa mia modesta proposta: ascoltate i Blue Oyster Cult, fanno bene alla salute mentale di tutti.

Boorman the Chauffer (Blue Öyster Cult, 1974)

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi