Tag: militari a contratto

I soldati russi che si rifiutano di sparare al “nemico”.
Le testimonianze raccolte dal Movimento degli Obiettori di Coscienza della Russia

 

A cura della Redazione di Azione nonviolenta in rete

Continua il lavoro di raccolta di testimonianze e notizie da parte del Movimento degli Obiettori di Coscienza della Russia, coordinati da Elena Popova che sta tenendo un diario dall’inizio della guerra in Ucraina (nell’immagine in copertina, una pagina del diario pacifista di Elena Popova).
Intanto, mentre la guerra in Ucraina, i giovani dai 18 ai 27 anni che si oppongono alla coscrizione e alla guerra in Ucraina cercano di fuggire dalla Russia.

“Non mi sembra normale che nel 21° secolo una persona possa essere reclutata contro la sua volontà per servire l’esercito un anno intero. In questo momento i coscritti vengono mandati al fronte, e io sono categoricamente contro l’Operazione Speciale condotta dal mio paese”, ha affermato a un giornalista di Al Jazeera un giovane russo di 17 anni, usando ironicamente la terminologia approvata dallo Stato per la guerra.

Dal 24 febbraio, primo giorno di guerra contro l’Ucraina, migliaia di persone sono fuggite dalla Russia, e tra queste tanti giovani che temevano di essere arruolati contro la loro volontà e inviati al fronte, una eventualità possibile con l’applicazione della legge marziale. Inizialmente il Ministero della Difesa russo riferiva che solo i soldati professionisti stavano combattendo in Ucraina, ma ha dovuto ammettere l’impiego dei coscritti, uomini in buona salute tra i 18 e i 27 anni, fermati per un anno, pena pesanti multe e fino a due anni di reclusione. Gli studenti, i detenuti e i familiari di soldati uccisi sono esenti, mentre i padri single e chi si prende cura di familiari disabili possono posticipare il servizio.“Tanti ci chiedono come evitare il servizio militare”, ha riferito Elena  Popova, coordinatrice del Movimento degli obiettori di coscienza con sede in Russia. “Dall’inizio di questa guerra si è diffusa la paura. Paura di essere presi e gettati nel tritacarne. Sentono che la libertà individuale è sottoposta a un’immensa pressione. Così ora penso che sia particolarmente importante mostrare che esistono modi legali per sottrarsi alla leva, e che funzionano”. Secondo la costituzione russa, le persone le cui convinzioni religiose o personali sono incompatibili con il servizio militare, così come i membri di alcune minoranze etniche che vivono uno stile di vita tradizionale, sono autorizzate a svolgere un servizio civile alternativo (AGS) che può avere una durata quasi doppia rispetto al servizio militare, come avveniva in Italia con la legge del 1972. I requisiti per l’obiezione di coscienza sono definiti in modo vago e sottoposti al vaglio di una commissione militare. Dire semplicemente di essere pacifisti, per esempio, non è sufficiente, bisogna dimostrarlo.Di fatto il servizio civile riguarda una ristretta minoranza di persone, addetta a lavori apparentemente semplici (postino, spazzino, ma anche infermiere), e con meno diritti dei colleghi. Non mancano le esperienze positive. Grisha Rezvanov, 29 anni, ha svolto il servizio civile alternativo dal 2018 al 2020 come inserviente in una casa di cura vicino alla sua casa di San Pietroburgo. “Le condizioni erano eccellenti. C’erano boschi e natura nelle vicinanze, e le nonne ci offrivano dolci per aver aggiustato la TV”, ha detto. “All’inizio ero un po’ a disagio, dato che molti degli anziani erano ex veterani militari. L’ importante per me è che non mi sono dovuto addestrare per diventare un assassino “. Per la madre, però, Grisha è un disertore. Ha smesso di considerarlo suo figlio.“Non posso nemmeno immaginare di fare del male fisico a un altro essere umano”, ha dichiarato un altro ragazzo di 17 anni all’agenzia di stampa Al Jazeera, membro di una piccola confessione religiosa che adotta un codice etico rigoroso e intende svolgere servizio civile quando sarà il momento. “Se mi insultassero o facessero qualcosa di terribile ai miei cari, sarei arrabbiato o sconvolto, ma non potrei mai fare del male a chi li ha aggrediti. È fuori questione per me”.Scoraggiati dalla lunga trafila burocratica, ci sono giovani in Russia che ricorrono a tangenti, a falsi certificati medici, o alterano i documenti sulla frequenza universitaria. Altri ancora preferiscono lasciare il paese fino ai 28 anni, termine dell’età prevista per il servizio civile obbligatorio, o avviare un minuetto di richieste e rinunce verso la commissione esaminatrice sperando di raggiungere i 28 anni.Tutto questo vale in tempo di pace. Lasciare il paese adesso, per non imbracciare le armi, non è così semplice. Né far comprendere al paese accogliente la propria posizione di coscienza.

Questo documento, tradotto da Azione Nonviolenta, raccoglie le prove raccolte dal Movimento degli Obiettori di coscienza della Russia sui rifiuto dei soldati di combattere la guerra in Ucraina. È lungi dall’essere esaustivo, ma un elenco, in continuo aggiornamento, di quella piccola parte dei casi che sono giunti all’attenzione dei media. Molti militari infatti, specialmente i coscritti, oggetto di coercizione e violenza, hanno paura di dichiarare apertamente la loro indisponibilità a combattere.

Testimonianze e notizie sui soldati russi che rifiutano di combattere in Ucraina
[qui Il documento in russo e in inglese]

  • Il giornale ucraino Grati ha riferito di almeno 80 marines che hanno rifiutato di partecipare alla guerra in Ucraina. Dopo essere stati portati in nave dalla Crimea alla regione ucraina di Kherson, hanno capito che ciò che li aspettava non erano esercitazioni, ma azioni militari contro le truppe ucraine. Il giornale lo ha appreso da una fonte nelle agenzie del ministero della Difesa russo in Crimea. Tra coloro che hanno rifiutato c’erano coscritti che avevano servito non più di qualche mese. I militari sono stati poi riportati in Crimea, dove hanno scritto rapporti sul loro rifiuto di partecipare alle azioni militari. Nonostante ciò, i militari a contratto sarebbero stati costretti a prendere parte alla guerra. L’ufficio del procuratore militare stava costringendo i coscritti a ritirare il rapporto, minacciando di avviare un procedimento penale. La pressione è cessata dopo il discorso di Vladimir Putin del 5 marzo, dove ha dichiarato che la partecipazione dei coscritti alla guerra non era prevista e che quelli di loro coinvolti in operazioni di combattimento sarebbero stati ritirati dall’Ucraina (Grati, 12 marzo).
  • Il 25 febbraio, a diversi combattenti della Rosgvardiya di Krasnodar, che erano alle esercitazioni militari in Crimea, è stato ordinato di partire per le azioni militari in Ucraina, ma si sono rifiutati di farlo. Si tratta del comandante del plotone della compagnia operativa OMON [unità di Rosgavrdiya] ‘Plastun’ Farid Chitav e dei soldati della sua compagnia. Hanno spiegato che consideravano l’ordine di attraversare il confine con un altro stato illegale, poiché la loro autorità era limitata al territorio della Federazione Russa. Il primo marzo, hanno appreso che il loro contratto era stato rescisso a causa del mancato rispetto dell’ordine. I 12 combattenti licenziati (solo una frazione di tutti quelli che avevano rifiutato di combattere) hanno deciso di andare in tribunale. Il loro caso è condotto dall’avvocato Mikhail Benyash. Pavel Chikov, un avvocato del gruppo internazionale per i diritti umani Agora, ha richiamato l’attenzione sull’incidente (Meduza, 24 marzo / 26 marzo). Secondo Benyash, dopo che la storia è stata resa pubblica, più di un migliaio di militari della Rosgvardiya e delle unità del Ministero della Difesa in tutto il paese si sono appellati a lui per aiutarli a rifiutare legalmente di prendere parte alla guerra (FT, 1 aprile). Nove dei 12 combattenti di Rosgvardiya hanno poi ritirato la causa (Mediazona, 29 marzo).
    “Voglio che altri combattenti sappiano che rifiutarsi di uccidere non è un crimine. Non è vergognoso. È normale. Se una persona dice ‘no’ a un ordine che la costringe a uccidere, può contare sulla nostra protezione. Gli avvocati dell’Agora e io gliela forniremo” (avvocato Mikhail Benyash)
  • Meduza ha raccontato la storia del militare a contratto Albert Sakhibgareyev, che aveva disertato dalla guerra. All’inizio di febbraio la sua brigata fu inviata a un’esercitazione nella regione di Belgorod [della Russia], al confine con l’Ucraina. Il 24 febbraio, la brigata ha ricevuto l’ordine di sparare su obiettivi, che erano sconosciuti ai soldati, dal territorio della regione di Belgorod.
    Quando è diventato chiaro che c’era un fuoco di ritorno, i soldati hanno iniziato a dubitare di essere davvero in un’esercitazione militare. Sakhibgareev e i suoi compagni di servizio sono rimasti “scioccati” quando hanno scoperto l’inizio dell’invasione dell’Ucraina nei notiziari. Secondo le sue stesse parole, ha lasciato l’unità dopo essere stato picchiato da un ufficiale superiore (Meduza, 23 marzo)
  • Diversi militari a contratto della base della quarta guardia nell’autoproclamata Repubblica dell’Ossezia del Sud hanno rifiutato di combattere in Ucraina e sono tornati a casa da soli. Secondo Mediazona, i soldati hanno avuto un conflitto con il loro comandante, che ha rifiutato di prendere e mandare a casa il corpo del loro soldato ucciso (Mediazona, 31 marzo).
    “Da quanto ho capito, il problema è sorto quando uno dei soldati è saltato in aria su una mina e loro [i soldati] volevano prendere il suo corpo per mandarlo a casa. È che per noi Osseti il corpo di un amico morto è sacro, ma il loro capo ha detto loro: di quale corpo state parlando, gli manderemo solo una bara vuota. Hanno detto: ‘Siamo guerrieri, non siamo vigliacchi, ma mandarci in guerra per essere uccisi e poi non portare via il nostro corpo – diavolo, questo non ci serve’. Così se ne sono andati. E ieri sono tornati in Ossezia del Sud” (fonte Mediazona).
  • Secondo il giornalista Roman Tsimbalyuk, 58 militari a contratto della regione di Kaliningrad [della Russia] hanno rifiutato di partecipare alla guerra in Ucraina. Erano arrivati nella regione di Belgorod, da dove avrebbero dovuto essere trasferiti nella zona di guerra. Lì sono riusciti a parlare con i soldati di un’altra divisione che erano appena tornati da lì, dopo di che si sono rifiutati di andare oltre. Non ci sono altre fonti che confermino questa informazione (Sever.Realii, 29 marzo).
  • Secondo Novy Fokus, 11 combattenti OMON della Repubblica di Khakassia [una regione della Russia] hanno rifiutato di partecipare alle azioni militari. Secondo i giornalisti del giornale, poco dopo l’inizio dell’invasione, i combattenti erano in un campo di combattimento in Bielorussia, dove hanno saputo della distruzione di una colonna di membri del SOBR [unità di Rosgvardiya] dalla Khakassia e dalla regione di Kemerovo, che era in viaggio verso Kyiv, da parte dell’esercito ucraino. La leadership militare avrebbe proibito ai sopravvissuti di raccontare l’incidente alle loro famiglie. I combattenti OMON che si erano rifiutati di combattere dopo queste notizie sono stati rimandati a casa e “hanno cercato di essere licenziati” (Meduza, 4 aprile).
  • Secondo Pskovskaya Guberniya, circa 60 militari della regione di Pskov hanno rifiutato di andare a combattere in Ucraina. Sono stati portati in Bielorussia nei primi giorni di guerra e poi sono tornati a casa. L’outlet riferisce che la maggior parte di loro è stata licenziata e alcuni sono minacciati di accuse penali (Pskovskaya Guberniya, 6 aprile).
  • L’avvocato Maxim Grebenyuk, autore del gruppo Ombudsman militare in VK [un social network russo], ha detto a Mediazona che ha ricevuto circa 40 appelli dai dipendenti di varie unità con richieste di assistenza legale per rifiutare di partecipare alle operazioni militari. Per esempio, uno dei richiedenti che aveva lavorato nella zona di combattimento come autista, ha detto nel suo rapporto che pochi giorni prima della guerra era stato mandato in viaggio d’affari “per svolgere compiti speciali”, era finito sotto il fuoco, “ha visto perdite di attrezzature militari e di personale” e “ha concluso che il personale è stato mandato in prima linea nelle operazioni di combattimento per affrontare la morte imminente” e in questo contesto ha considerato la sua partecipazione “non conveniente” e “non vuole tornare dopo la ritirata in prima linea”.
  • Secondo le informazioni che Grebenyuk riceve dai suoi conoscenti, nelle procure e negli uffici degli inquirenti delle regioni confinanti con l’Ucraina ci sono molti rapporti sui rifiuti, e non si fa nulla per questi ordini. Dall’inizio della guerra, non un solo caso penale è stato archiviato ai sensi dell’articolo 332 del codice penale per “mancata esecuzione di un ordine che [il rifiuto] ha causato un danno sostanziale agli interessi del servizio”. La ragione è che la Russia non ha formalmente dichiarato guerra all’Ucraina e non ha introdotto la legge marziale, quindi non ci sono ordini per la partecipazione di militari nel territorio di un altro stato. I combattenti e i militari della Rosgvardiya vengono semplicemente licenziati per persistente rifiuto. In un’unità, più di 500 combattenti della Rosgvardiya si sarebbero rifiutati di andare in guerra, e i loro comandanti li hanno minacciati con ordini di licenziamento (Mediazona, 6 aprile).
    “I procuratori e gli investigatori non sanno cosa fare con loro [i rapporti sui rifiuti]. È impossibile avviare un caso, è anche impossibile non inviare il materiale da nessuna parte, quindi non fanno nulla. Partecipano solo all’intimidazione dei militari: se non vai, apriremo un caso” (avvocato Maksim Grebenyuk)
  • Gli attivisti dei diritti umani riportano un caso in cui un coscritto in servizio in una delle regioni al confine con l’Ucraina è riuscito a rifiutare di partecipare alle azioni militari. Ha presentato un rapporto affermando che non poteva partecipare alla ”Operazione Speciale” a causa della sua “coscienza”, cioè delle sue convinzioni religiose, e la sua famiglia ha fatto appello al ministero della Difesa e ad altri funzionari su questo problema. L’unità gli ha promesso di non inviarlo alle operazioni di combattimento. Non riportiamo l’identità del coscritto né le fonti di informazione sul caso per motivi di sicurezza.

Tutti i testi sono tratti dalla rivista degli amici di Azione noviolenta in rete

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi