Tag: minimalismo

BORDO PAGINA
“Cosmos”, una poetica rock nel libro d’esordio di Luca Grigoli

Cosmos” di Luca Grigoli, libro d’esordio del nuovo poeta (Este Edition 2017) originario di Argenta, nel ferrarese, in realtà, come poi dal sottotitolo (“Visioni -1993-2016”), sintetizza la poetica dell’autore fin dai suoi circa 20 anni. Libro presentato per la cronaca recentemente per la nota Rassegna letteraria “Autori a Corte” (2017) e “Libri in Fabula” (Galleria Fabula FineArt). Un versificare pulsionale scorrevole, lirico, quasi simbolista e postsimbolista aggiornato, attraverso la grande stagione stessa letteraria surrealista fino a atmosfere esistenziali terrestri e elettrocosmiche sempre molto quotidiane.
Soprattutto spicca poi una stagione diversamente letteraria e generazionale, certa nuova poetica rock pop neppure potenziale per l’autore che già ha collaborato a livello testuale con gruppi heavy metal (e nel libro anche alcune dediche esplicite).
Se certa matrice, poco italiana e più europea letteraria, come accennato, forse nella tradizione moderna italiana qualcosa degli Scapigliati e dello stesso Dino Campana, appare indubbia, il quid speciale e personale appunto rock poetico caratterizza questa lunga raccolta temporale.
“Venuti alla luce” pubblicatti, tranne alcuni episodi, riviste e concorsi, soltanto quest’anno, i testi trascendono certo divenire temporale o cronologico: fin dai primi testi della gioventù appena postadolescenziale la penna di Grigoli è già “orizzontale”, una cifra linguistica definita.
Le numerose e decine e decine di poesie molto spesso sembrano canzoni d’autore potenziali per amplificazioni musicali: anche qua distante dai copioni anche illustri dei cantautori italiani e non solo; se almeno in Europa e nei paesi anglosassoni acquisita da Jim Morrison a Patty Smith allo stesso Syd Barett e Robert Smith (Cure) certa nuova poetica rock, l’ancor giovane Grigoli segue (e anche concretamente) griglie d’interfaccia in certo senso insolite: l’heavy metal, già hard rock, dai leggendari Led Zeppelin, Black Sabbath e Deep Purple o AC/DC, fino alle new wave del genere di questi anni duemila.
E tale almeno suggestione pop letteraria, dimostra l’altra profondità di un genere, spesso bollato più superficiale di altro Rock cosiddetto decadente o Dark o Art Rock storico, quantomeno con le dinamiche testuali, al di là delle figure icone leader del cantante, subordinate come quasi uno strumento di sottofondo alla spettacolarità e al sound appunto “Hard” e pesante… delle band.
In ogni caso, colpisce, criticamente parlando, certo cosiddetto “minimalismo” testuale nel versificare di Grigoli: nessuna sperimentazione forzata o eccessi analitici sul linguaggio spesso sopravvalutati nella tarda poesia contemporanea: semmai due “cristalli”, riassumendo: da un lato certo ritorno ai primordi della poesia modernissima postsimbolista, dall’altro una sua ricombinazione alla luce di un archetipo nuovo , quella del pop e dell’heavy metal in particolare che ne fa oggi una parola viva, empatica, comunciativa e stimolante, oltre oggi certe abusate e spesso difensive e sopravvalutate nicchie letterarie.
Per certa equazione personale e generazionale, l’autore non canta futuri postumani sbalorditivi o rivoluzionari: i suoi riflessi del nostro tempo, defuturizzato e problematico, esitano come riflessi colmi di malinconie ma anche arcobaleni di tristezze: il suo è un mondo cromatico realistico. Registra i bachi di questo inizio duemila, la vita “elettronica” nel suo caos incombente, ma è l’attuale Surrealtà: i suoi versi sono piccole grandi sublime-azioni con la parola intrisa di immagini mai ridondanti, anzi pulsionalmente levigate e in questo senso – non retorico- come altrove- la poesia magari non salva la vita, ma distilla potenza e cuore s-oggettivo e orizzonti diversamente progettivi.

Uno dei testi di Luca Grigoli (Anni 2000, 2016, estratto)
Volti indistinti,
Folle oceaniche, i loro volti stanchi.
Sagome indistinte si trascinano, giorni monotoni.
Un milione di voci, nessuna voce.
Tracollo finale, disillusione.
Filmato in bianco e nero immagine sbiadita.
La piazza rossa del secolo scorso.
Ombre nere, puara, ombre grigia d’apatia.
Dormitori, gente si stropiccia gli occhi.
Silenzio nelle stanze,
Seduto davanti allo schermo di un computer un ragazzo.
Un ragazzo nella sua stanza, mille colori, mondo virtuale.
Animazione giapponese, musiche tailandesi in sottofondo…

Info:
Libro Cosmos Este Edition
http://www.este-edition.com/prodotti.php?idProd=1087
Blasting News magazine, intervista a Luca Grigoli
http://it.blastingnews.com/cultura-spettacoli/2017/05/la-cosmopoesia-surrealistica-di-luca-grigoli-001661241.html

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi