Tag: monicelli

commedia-italia

L’EVENTO
Favino sublime giullare esalta la tradizione della commedia all’italiana

Quasi tre ore di puro divertimento, in cui si fatica a star fermi sulle sedie, tanta è l’esilarante energia sprigionata sul palco dagli interpreti di “Servo per due”, il riallestimento italiano ad opera di Marit Nissen, Simonetta Solder, Pierfrancesco Favino e Paolo Sassanelli di “One man, two guvnors”, a sua volta versione british del classico goldoniano “Arlecchino servitore di due padroni”.

commedia-italiaCi si potrebbe chiedere perché Pierfrancesco Favino e Paolo Sassanelli, entrambi nella doppia veste di registi e attori in scena, abbiano scelto di passare per la versione inglese ambientata negli anni Sessanta e trasportarla a loro volta nella Rimini degli anni Trenta, invece che riprendere direttamente l’originale settecentesco. La risposta che può azzardare chi ha visto lo spettacolo è che, forse, serviva un distanziamento nel tempo e nello spazio per poter recuperare nell’opera di riscrittura tutta la tradizione della comicità italiana, che partendo dalla commedia dell’arte nel frattempo è diventata la commedia all’italiana di Risi e Monicelli, o la giullarata popolare del premio Nobel Dario Fo e ancora il varietà teatrale e televisivo e la comicità stralunata di Benigni e Troisi.

commedia-italiaInsomma, come afferma Favino nell’incontro della compagnia con il pubblico al Ridotto del teatro, il genere che più appartiene alla nostra natura e alla nostra storia di italiani sembra essere la commedia: “è il linguaggio che ci accomuna e che ritroviamo dovunque facciamo lo spettacolo”. Per questo lo spettacolo coinvolge così tanto: perché è “popolare nel senso più nobile e intelligente del termine”, come sottolinea Stefano Pesce, che interpreta Spiridione.
Un altro motivo diventa evidente quando Favino racconta la sua visione del mestiere dell’attore: “gli attori iniziano a fare questo mestiere per essere amati, ma diventano tali quando riescono ad amare, quando nasce quel bisogno dell’altro che sta davanti a te, perché recitare significa non tenere nulla per sé e non giudicare mai il pubblico che si ha di fronte”. E, infatti, ognuno degli attori non risparmia una goccia del proprio sudore in un fiume in piena di situazioni, ricche di incroci tra personaggi ed equivoci a profusione, tra travestimenti, scherzi, gag e ruzzoloni. “Lo spettacolo è più forte della presunzione dei singoli attori: non importa quanto si voglia emergere, non ci si riesce perché si viene trascinati nel vortice del suo ritmo”, spiega Sassanelli. Lo spettacolo poi non sarebbe la stessa cosa senza i siparietti musicali tra una scena e l’altra, durante il cambio di scenografie, arrangiati e suonati dall’orchestra Musica da Ripostiglio, che quando arriva “crea scompiglio”, fra riarrangiamenti di classici della musica italiana, come “Mille lire al mese”, “Il pinguino innamorato” e “Mamma mi ci vuol il fidanzato”, e nuovi brani scritti appositamente per questo spettacolo.

commedia-italiaÈ evidente che tutti loro si divertono nel farci divertire, come è evidente la rete di fiducia che conferisce allo spettacolo un respiro comune. Una coesione che deriva dal reciproco rispetto, nato durante gli otto lunghi mesi di duro lavoro che sono serviti per preparare “Servo per due”: seminari di danza, canto, clownerie e tanta improvvisazione per allenare la memoria fisica e per “rendere sempre necessario in scena l’ascolto dell’altro”, chiarisce Favino. Una complicità che emerge dagli sguardi e dalle piccole impercettibili smorfie di intesa che i compagni si sono lanciati nel finale durante l’ultima canzone mentre iniziavano i lunghi applausi del pubblico in sala, ma che trova forse la sua più chiara espressione nell’immagine di Pierfrancesco Favino che, a chiusura dell’incontro con il pubblico, prende in braccio il bimbo addormentato del chitarrista dell’orchestra e gli sorride come uno zio affettuoso.
Se l’intento è recuperare il rapporto di fiducia fra chi sta sul palcoscenico e chi sta davanti a esso e, nelle parole di Favino, “proporre uno spettacolo che le persone siano felici di aver visto, facendole andare via con la sensazione di essere state a casa propria”, possiamo dire: obiettivo pienamente raggiunto.

“Servo per due”, di e con Pierfrancesco Favino, adattamento di “One man, two guvnors” di Richard Bean, tratto da “Il servitore di due padroni” di Carlo Goldoni, al Teatro Comunale fino a domani, domenica 18 dicembre.

Foto di Marco Caselli Nirmal

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi