Tag: Milena Smit

Maternità parallele in un dramma collettivo:
Almodóvar colpisce ancora

È impegnativo, intenso e coinvolgente, l’ultimo film di Pedro Almodóvar, Madres paralelas. Bisogna trovarsi nel giusto stato d’animo, ma una volta pronti lo si guarda tutto d’un fiato. Non che il regista sia nuovo a tanta profondità e sensibilità, per tematiche toccate e scene che, a volte, un po’ disturbano i benpensanti; né tanto meno ci stupisce la forza dirompente delle sue interpreti, Penélope Cruz in primis (che per questa pellicola ha vinto, nel 2021, la Coppa Volpi come miglior attrice), la sua favorita, l’attrice che è ormai una sorta di alter ego del regista, una presenza costante in simbiosi quasi perfetta.

Eccoci allora di fronte a due donne, Janis (Penélope Cruz) e Ana (Milena Smit), che, a Madrid, condividono la stanza di ospedale in cui stanno per partorire.


Presto si capirà che le due madri, entrambe single e a confronto con una gravidanza inattesa, non condivideranno solo quello spazio tra quelle bianche, silenti e anonime mura ma una vita e un destino.

Janis è una fotografa affermata, Ana una ragazzina qualunque, abbandonata a sé stessa da una madre attrice di teatro sempre in giro per il mondo e un padre totalmente assente. Età diverse, ma situazioni del tutto analoghe per solitudine e un qualcuno sempre altrove.

Janis sul lavoro conosce Arturo, antropologo forense, e gli chiede aiuto per un progetto cui tiene molto: riesumare da una fossa comune alcuni corpi, tra i quali quello del suo bisnonno, di desaparecidos assassinati durante il periodo franchista. Tra i due nasce una frequentazione saltuaria finché Janis non scopre di essere incinta, ma Arturo è sposato. Deve proseguire da sola. Come sempre. Tornerà ad aiutarla?


Ana è invece una giovane con un passato complicato alle spalle
, ancora minorenne quando scopre di essere incinta. Anche lei non ha una relazione stabile, al punto che ignora chi sia il padre della sua bambina. Mentre il dramma si avvicina. Si salverà?

Entrambe diventano madri lo stesso giorno (delle piccole Cecilia e Anita), il legame fra le due donne cresce, e crescerà, fino a mettere davanti agli occhi dello spettatore una relazione inaspettata e un destino tragico sorprendentemente crudele. Colpi di scena e sconforto ma tanta forza di ricominciare. E sempre insieme.


Sullo sfondo una Spagna che fa i conti con il passato, soprattutto per Janis. Qui a (s)muovere l’animo del regista è la legge della memoria storica, approvata alla fine del 2007 dal Governo Zapatero per restituire a un popolo i suoi morti. Un popolo che chiede di riconoscerli e di piangerli. Un’esigenza sollecitata nel film dal personaggio di Penélope Cruz, spinta dall’urgenza di restituire una degna sepoltura al suo bisnonno, promessa fatta a sua nonna e alla figlia appena nata.

Perché la Memoria non ha a che fare col passato ma col presente e il futuro. Lo crediamo fermamente: senza memoria un popolo non ha futuro, tramandare gli errori del passato è fondamentale per evitare di ripeterli.  Almodóvar ricorda così le ferite di un paese non ricomposto, gli interessa profondamente la sua amata Spagna nativa e ne riesuma i fantasmi della guerra civile.

Tutto è movimento, azione, sentimento, un’avventura intima che ci farà commuovere, fino a piangere calde, caldissime lacrime. Per la tragedia delle due madri parallele ma anche per quella di un popolo che cerca finalmente pace con sé e il suo passato.

La scena finale è magistrale: una sorta di quadro vivente che incarna l’essenza della memoria e della storia e che ricorda l’olio su tela di Giuseppe Pellizza da Volpedo, Il Quarto Stato, del 1901. Geniale.

Maggi Giovanni, foto Quarto Stato 

A chiudere il film, poi, questa frase di Edoardo Galeano “Nessuna storia è silenziosa. Non importa quanto la brucino, la rompano e mentono su di essa. Per quanto si tenti di ridurla al silenzio, la storia umana si rifiuta di tacere.”,

Un omaggio a tutte le madri e all’importanza delle radici. Da vedere assolutamente.

 

 

 

Trailer

Madres paralelas, di Pedro Almodóvar, con Rossy De Palma, Penélope Cruz, Milena Smit, Aitana Sánchez-Gijón, Israel Elejalde, Spagna, 2021, 120 mn.

 

Fotografie dal web

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi