Tag: minneapolis

TERZO TEMPO
La protesta silenziosa

In quest’insolita estate vi capiterà probabilmente di vedere qualche atleta professionista inginocchiarsi durante il pre-partita: un gesto che negli ultimi quattro anni ha assunto un significato più profondo del solito, e che oggi, dopo i fatti di Minneapolis dello scorso 25 maggio, è di nuovo un efficace messaggio di denuncia sociale.

Il primo atleta a inginocchiarsi in campo è stato Colin Kaepernick, ex quarterback dei San Francisco 49ers – una delle squadre più vincenti della NFL, cioè il principale campionato di football americano. Prima di ogni partita della stessa NFL viene eseguito l’inno nazionale statunitense, e nell’estate del 2016 Kaepernick approfittò di quel momento per mostrare, silenziosamente, il suo dissenso verso gli episodi di razzismo sistemico nei confronti degli afroamericani. Così, mentre gli altri giocatori se ne stavano in piedi con la mano destra sul cuore, Kaepernick si inginocchiò più volte, e soltanto alla terza occasione raccolse l’attenzione dei media [Qui]Fu l’inizio di un’ulteriore presa di coscienza collettiva: quel gesto apparentemente innocente – compiuto tra l’altro in un momento che il pubblico nordamericano vive con solennità – non poté che far parlare di sé, e soprattutto del suo messaggio. D’altronde, soltanto due anni prima erano avvenute le uccisioni di Eric Garner e Michael Brown, entrambe per mano di agenti di polizia bianchi.

Sta di fatto che in breve tempo quel gesto venne emulato, oltre che da decine di colleghi dell’ex quarterback, da artisti quali Stevie Wonder, Eddie Vedder e Pharrell Williams. Tuttavia, nonostante sia un giocatore con esperienza e qualità ben sopra la media, Colin Kaepernick è senza una squadra dal marzo del 2017. In un modo o nell’altro, la NFL lo ha lasciato da solo nella sua protesta: nessuna squadra lo ha ingaggiato in questi anni, e anche l’ultimo tentativo di conciliazione [Qui] con la stessa lega è andato piuttosto male. Nel frattempo, a veicolare il suo messaggio ci ha pensato addirittura la Nike, sponsor tecnico della suddetta NFL, pubblicando nel settembre del 2018 una rivisitazione del suo slogan “Just Do It” con Kaepernick come testimonial. La nuova campagna, criticata tra l’altro da Donald Trump, presentava il seguente motto: “Believe in something. Even if it means sacrifice everything”.

Del resto, quello di Kaepernick è stato un vero e proprio “sacrificio”, e in quanto tale non è passato inosservato. Negli Stati Uniti il dibattito sul razzismo è necessariamente all’ordine del giorno, e ciò crea un livello di discussione e di partecipazione che coinvolge qualsiasi altro paese del mondo. Insomma, non solo gesti, ma anche tante parole, come quelle pronunciate dall’attivista per i diritti umani Al Sharpton [Qui] ai funerali di George Floyd.

“Il commissario della NFL ha detto che, sì, forse si sono sbagliati con Colin, e che i giocatori di football avevano il diritto di protestare silenziosamente. Beh, non scusatevi e ridategli il suo lavoro. Non vi presentate con delle scuse vuote: avete preso un uomo, gli avete tolto il suo talento, e quattro anni dopo, mentre il mondo intero sta marciando, chiamate su FaceTime per dire che vi dispiace? Non vogliamo delle scuse, vogliamo che ripariate ai vostri danni.”

Per George Floyd

La purificazione viene dalle fiamme, dal fuoco che cancella i peccati di un popolo abituato a schiavizzare e che ancora oggi uccide senza rimorso.
Fiamme alte, infernali, per lavare via l’onta che macchia.
Fiamme altissime e nero fumo, come la faccia di chi, spiaccicato a terra, chiede solo ossigeno, proprio come le fiamme ne chiedono per poter continuare a bruciare.
L’essenza della protesta è quella di infiammare tutto ciò che circonda.
Per una nuova umanità.
Per la memoria di George Floyd.
Perché i bianchi capiscano.
Perché i neri si rialzino.
Perché gli omicidi di Stato finiscano.
Brucia America.
Brucia tutto.
Brucia il mondo intero.
E come la fenice, dalle ceneri, risorgi popolo liberato, per un futuro di rispetto ed uguaglianza.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi