Tag: karakoinè

emergenza-cultura

In difesa dell’art. 9

Comincia con la scelta forte di questa locandina la collaborazione dell’Associazione KoraKoinè con Ferraraitalia. La locandina si riferisce alla manifestazione pubblica organizzata per oggi a Roma in difesa dell’articolo 9, per chiedere al governo Renzi di ritirare le leggi che mettono in pericolo il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della nazione.

La bellezza non salverà proprio nulla, se noi non salveremo la bellezza“.
(Salvatore Settis)

Per ulteriori informazioni sulla manifestazione clicca qui.logo-korakoinè

*KoraKoinè è un’Associazione di promozione sociale e culturale nata a Ferrara nel 2014. Tra le finalità, quella di promuovere iniziative volte alla sensibilizzazione e diffusione della cultura del territorio, in accordo con l’art.9 della Costituzione italiana, che tra i principi fondamentali riconosce la tutela del patrimonio culturale e del paesaggio della nazione.

Clicca qui per visitare la pagina Facebook dell’associazione

Vecchio fienile in aperta campagna

L’EVENTO
Il Paesaggio percepito, un nuovo modo di pensare i luoghi

a cura dell’Associazione ferrarese di promozione culturale Korakoinè

Il paesaggio è la grande opera, monumentale e collettiva, entro cui scorre il filo della storia. In esso, fin dai tempi più antichi, natura e cultura si sono intrecciate, disegnando un gigantesco mosaico in cui si riflette l’abitare umano, fatto di necessità e sopravvivenza, di abilità e ingegno, di una tenace e operosa volontà di incidere e modellare il proprio ambiente di vita.

Tale consapevolezza è diventata valore fondamentale con la Convenzione Europea del Paesaggio del 2000 (ratificata nel nostro Paese qualche anno dopo), che afferma e tutela una nuova idea di bene paesaggistico, identificando in esso quella “parte di territorio così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall’azioni di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni”.

Questa nuova concezione del paesaggio, che apre le porte a nuove riflessioni sull’abitare i luoghi, sarà approfondito dalla geografa bolognese Paola Bonora, nell’incontro dal titolo “Il paesaggio percepito. Un nuovo modo di pensare i luoghi. L’approdo alla Convenzione Europea del Paesaggio“, in programma a Palazzo Bonacossi il 6 aprile prossimo alle 17.15, organizzato dall’Associazione culturale Korakoinè. Come scrive Bonora in una delle sue più recenti pubblicazioni, questa prospettiva è straordinariamente interessante perché“ pone al centro il senso di appartenenza degli abitanti che sono chiamati a partecipare alla costruzione della qualità della vita collettiva e dei territori”.

E’ un approccio che stravolge l’idea stessa di paesaggio: non più inteso soltanto come i ristretti spazi di pregio e di eccellenza, ma “territori nella loro interezza, senza distinzioni estetiche o di eccezionalità”. Diventano così “paesaggio” anche i luoghi della vita quotidiana e con essi quelli degradati e delle periferie, in quanto contesti di vita e di storia delle popolazioni locali. Alla base di questa rinnovata ed estesa definizione di paesaggio, c’è il riconoscimento che ogni individuo e ogni comunità possiede un legame identitario con il proprio paesaggio, e la comprensione che ciascuno “porta in sé dei paesaggi di elezione legati a sentimenti di appartenenza, condivisione, emozione”, al di là dell’aggiuntivo valore estetico.

Questa idea, in cui il paesaggio sembra diventare finalmente un bene di tutti, implica un profondo cambiamento di rotta nella cultura del vivere comune e nelle politiche di governo dei territori. Esige, come afferma la geografa, anche una nuova convinzione: quella di sentire che le risorse fondamentali per le nostre società “non sono soltanto i costrutti materiali o i servizi”, ma ugualmente preziosi sono “le atmosfere, le percezioni, gli stati d’animo e le tensioni emotive”; tutto ciò che il paesaggio continua ancora ad assicurarci.

Nel corso dell’incontro sarà proiettato il documentario “Quando il Po è dolce” di Renzo Renzi, con la collaborazione
di Sergio Zavoli, 1951. Il filmato fornisce un quadro delle condizioni di vita nelle Valli del Delta negli anni del dopo-guerra: dai bunker tedeschi nel Bosco della Mesola usati come abitazioni, all’analfabetismo dilagante, al lavoro scarso e mal pagato, e ai curiosi aspetti di costume, come quello di sposarsi dopo la nascita dei figli e soltanto quando si era in grado di mantenerli.

*Il filmato è stato concesso dal Centro di documentazione cinematografica del Delta del Po.

Paola Bonora è stata docente ordinario di Geografia e comunicazione del territorio, alla Facoltà di lettere e filosofia dell’Università di Bologna. E’ membro del Comitato scientifico della società dei territorialisti, Onlus che promuove la valorizzazione dei luoghi come base della conoscenza e dell’azione territoriale.

Conferenza pubblica “Il paesaggio percepito. Un nuovo modo di pensare i luoghi. L’approdo alla Convenzione Europea del Paesaggio” organizzata dall’Associazione ferrarese di promozione culturale Korakoinè
Luogo: Palazzo Bonacossi, Via Cisterna del Follo 5, Ferrara
Orario: 17.15

delizie-estensi-karakoinè

Leggi anche
Delizie estensi, un itinerario culturale nelle terre del Po

La scheda su Karakoinè

delizie-estensi-karakoinè

EVENTUALMENTE
Delizie estensi, un itinerario culturale nelle terre del Po

Schifanoia, Belriguardo, Castello del Verginese, Villa della Mensa, Mesola: attraverso la visita alle principali Delizie estensi sparse sul territorio ferrarese si cercherà di capire il carattere di un paesaggio storico che solo in minima parte si può ancora osservare. Un paesaggio cambiato profondamente nel corso dei secoli, ma che conserva ancora ben riconoscibili le tracce dell’antico ‘progetto culturale’ che ne ha determinato in modo incancellabile il volto.
Parte con un itinerario ‘extra-muros’ tra le dimore ducali il programma di iniziative di Korakoinè, una nuova associazione di promozione culturale per la tutela e la valorizzazione del territorio, nata a Ferrara nel corso del 2014. La visita alle Delizie estensi, in programma per domenica 7 giugno alla presenza dell’architetto Marco Borella, sarà il primo di una serie di momenti dedicati al paesaggio in tutte le sue accezioni (culturale, urbano e agrario) e nel rapporto con l’arte e l’educazione. Si tratta di stimoli per approfondire un tema tanto delicato quanto vasto, con la consapevolezza che il territorio è un fondamentale e imprescindibile bene comune che – oggi come non mai – necessita di essere riconosciuto, tutelato, e valorizzato.

Cenni storici

Tra la fine del medioevo e durante il secolo d’oro del rinascimento la dinastia estense edificò a Ferrara e nel territorio circostante splendide residenze di corte: le cosiddette Delizie estensi, palazzi nobiliari circondati di meravigliosi giardini e parchi, lussuose dimore di campagna munite di torri e sistemi difensivi, veri e propri castelli da cui governare il territorio.

delizie-estensi-karakoinè
Delizia del Verginese, Portomaggiore (foto di Roberto Fontanelli)

Da un lato, queste superbe dimore offrivano alla potente famiglia agli Este luoghi di svago e mete per sfuggire alle torride estati cittadine, dall’altro rappresentavano dei centri di potere da cui esercitare un ravvicinato controllo sull’ampio territorio deltizio e sulle sconfinate distese di paludi e acquitrini che caratterizzavano il paesaggio naturale di quei tempi.
Le bonifiche condotte dagli Estensi nei secoli della loro supremazia politica assicurarono a quelle terre nuove e più vantaggiose prospettive per gli insediamenti umani, migliorandone le condizioni di vita e consentendo l’affermarsi di pratiche agricole diffuse. Fu un progetto politico che modellò profondamente la forma fisica del territorio, che divenne così sempre più il riflesso della cultura del rinascimento sul paesaggio naturale. Un “paesaggio culturale” di cui oggi restano tracce parziali, ma che secoli fa aveva saputo combinare insieme l’ambiente, i valori storici di un’epoca, le pratiche operose delle popolazioni che in quei luoghi avevano trovato ragioni di insediamento e capacità di sopravvivenza.

delizie-estensi-karakoinè
Villa della Mensa, Copparo

Il paesaggio agrario e la sistemazione territoriale prodotta dai grandi interventi estensi hanno subito, nei secoli successivi al ducato, profonde trasformazioni, dettate dalle mutate condizioni di vita rurale ma soprattutto rovesciate dai nuovi sistemi produttivi novecenteschi. Quello che era stato un chiaro “disegno del mondo” in cui i valori dell’armonia e della linearità compositiva propria dei contesti urbani erano stati trasferiti extra-muros, oltre le mura dell’urbe, in un progetto di estensione e continuità tra città e campagna, è oggi un insieme interrotto e disorganico che trova nelle Delizie Estensi però i nodi residuali benché ancora significativi di quel sistema.

delizie-estensi-karakoinè
Castello della Mesola

In quanto centri rurali di irradiazione di questa cultura urbana e umanistica, le Delizie estensi rappresentano un precipitato di identità culturale che travalica l’interesse storico-artistico-architettonico, di cui sono peraltro importanti, quando non superbi esempi monumentali, per rievocare nella loro collocazione fluvio-padana l’appartenenza a un progetto più ampio di valore paesaggistico. Le Delizie, nel loro insieme, sono state riconosciute dall’Unesco, Patrimonio dell’umanità, quali fondamentali espressione dell’identità storico-culturale del sito “Ferrara città del Rinascimento ed il suo delta del Po”. (A cura dell’associazione Korakoinè)

Programma della giornata
Domenica 7 giugno 2015
ore 9:20 – Ritrovo dei partecipanti (in via Scandiana, davanti al Palazzo Schifanoia)
ore 9:30 – VISITA DI PALAZZO SCHIFANOIA, la prima Delizia ad essere eretta alla fine del XIV secolo in una posizione che all’epoca poteva definirsi suburbana.
La mattina prosegue, raggiungendo:
LA DELIZIA DEL BELRIGUARDO A VOGHIERA, costruita nel 1436-40 in aperta campagna sull’esempio delle antiche ville romane;
IL CASTELLO DEL VERGINESE, dagli inconfondibili angolari bugnati e dalle quattro torri merlate.
ore 13:00 – Sosta per il pranzo (al sacco) a Villa Mensa, Sabbioncello San Vittore.
ore 14:30 – Il pomeriggio riprende con LA VISITA AL COMPLESSO MONUMENTALE DI VILLA DELLA MENSA, situato a ridosso della sponda sinistra del Po di Volano, e appartenuto fin dall’origine al patrimonio immobiliare dell’episcopio ferrarese;
IL CASTELLO DELLA MESOLA, eretto a partire dal 1578 da Alfonso II, a coronamento della bonifica del Polesine di Ferrara; qui il duca si recava per dedicarsi alla pesca fluviale e alla caccia nei floridi boschi circostanti.
ore 18 – Arrivo a Ferrara (in piazzale Medaglie d’Oro)

Come partecipare
L’escursione si svolgerà in pulmann (max 52 posti) che garantirà tutti gli spostamenti della giornata.
Il costo dell’iniziativa è di 23 euro, comprensivo dei biglietti di ingresso a Palazzo Schifanoia (2 euro), alla Delizia di Belriguardo (5 euro) e al Castello della Mesola (2 euro). Il pranzo è al sacco.
Per partecipare occorre iscriversi entro il 29 maggio:
– versando la quota prevista tramite bonifico bancario intestato a Korakoinè aps IBAN IT62L0312713001000000002280 (dopo avere effettuato il pagamento, si prega di inviare mail di conferma all’indirizzo korakoine@gmail.com oppure telefonando allo 340 553 3025)
– oppure presso l’Istituto di Storia Contemporanea, vicolo Santo Spirito 11, Ferrara dove l’Associazione Korakoinè è a disposizione per ogni ulteriore informazione sull’iniziativa
tutti i giorni, da giovedì 21 a venerdì 29 maggio, ore 18:00 – 19:30 (esclusa la domenica),
il sabato 23, ore 10:00 – 12:30. Avvertenza. Se alla data sopraindicata non sarà stato raggiunto il numero previsto di partecipanti, l’escursione sarà annullata e le quote versate verranno restituite. Sarà cura dell’Associazione darne comunicazione agli iscritti nel più breve tempo possibile.

delizie-estensi-karakoinè

Per saperne di più sulla visita clicca qui.

Per conoscere le finalità e gli obiettivi dell’associazione leggi la scheda.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi