Tag: mistero buffo

Morte accidentale di un artista scomodo.
Dario Fo, un saluto senza retorica o revisionismi

Glorificazione, incenso e consenso, rimpiazzati subito dopo da affossamenti, gelido silenzio, censura o accesi toni di diniego, per poi insignirlo del Premio Nobel per la Letteratura e successivamente contestare le simpatie politiche dell’ultimo periodo: ecco la parabola che rappresenta la vita pubblica di Dario Fo. Parliamo tutti della sua morte con quella commozione che ci fa sentire tanto partecipi e afflitti, ci riteniamo ora autorizzati ad esprimere cordoglio e massimo apprezzamento per un contributo così grande alla cultura italiana e non, liberi di immaginare, in uno sforzo di fantasia, che se lui potesse esprimersi in questa circostanza, ci riderebbe in faccia con quella risata liberatoria che conosciamo bene, contagiosa e possente, irriverente e tra le righe un pizzico amara.

Dario Fo, durante uno spettacolo a Cesena
Dario Fo, durante uno spettacolo a Cesena

Dario Fo, rappresenta quelle pagine di Storia italiana che, nell’attuale lettura, contengono l’immagine di un Paese indubbiamente creativo ma nel contempo impreparato, in un passato neanche tanto remoto, ad accogliere una totale libertà di espressione artistica, soprattutto se dissacrante e non allineata, una modalità comunicativa che rompe gli schemi e vuole mettere in discussione un’egemonia intellettuale ritenuta intollerabile, demolendone il potere con le parole, schiaffeggiando falsi moralismi e comportamenti ipocriti. Un personaggio scomodo, Dario Fo, allontanato dall’ambiente televisivo per vent’anni, stigmatizzato per i suoi trascorsi giovanili e qualche successivo eccesso all’epoca dell’epopea della Palazzina Liberty a Milano, punto d’incontro di giovani e intellettuali, persona non gradita a cui è stato negato il visto di ingresso negli USA, come in pieno maccartismo. Un mattatore che sapeva mantenere la scena in modo sorprendente, una figura che amava rievocare l’affabulatore popolare e il fool delle opere di Shakespeare, il giullare di corte a cui era concesso, solo ed unico, ridere del sovrano e sbeffeggiare la corte. Infatti, la motivazione che accompagnava il Premio Nobel conferitogli nel 1997 recitava: “Perché, seguendo la tradizione dei giullari medievali, dileggia il potere restituendo dignità agli oppressi”.

dario_fo2

Dario Fo era l’altro: detestato dalla destra, vissuto con fastidio dalla sinistra per le recenti simpatie politiche diverse, troppo ateo per i cattolici credenti, troppo spirituale per gli atei. Troppo poco perfetto per un’immagine tranquillizzante di artista nel panorama italiano, fino qualche tempo fa ma anche in tempi più recenti.
“In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta. Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po’ le teste. Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa”, ebbe a dire l’artista.

Le celebrazioni, i mea culpa, il revisionismo, le riabilitazioni e le liberatorie dell’ultima ora? No, grazie. Noi ricorderemo Dario Fo per la sua statura artistica, Mistero Buffo, Morte accidentale di un anarchico e moltissimo altro, un pezzo di storia italiana controversa e coraggiosa, colui che su Wikipedia, la vetrina del mondo, è stato un drammaturgo, attore, regista, scrittore, autore, illustratore, pittore, scenografo, attivista italiano. In un aggiornamento futuro, vorrei che comparisse anche formatore di giovani generazioni di artisti.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi