Tag: pinocchio

Al cantón fraréś
Luigi Vincenzi: “La ciupéta fraréśa”.

 

Luigi Vincenzi, “Gigi” per gli amici e in arte “Tamba”, tratta del pane ferrarese rinomato da più parti (in tut al mónd). Decantandone le caratteristiche, descrive in rima, fra storia e leggenda, un episodio alla corte degli Estensi che ricorda i natali del formato più celebre del pane di Ferrara ovvero la ciupéta.
Rievocando la lavorazione casalinga di un tempo, esprime il sentimento religioso nel “pane quotidiano”, richiamato dal rito materiale quando ci si alzava a notte fonda per preparare il pane per tutta la numerosa famiglia.
(Ciarìn)


La ciupéta fraréśa

“Ruśéta” opùr “Mantvàna” o “Pagnuchìna”,
“Michéta”, “Chìfel”, “Biòva” opùr “Panina”,
j’è nóm che a déη, nuàltar italiàn,
al nòstar prim sustentamént ch’l’è al paη.
Sól nu frarìś, però a gh’éη la rizèta
par far cal caplavór ch’l’è la ciupéta,
tgnusùda in tut al mónd e numinà
pr i sò grustìη biscòt e profumà!

Al sugh ad gómbi, l’aqua, l’aria péśa
di nòstar cò, la fantasia fraréśa,
j’à fat na creazión tant bòna e bèla
che, al furastiér, la tòl fiη la favèla.
Par catàr al pranzìpi dla sò gloria
bisogna andàr indré int la nostra storia:
a par che, un dì luntaη Giglio, furnàr,
al presentàs al Duca, da magnàr,

uη pan intòrt a gàliga, coi còran,
da lu iηventà e cot int al sò fóran.
Èrcul, al śgónd, gustànd cla maravié,
al l’à numinà “cónt” lì, sui du pié!
Dal milzinczént e… śbliśga l’è al Cranvàl
mo, par la ciòpa iηvéz, l’è sta al Nadàl.
Da alóra, tut quéi ch’pasa, iη paś o iη guèra,
iη luηgh e iη largh pr’ill strad dla nostra tèra,

da chì parténd, i spand in źir la fama
dal nòstar graη bóη pan e dla salàma.
J’ann i pasa iη présia e, int al peηsiér
am sa in d’avìś ch’al fus apéna iér
che, iη mèź al cuór dla nòt, là źó, mié mama
coη mié opà, i faśéva andàr la grama,
pistànd l’impast, prilàndal coi braz nud
fiη ch’al n’jéra mulśìη cumpàgn al vlud.

Dòp, a miśura ad pugη fat a murié,
l’jéra spartì fra tuta la famié:
fra i nòni već e aηch fra i ragazìt
che j’al cambiava prèst in tant panìt.
Far pan iη ca’ al jéra fadigóś
parché as rubàva al témp al giust ripòś;
però nu aη l’avéη mai tòlt pr’uη lavór
parché al cuηsideràvaη n’at d’amór,

un at ad féd e fónda divuzióη
cum è purtàr al Sant iη prucisión.
Al jéra al “Pater Noster” dit col maη
pr avér, gióraη par giórn, al nòstar paη.
Quand as varźéa dal fóran al spurtèl…
che udór ch’a sa spandéva vèrs al ziél!
Udór da zéndar calda col vapór
quasi… pagana ufèrta a Nòstar Sgnór.

Al nòstar pan, a nisùn àltar śgónd,
séηz’ómbra ad dubi, l’è al più bón dal mónd!
L’è zert che i mèź mudèran e al prugrès
j’à cambià iη pèź al paη ch’as magna adès!
Aηch s’al mantién, i diś, la so sustàηza,
l’à pèrs dla poesia l’impurtàηza:
cla poesia ad plaśmàr, col tò dó maη,
cl’impàst ad fiór e trasfurmàrl in paη.

La coppietta ferrarese (traduzione dell’autore)

“Rosetta” oppure “Mantovana” o “Pagnottina”, / “Michetta”, “Kifel”, “Biova” oppure “Panina”, / sono i nomi che diamo, noi italiani, / al nostro primo sostentamento che è il pane. / Soltanto noi ferraresi, però, abbiamo la ricetta / per fare quel capolavoro che è la coppietta, / conosciuta in tutto il mondo e nominata / per I suoi crostini biscotti e profumati! /

Il sugo di gomito, l’acqua, l’aria pesante / delle nostre parti, la fantasia ferrarese, / hanno fatto una creazione tanto buona e bella / che, al forestiero, toglie persino la favella. / Per trovare il principio della sua gloria / è necessario andare indietro nella nostra storia: / sembra che un giorno lontano Giglio, fornaio / presentasse al Duca, da mangiare, /

un pane ritorto a spirale, con i corni, / da lui inventato e cotto nel proprio forno. / Ercole II d’Este, gustando quella meraviglia, / lo ha nominato “conte” lì, su due piedi! / Del millecinquecento e… rotti è il Carnevale / ma, per la coppia invece, è stato il Natale. / Da allora, tutti quelli che passano in pace o in guerra, / in lungo ed in largo per le strade della nostra terra, /

di qui partendo, spandono in giro la fama / del nostro gran buon pane e della salama. / Gli anni passano in fretta e, nel pensiero, / mi sembra che fosse appena ieri / che in mezzo al cuore della notte, laggiù mia mamma / con mio papà, facevano funzionare la gramola, / pestando l’impasto, rigirandolo con le braccia nude / finchè non era soffice come il velluto. /

Dopo, a misura di pugno fatto a pezzi, / era diviso fra tutta la famiglia: / tra i nonni vecchi ed anche tra i ragazzi / che lo cambiavano presto in tanti panetti. / Fare pane in casa era faticoso / perché si rubava il tempo al giusto riposo; / però noi non l’abbiamo mai giudicato un lavoro / perché lo consideravamo un atto d’amore, /

un atto di fede e profonda devozione / come portare il Santo in processione. / Era il “Pater Noster” detto con le mani / per avere, giorno per giorno, il nostro pane. / Quando si apriva, del forno, il portello… / che profumo si spandeva verso il cielo! / Profumo di cenere calda con il vapore / quasi… pagana offerta a Nostro Signore. /

Il nostro pane, a nessun altro secondo, / senz’ombra di dubbio è il migliore del mondo! / È certo che i mezzi moderni ed il progresso / hanno cambiato in peggio il pane che si mangia adesso! / anche se mantiene, dicono, la sua sostanza, / ha perso della poesia l’importanza: / quella poesia di plasmare con le tue mani, / quell’impasto di fiore di farina e trasformarlo in pane.

 

 

Tratto da:
Luigi Vincenzi (Tamba), Grépul, Ferrara, Arstudio, 2003.

 

Luigi Vincenzi (Bondeno 1926 – Ferrara 2011)
Altre note biografiche sull’autore nel Cantóη Fraréś di Ferraraitalia del 29 maggio 2020 [vedi qui] e del 11 settembre 2020 [qui]

 

Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia,
esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca [Qui]

Cover: foto Consorzio Tutela Coppia Ferrarese.

salamina da sugo

Al cantón fraréś
Alberto Goldoni: “Salamìna e pampapàt”.

 

Delle specialità culinarie nostrane del periodo natalizio si è detto, discusso, litigato, fra disciplinari ufficiali, familiari ricette e diversificate preparazioni. Sulla salama da sugo e sul pampepato si è discettato dell’aggiunta di questa o quella spezia, di lunga o breve stagionatura, di questa o quella variante negli ingredienti. Si son riempite pagine riguardanti i poteri afrodisiaci, le eccellenze dei sapori, la sensualità intrigante delle forme e dei profumi.
Ne hanno scritto in poesia Giampaolo Galassi, Iosè Peverati, Gigi Vincenzi e tanti altri.
Fra le versioni più gustose abbiamo scelto quelle di Alberto Goldoni.
(Ciarìn)

La salamina da sugh fraréśa

Prima ad védrat int al piat
o bèla salamina,
at sént int l’aria,
l’è al to profùm che, a curóna,
al t’zircónda come na regina.
Regina di salàm ti t’jé!
Delizia rara,
vant e arguói
dla nostra Frara.
Adès t’jé lì ch’at fum
davanti a mi,
rutundéta e grastìna,
ligàda strich da tut i vèrs,
da sóta at sóra
e anch par travèrs.
T’jé lì ch’at difendi ancora
cal tesòr ch’at gh à déntar:
al bàlsam dal tò corp,
che, come na sgnóra,
t’al fà desideràr.
An iη póss più!
At voj magnàr!
At cuć uη puchìη
par guardàrat bén, bén,
e po’ pian, pianìn…
at iηfìlz col curtèl
e at vèrź a mità.
J’òcc im sa slarga…
am tira al piηguèl…
am suda al palà…
al sugh tò luśént,
ch’at cola pri fiaηch
jè làgram d’amor
versàdi par mi.
Grazie salama! At riηgrazi col cuór,
al to sacrifìzi
t’la fat con unór.

La salamina da sugo ferrarese
Prima di vederti nel piatto / o bella salamina, / ti sento nell’aria, / è il tuo profumo che, a corona, / ti circonda come una regina. / Regina dei salami tu sei! / Delizia rara, / vanto e orgoglio / della nostra Ferrara. / Adesso sei lì che fumi / davanti a me, / rotondetta e grassottella, / legata stretta da tutte le parti, / da sotto a sopra / e anche per traverso. / Sei lì che ancora difendi / quel tesoro che hai dentro: / il balsamo del tuo corpo, / che, come una signora, / lo fai desiderare. / Non ne posso più! / Voglio mangiarti! / Ti corico un pochino / per guardarti ben bene, / e poi pian, pianino… / ti infilzo col coltello / e ti apro a metà. / Gli occhi mi si spalancano… / mi viene l’acquolina… / mi suda il palato… / il tuo lucente sugo, / che ti cola sui fianchi / sono lacrime d’amore / versate per me. / Grazie salama! Ti ringrazio col cuore, / il tuo sacrificio / l’hai fatto con onore.


Al pampapàt

Al gh’à la forma d’uη capèl da pret,
senz’ala, uη po’ arbasà,
d’na cupléta tonda, tajàda a mità,
d’na téta d’ragazòla, vista d’profìl,
d’na pulénta négra, dal profùm źantìl.
L’è durtìn, tgnìz, brugnuclóś,
scur, toz e uη po’ spugnóś.
Da védral, al n’è briśa bel,
ma quand t’al śgagη, l’è n’àltar quèl.
Al dolz dla ciculàta,
spargugnàda ad sóra,
al s’imésćia piaη, piaη,
con tut quél che l’arźdóra
l’agh’à armaśdà déntar:
– na scorza d’araηz e d’limóη,
– na manà, tra màndul e pignó,
– uη masculìn d’cacào, ad cal bóη,
– canèla e garòfan, uη spizghìη,
– fruta candita, fata a pzulìη,
– zùcar, acqua, fior d’farina
e po’… fóra a ciapàr la brina.
L’è un dólz da re, l’al dgéva anch l’Estense:
“Ognór vi sia sulle nostre mense!”
Infàti, prìηzip, regìη, re e… puvrìt,
dop la salama vècia e di buη caplìt,
i magnàva, come ultim piat,
“meza turnadùra” ad pampapàt.

Il pampepato
Ha la forma d’un cappello da prete, / senza tesa, un po’ basso, / come una cupola tonda, tagliata a metà, / quasi una tetta di ragazza, di profilo, / come una polenta scura, dal gentile profumo. / È duretto, tenace, bernoccoloso, / scuro, tozzo e un po’ spugnoso. / A vederlo, non è bello, / ma quando lo mastichi, è un’altra cosa. / Il dolce della cioccolata, / sparsa sopra, / si mescola pian piano, / con tutto quello che la massaia / gli ha impastato dentro: / una scorza d’arancia e limone, / un pugno, tra mandorle e pinoli, / un mestolino di cacao, di quello buono, / cannella e garofano, un pizzico, / frutta candita, a pezzetti, / zucchero, acqua, fior di farina / e poi… all’aperto a prender la brina. / È un dolce da re, lo diceva anche l’Estense: / “Ognór vi sia sulle nostre mense!” / Infatti prìncipi, regine, re e… poveretti, / dopo la salama vecchia e dei buoni cappelletti, / mangiavano, come ultimo piatto, / “mezza tornatura” di pampepato.

 

 

 

 

Tratto da:
Marco Chiarini e Arianna Chendi (a cura di), Scrìvar, lèzar, rezzitàr, testi di cultura dialettale ferrarese, Ferrara, Centro Stampa Comunale, 1997.

 

Alberto Goldoni (Ferrara 1920 – 1990)
Inizia a recitare già alla scuola elementare, frequentando poi per 50 anni filodrammatiche come attore e direttore artistico, anche in rassegne nazionali. Conduttore dal 1978 per “Telemondo” della rubrica Nu con ti – Ti con nu, intervista autori in lingua e in dialetto. Presentatore di concerti lirici. Partecipa a diverse giurie di concorsi poetici.
Negli anni ’80 cura, prima con il “FE” poi con “Ferrara Sette” la rubrica in vernacolo Un cantón par nu, pubblicando poesie dei vari poeti dialettali locali. Apprezzato autore egli stesso di poesie in lingua e in dialetto. Socio fondatore de “Al Tréb dal tridèl”, cenacolo dialettale ferrarese.

 Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia,
esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca [Qui]

Cover: foto proloco ferrara

Sandro_Botticelli inferno dante

Al cantón fraréś
Mendes Bertoni: “La Divina Cmedia”.

 

Da molti secoli autori dialettali si cimentano in traduzioni delle maggiori opere della letteratura italiana: la Commedia, l’Orlando, la Gerusalemme…
Quest’anno, in cui si celebra il settecentesimo anniversario della morte di Dante, sono rispuntate, in particolare sugli scaffali delle biblioteche, le versioni della “Commedia” rese nei vari dialetti della penisola: romagnolo, veneto, calabrese, pugliese, siciliano, oltre che in genovese, napoletano, mantovano, milanese, romanesco, ecc.
Due sono le versioni che conosciamo nel nostro vernacolo:
– la prima di Luigi N. Cittadella (Ferrara 1806 -1877), storico, impegnatosi nella riduzione in ferrarese del primo canto dell’Inferno nel 1870, intitolata “La Cmedia Divina”;
– la seconda di Mendes Bertoni, una “Antologia” dall’Inferno dei canti primo, terzo, quinto, decimo, diciottesimo, trentaduesimo, trentatreesimo, del 1967.
Di quest’ultima riportiamo, dal primo canto, i versi iniziali fino all’incontro con Virgilio.
(Ciarìn)

Prim cant

Dla nostra vita a mità strada giusta
am son truvà int uη bosch acsì tant scur,
che com’un dspers andava avanti a usta

e con ados mi’η’so quanti paur.
Iη meź a sproch, a ram, arvéd e sas
d’andar avanti an jéra più sicur

tant jéra fadigoś alvàr al pas.
Ma ‘l beη ch’a j’ho truvà mi ‘v voi cuntàr
e d’jàltar cvei par vostr’e par mié spas.

Com’abia fat là dentr’a scapuzàr
al źur, ch’an am so dar propria raśóη,
ma źa, quand uη l’aη s’ferma a raśunàr

al casca iη zerti tràpul da miηción;
e acsì ho fat mi, ch’am jéra imbambanà,
drit fil ho fat, sui vizi, uη bel sbliśgón.

Ma quand ai pié d’uη mont am son truvà,
là dóva cla valàda la finiva,
am soη santì, ad bota, iηcuragià;

ho guardà in su… Che bléza! Viva… viva!
Al sol, iluminàndam al stradèl,
ad graη fiducia al cuor al m’impinìva.

Come pr’iηcant st’miràcul acsì bel
l’ha fat sparìr parfìn tut cal spavént
che iηcapunàram l’éva fat la pel.

E come quel che ‘n tl’aqua, pr’azidént,
al casca déntar e’l riésc a tucàr riva,
al s’volta indré a guardarla pr’uη mument,

acsì ho fat mi ch’aηcora impalidìva:
ho butà n’oć iη présia a cal stradèl
che mai l’ha fat pasàr critura viva.

Strach amazà, tut’iη sudòr la pel,
am soη farmà uη puchìn a ripusàr,
ho ciapà fià e vié com’uη fringuèl.

Ma sol diéś pas aveva putù far
ch’am son truvà davanti na bastiàza;
na lòηza smaciuzàda ch’a pié par

l’am s’jéra impantalàda propria iη faza
e l’an’am vléva più lasàr pasàr.
Decìś am jéra d’bandunàr la piàza,

ma ‘l sol ch’iη ziél al stava par spuntàr
al m’ha in cuor mis na tal sicuraziòn
ad psér, aηch st’al parìcul, evitàr.

Ma eco, póch distant, spunt’uη leoη
che a boca ‘verta vers a mi ‘l s’avśìna,
ruźénd come s’al fus sarà iη gabión;

e ‘ηsiém a lu na lupa magrulina.
A tal visión tut al curaģ ho pers
e la speranza d’arivàr parfìna.

E come quel che pr’un destin avèrs
al perd la so furtuna e ‘l resta dur,
ad dàras paś l’an trova mod e vers,

acsì cla bestia, andand a colp sicùr,
l’am rimandava piaη pianin indré
e ‘ηcora n’altra volta iη mez al scur.

E méntar, spavantì, m’n’andava vié,
a l’impruvìsa am ved davanti al naś
una parsóna ferma e drit iη pié.

Ma che furtuna! Banadét al caś!
Un om int al desert… ma che beléza!
Par mi, ch’an am savéva dar più paś,

a l’jéra come n’àηcora ad salvéza.
“O ombra, o om, se t’aη m’aiut da bòn”
-agh ho zigà- “par mi aη gh’è più peza!”

Al m’ha rispost: “Mi òmaη più ‘n’al són
e i mié parent ad raza jè mantvàna,
ad Pietole, pr’amor ad preciśión.

Nat sot’a Zeźar al temp dla graη bubàna,
a Roma, po’ ho visù, sot’Agustìn,
al temp d’na religion tropa bagiana.

A soη sta’ aηch puèta e iη latìn
dal fiòl d’Anchise a j’ho cantà ill prudéz,
dal prode Enea s’uη mudèst librìn.

Ma ti parché ‘n continui briśa iηvéz
a caminàr sul mont s’at vó truvàr
cla gioia e cal piaśér ch’at zérch da ‘η pez?”

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .   .

 Canto Primo
Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
che la diritta via era smarrita.
Ahi quanto a dir qual era è cosa dura
esta selva selvaggia e aspra e forte
che nel pensier rinova la paura!
Tant’è amara che poco è più morte;
ma per trattar del ben ch’i’ vi trovai,
dirò de l’altre cose ch’i’ v’ho scorte.
Io non so ben ridir com’i’v’intrai,
tant’era pien di sonno a quel punto
che la verace via abbandonai.
Ma poi ch’i’ fui al piè d’un colle giunto,
là dove terminava quella valle
che m’avea di paura il cor compunto,
guardai in alto e vidi le sue spalle
vestite già de’ raggi del pianeta
che mena dritto altrui per ogni calle.
Allor fu la paura un poco queta,
che nel lago del cor m’era durata
la notte ch’i’ passai con tanta pieta.
E come quei che con lena affannata,
uscito fuor del pelago a la riva,
si volge a l’acqua perigliosa e guata,
così l’animo mio, ch’ancor fuggiva,
si volse a retro a rimirar lo passo
che non lasciò già mai persona viva.
Poi ch’èi posato un poco il corpo lasso,
ripresi via per la piaggia diserta,
sì che ‘l piè fermo sempre era ‘l più basso.
Ed ecco, quasi al cominciar de l’erta,
una lonza leggiera e presta molto,
che di pel macolato era coverta;
e non mi si partia dinanzi al volto,
anzi ‘mpediva tanto il mio cammino,
ch’I’ fui per ritornar più volte vòlto.
Temp’era dal principio del mattino,
e ‘l sol montava ‘n sù con quelle stelle
ch’eran con lui quando l’amor divino
mosse di prima quelle cose belle;
sì ch’a bene sperar m’era cagione
di quella fiera a la gaetta pelle
l’ora del tempo e la dolce stagione;
ma non sì che paura non mi desse
la vista che m’apparve d’un leone.
Questi parea che contra me venisse
con la test’alta e con rabbiosa fame,
sì che parea che l’aere ne tremesse.
Ed una lupa, che di tutte brame
sembiava carca ne la sua magrezza,
e molte genti fé già viver grame,
questa mi porse tanto di gravezza
con la paura ch’uscia di sua vista,
ch’io perdei la speranza de l’altezza.
E qual è quei che volontieri acquista,
e giugne ‘l tempo che perder lo face,
che ‘n tutti suoi pensier piange e s’attrista;
tal mi fece la bestia sanza pace,
che, venendomi ‘ncontro, a poco a poco
mi ripigneva là dove ‘l sol tace.
Mentre ch’i’ rovinava in basso loco,
dinanzi a li occhi mi si fu offerto
chi per lungo silenzio parea fioco.
Quando vidi costui nel gran diserto,
Miserere di me”, gridai a lui,
qual che tu sii, od ombra od omo certo!”.
Rispuosemi: “Non omo, omo già fui,
e li parenti miei furon lombardi,
mantoani per patria ambedui.
Nacqui sub Iulio, ancor che fosse tardi,
e vissi a Roma, sotto ‘l buono Augusto
nel tempo de li dèi falsi e bugiardi.
Poeta fui, e cantai di quel giusto
figliuol d’Anchise che venne di Troia,
poi che ‘l superbo Ilión fu combuto.
Ma tu perché ritorni a tanta noia?
Perché non sali il dilettoso monte
ch’è principio e cagion di tutta gioia?”.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Tratto da:
Mendes Bertoni, Antologia della Divina Commedia in dialetto ferrarese, Ferrara , SATE, 1967

Mendes Bertoni (Ferrara 1905 – 1987)
Prolifico autore di poesie e commedie dialettali molto rappresentate.
Altre notizie nel “Cantón fraréś” del 19 marzo 2021 [Qui].

 Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia,
esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca [Qui]

Cover: Sandro Botticelli, Mappa dell’Inferno, 1480-90, Biblioteca Apostolica Vaticana

alluvione po 1951

Al cantón fraréś
L’alluvione del 1951 nei dialetti di qua e di là dal Po.

 

Dopo settimane di piogge incessanti il 14 novembre l’argine sinistro del Po cede in tre punti, a Canaro e Occhiobello, per centinaia e centinaia di metri, provocando una catastrofe nel Polesine.
La drammatica violenza della natura lascerà ferite profonde.
Alberto Ridolfi esprime la grande paura nel ferrarese e l’amore/odio per il grande fiume.
Gianni Sparapan, polesano, evoca uno degli episodi più luttuosi della rotta dove annegarono 86 fra bambini, donne, uomini, conosciuto come “il camion della morte”.
(Ciarìn)


La pina

Nuvémbar, méś dla paura.
Not pasàdi su j àrźan,
zarcànd ad capìr,
da n’onda ach crés,
s’t’jé iη bòna o s’t’jé iηrabì.
Sachìt ad tèra,
speràηz ad disperà.
Tupinàr maladéti,
màdar di funtanàz.
Àrbul int l’aqua,
fantasma sradiśà coi braz al ziél.
Paùr, magón, biastém,
urazión col rusàri; un oć al nùval.
Sudór, làgarm e pióva
iηmasćià int la fadìga.

… A vièn al Sol.
L’aqua ch’la cala,
tórbia, ma tranquìla,
la s’porta via paùr, biastém;
ma cal magón
al vaηza iη fónd al cuór,
prónt a gnir su a la pròsima pina.
T’am fa paura e a t’odi.
Ma a t’amarò par sémpar,
parché a són tò fiòl:
un fiòl dal Po.

La piena
Novembre, mese della paura. / Notti passate sugli argini, / cercando di capire, / da un’onda che cresce, / se sei in stanca o sei arrabbiata. / Sacchetti di terra, / speranze di disperati. / Talpe maledette, / madri di fontanazzi. / Alberi nell’acqua, / fantasmi sradicati con le braccia al cielo. / Paure, magoni, bestemmie, / orazioni col rosario; un occhio alle nuvole. / Sudore, lacrime e pioggia / mischiate nella fatica.

… Viene il sole. / L’acqua che cala, / torbida, ma tranquilla, / si porta via paure, bestemmie; / ma quel magone / rimane in fondo al cuore, / pronto a tornare alla prossima piena. / Mi fai paura e t’odio. / Ma ti amerò per sempre, / perché sono tuo figlio: / un figlio del Po.

Tratto da:
Alberto Ridolfi, Fóra dal témp : poesii, zzirudèll e sturièli in frarés, Ferrara, Comune di Ferrara, 2000.

Alberto Ridolfi (Ferrara 1931- 2012)
Ingegnere elettronico, insegnante di informatica. Attore dialettale, studioso del nostro vernacolo.
Altre notizie nel “Cantón fraréś” del 3 luglio 2020 [Qui].

Ve ricordèo, el camion de la morte?

In te on zentanaro, i jéra,
dessora el camion ca vegnéa da Fiesso e da la Pincara.

Ma la note negra la orbava el camion,
fermo so la strada
i fanali inpizà a vardare l’àqua in girotondo.
E la zente, in piè sol camion, che la uchelava:
davanti rivava on lièvito de àqua da la Ciésa de Frassinèle
de drìo vegneva on mare de àqua da Capo Rumiati
e l’àqua la coreva par i fossi pieni de àqua,
e la tera la sparìa soto l’àqua,
e l’àqua la sparìa soto la fumara
fissa e spanta drento, dessora e parintorno al camion de i vivi
fermo so la strada longa de àqua
ca portava a la Ciésa de Frassinèle…

Gnanca on puòco de tera no se vedéa, a salvare i vivi,
gnanca che’l puòco de tera ca basta a coaciare i morti!

La note senza stele
la inpastava de àqua e de fumara vivi e morti:
– On zigo solo, se sentiva! –
coacià da la rota
che tuto la porta via
che tuto la portava via
– àqua, fango, paja, rami, morti, bestie, cristian –
e tuto, la ingrumava
ai piè de le piope
sora l’àrzare muto del Canalbianco.

La note tra el quatòrdese e el quìndese novenbre de’l 1951.
A Frassinèle.

Ricordate, il camion della morte?
In un centinaio, erano, / sopra il camion che veniva da Fiesso e da Pincara.

Ma la notte nera oscurava il camion, / fermo sulla strada / i fanali accesi a guardare l’acqua a mulinello. / E la gente, in piedi sul camion, che gridava: / davanti arrivava lievitando l’acqua dalla Chiesa di Frassinelle / dietro veniva un mare di acqua da Capo Rumiati / e l’acqua correva per i fossi pieni di acqua, / e la terra spariva sotto l’acqua, / e l’acqua spariva sotto la nebbia / fissa e sparsa dentro, sopra e intorno al camion dei vivi / fermo sulla strada allagata d’acqua / che portava alla Chiesa di Frassinelle…

Neppure un poco di terra si vedeva, per salvare i vivi, / neppure quel poco di terra che bastava per coprire I morti!

La notte senza stelle / impastava d’acqua e nebbia vivi e morti: / – Un solo pianto, si sentiva! – / coperto dalla rotta / che tutto porta via / che tutto portava via / – acqua, fango, paglia, rami, morti, bestie, cristiani – / e tutto, raggruppava / ai piedi delle pioppe / sopra l’argine muto del Canalbianco.

La notte tra il 14 ed il 15 novembre del 1951. A Frassinelle.

Tratto da:
Gianni Sparapan, El Bonbasin : prose e teatro in lengoa veneta, Rovigo, Europrint, 2003.

Gianni Sparapan (Villadose-Ro 1944)
Insegnante, giornalista, storico della Resistenza e dell’antifascismo nel Polesine. Autore di poesie, racconti, teatro, in lingua e in dialetto polesano, oltre che di un dizionario e di una grammatica della parlata veneta tra Adige e Canalbianco.

 Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia,
esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca [Qui]

Cover: Adria dopo l’alluvione del 14 novembre 1951 (archivio fotografico del Pci)

san francesco ferrara organo

Al cantón fraréś : Il rarità d’Frara”

I piccoli ferraresi che frequentavano la IV elementare, circa un secolo fa, avevano in dotazione “A L’OMBRA DAL CASTEL antologia dialettale ferrarese… ”. Era utile per l’apprendimento della lingua nazionale traducendo dal vernacolo, secondo i “Programmi di studio e prescrizioni didattiche (1923)“. Il volume, lire 3,50, era corredato da un vocabolarietto Ferrarese – Italiano e arricchito con illustrazioni e note.
Agli scolari venivano proposte, fra i vari esercizi, semplici informazioni sulle bellezze (maravié) del capoluogo che sarebbe diventato un giorno Patrimonio dell’Umanità.
( Ciarìn )

Vedi anche Al Cantón fraréś del 22 maggio 2020 [Qui].

 

Il rarità d’Frara
i è sett, propria com jéra sett il maravié dal mond.
Ecli: Al Castèl – La fazzada dal Dom – Al Campanìl – Al palazz di Diamànt – San Franzzesch – Santa Maria in Va – Al Muntagnón.

Al Castèl
l’è sta fatt dal 1385 dal marchés Niculò sgónd d’Este. L’è in mezz a l’acqua e al gh’à quàtar torr ch’il s’ved luntan diés o dódas chilometri.
Che beli fest, al temp di duca! E quant brav omin!: Guarino, l’Ariost, al Tasso e tant’àltar. Ma anch quant bruti cos, alora! Il dó parsón d’Ugo e Parisina il fa paura sol a védril!

La fazzada dal Dom
l’è una dil più beli d’Italia; e i furastiér i sta dil’i ór incantà a guardarla. L’è dal 1135!… Anch alora agh’i era dla brava zént!

Al campanìl dal Dom
tutt ad marm, alt 50 mètar, con Zurzón (al campanón che ass sent luntan ott chilometri). Se al fuss finì con la cupla, al starév all’impàr dal campanìl d’Giotto a Firenze.

Al palazz di Diamànt
a n’scherza. Al gh’à dó fazzà tutt ad marm a punt ad diamànt, e as dis che dentar in t’una ad st’il punt, ch’an s’sa brisa quala, agh sia un diamànt propria ad chi bun. In t’al palazz po’ a gh’è da star a boca averta. A gh’è di magnifich salùn con di bei quàdar! tutt ad pitór frarìs: Garòful, Carpi, Costa, Mentessi, Previati… A gh’è anch al Museo dal Risorgiment, con d’i s’ciop, dil carabinn, dil spad; e po’ al ritratt ad Mosti coi vuluntari dal sò bataglión; e po’ i ritratt di tri màrtir frarìs: Succi, Malaguti, Parmeggiani fusilà dai tudésch dal 1853.

San Franzzesch
l’è ‘na bela césa con un’eco ch’ripèt il parol dasdòtt o vint volt!… ‘na zìzula!

Santa Maria in Va
la gh’à dil beli pitùr dal Bononi. Ma la cosa più bela l’è l’altàr dal Preziosissim. Al fatt l’è quest: Al sgónd giorn ad Pasqua dal 1171 quand un pret ch’géva messa al rumpì l’ostia cunsacrada, ecco, com’un scrizz, tant gózz ad sangv! Anch’adess, in tal mur, ass ved il macc!

Al Muntagnón
l’è sta una maravié al temp di duca, con bosch, zardìn, paschiera, grott e una palazzina pr’i bagn. Adess più gnént, ma solament al deposit dl’acqua potabile.


Traduzione degli autori.

Le rarità di Ferrara
Le rarità di Ferrara sono sette, proprio come erano sette le meraviglie del mondo.
Eccole: Il Castello – La facciata del Duomo – Il campanile – Il palazzo dei Diamanti – San Francesco – Santa Maria in Vado – Il Montagnone.

Il Castello
è stato edificato nel 1385 dal Marchese Niccolò secondo d’Este. È in mezzo all’acqua e ha quattro torri che si vedono lontano dieci o dodici chilometri.
Che belle feste, al tempo dei duchi! E quanti bravi uomini!: Guarino, L’Ariosto, il Tasso e tanti altri. Ma anche quante brutte cose, allora! Le due prigioni d’Ugo e Parisina fanno paura solamente a vederle!

La facciata del Duomo
è una delle più belle d’Italia; e gli stranieri stanno delle ore incantati a guardarla. È del 1135!… Anche allora c’era della brava gente!

Il campanile del Duomo
tutto di marmo, alto cinquanta metri, con Giorgione (il campanone che si sente lontano otto chilometri), se fosse finito con la cupola, starebbe alla pari del campanile di Giotto a Firenze.

Il palazzo dei Diamanti
non ischerza, con due facciate tutte di marmo a punta di diamante, e si dice che dentro in una di queste punte, che non si sa quale, ci sia un diamante proprio di quelli veri. Nel palazzo poi c’è da stare a bocca aperta. Vi sono dei magnifici saloni con dei bei quadri tutti di pittori ferraresi: Garofalo, Carpi, Costa, Mentessi, Previati… C’è anche il Museo del Risorgimento, con dei fucili, delle carabine, delle spade; poi il ritratto di Mosti con i volontari del suo battaglione; poi i ritratti dei tre martiri ferraresi: Succi, Malagutti e Parmeggiani fucilati dagli austriaci nel 1853.

San Francesco
è una bella chiesa con una eco che ripete le parole diciotto o venti volte!… una giuggiola!

Santa Maria in Vado
ha delle belle pitture del Bononi. Ma la cosa più bella è l’altare del Preziosissimo. Il fatto è questo: il secondo giorno di Pasqua del 1171, quando un prete, che diceva la messa, ruppe l’ostia consacrata, ecco, come uno spruzzo, tante gocce di sangue! Anche adesso, nel muro si vedono le macchie!

ll Montagnone
è stata una maraviglia al tempo dei duchi, con boschi, giardini, peschiera, grotte ed una palazzina per i bagni. Adesso più nulla, ma solamente il deposito dell’acqua potabile.


Tratto da: Ferri e De Sisti, A l’ombra dal Castèl : Antologia dialettale ferrarese per gli esercizi di traduzione in italiano, in conformità dei programmi ufficiali 1. ottobre 1923, 2: Classe 4. Elementare, Palermo, Remo Sandron, 1925.

I compilatori dell’antologia
– Luigi Ferri (1854-1935), ispettore scolastico, autore fra l’altro del Vocabolario Ferrarese – Italiano del 1889.
– Francesco De Sisti (1878-1954), insegnante, sportivo, autore de L’influenza psicologica della educazione fisica.
– Mario Luigi De Sisti (1904-1982), figlio di Francesco, architetto, pittore, illustratore della copertina di A l’ombra dal Castèl.

.

 Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia,
esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca (Qui)

 In copertina: Organo, particolare, basilica di San Francesco – Ferrara

Al cantón fraréś
Augusto Muratori: “I tuchìn / Cumént”

 

Abbiamo accostato due poesie di Augusto Muratori, poeta e cacciatore, che hanno in comune un elemento che, al giorno d’oggi, desta sentimenti contrapposti: l’attività venatoria.
I sensi all’erta nel maggese o nella valle, la conoscenza del territorio, la pulsione predatoria, contrastano con le riflessioni dell’uomo sulla propria esperienza col fucile: l’instabile equilibrio fra istinto, etica e passione.
Le certezze vengono spazzate via da un improvviso illuminante pensiero della figlioletta.
(Ciarìn)

I tuchìn

 E iη s al végar c’al s pèrd
dóv ‘rìva l’òć,
int na scuacióna ad cana
e i stamp intóran
a stava a sptar zìt zìt.
Na buarìna l’era gnuda a bévar
int na rudà d’na màchina lì avśìn.
A santìva al sćifèl sul canalón
d’uη piviér ‘d mar
e int uη mación ad càna
cantàr una spurzlàna.
E pó tut int na vòlta
su i stampìη
cmè tirà da na fiónda
i è arivà
pagnà ad vént, i tuchìn.

I pivieri dorati (traduzione dell’autore)
E sul maggese che si perde / dove arriva l’occhio / in un capanno di canne, scoperto / con i richiami attorno / attendevo in silenzio. / Una cutrettola era venuta a bere / in un solco di ruota di automobile nei pressi. / Udivo il fischio sopra il canalone / di un chiurlo / e in un folto canneto / cantare una gallinella d’acqua. / Poi tutt’a un tratto / sopra i richiami / come scagliati da una fionda / sono arrivati / vestiti di vento, i pivieri dorati.

Tratta da:
Nuove voci della mia terra, premio letterario nazionale “Bruno Pasini”, raccolta antologica 2001-2012, Ferrara, Festina Lente, 2014.


Cumént

Mi ch’am santìva brav, tut pin d’argój,
par sèt òt quàj o du pizacarìη!
Mi ch’am faśéva iηfìη fotografàr
coη n’aliévar iη man o uη maźurìη!
Mi ch’am santìva re dal mónd, iη val,
parché a “sunàva” al sćiòp come uη viulìη!
Mi ch’a mustràva a tuti i mié trofèi
come uη campión dla bici o dal balóη,
ch’am santìva acsì fòrt, acsì cuntént,
e adès santìr mié fiòla dìram séch:
“quant póvar animài cupà par gnént!”

 

Commento (traduzione dell’autore)
Io che mi sentivo bravo, (tutto) pieno d’orgoglio, / per sette otto quaglie o due beccaccini! / Io che mi facevo persino fotografare / con una lepre in mano o (con) un germano reale! / Io che mi sentivo re del mondo in valle / perché “suonavo” il fucile come un violino! / Io che mostravo a tutti i miei trofei / come un campione della bici o del pallone, / che mi sentivo così forte, così contento, / ed ora sentire mia figlia dirmi senza mezzi termini: /“quanti poveri animali uccisi per niente (inutilmente)!”

 

Tratta da: Marco Chiarini e Luciano Montanari (a cura di), Al nòstar bel dialèt: antologia degli autori de Al Tréb dal Tridèl, Ferrara, 2G Editrice, 2012.

Augusto Muratori (Longastrino-Fe 1936)
Cresciuto fino a trent’anni a Jolanda di Savoia e Bondeno, da cinqunt’anni risiede a Imola (Bo). Impiegato di banca, compone poesie e filastrocche in dialetto ferrarese e romagnolo. Ha partecipato a concorsi provinciali, regionali, nazionali, ottenendo premi e segnalazioni. È presente in antologie quali Al nostar bel dialet… e Cento anni di poesia dialettale romagnola (1976). Ha pubblicato: Do sbalistrè imulesi sul disciolto Gruppo Balestrieri Imolesi, Acsè par rìdar dla nostra vècia Cassa satire, Al fotti d’la nona : breve saggio di indovinelli, modi di dire e proverbi dell’Imolese e della Romagna estense (1973).

 Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia,
esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca (Qui)

In copertina:  Segugi – foto di Marsilio Torzoni, 2020

scarpe moda

DIARIO IN PUBBLICO
Scarpe e balene

 

Vorrei iniziare l’articolo titolandolo ‘Scarpe e balene’. Si tratta di configurare il ‘ritmo’ delle scarpe dei leaders che in Cornovaglia si apprestano alla foto di gruppo dei potenti del mondo e, accanto a questa indicazione visiva, l’incredibile vicenda della balena che a Cape Cod in Massachusetts ha ingoiato un pescatore e lo ha risputato, perché forse ritenuto da lei stessa indigesto.

Commenta La Repubblica: “IN BOCCA alla balena! La crasi fra due dei più celebrati esclamativi beneauguranti di cui tradizionalmente disponiamo, è riuscita a un americano che si chiama Michael Packard. Ha cinquantasei anni, vive al nord della East Cost, nei paraggi di Provincetown, (Massachusetts), sulla punta adunca della baia di Cape Cod, dove impiega il suo tempo nel settore aragoste. Più precisamente è considerato un espertissimo pescatore subacqueo, forse l’ultimo veterano di un mestiere attualmente considerato un po’ troppo duro e pericoloso.”[Qui]

Come Giona o Pinocchio – quando si dice che la ‘realtà’ inventata è più vera di quella cronachistica! – il pescatore viene espulso dalla bocca del cetaceo, che non gradisce l’intrusione di un umano nella sua bocca. Ho vissuto in quei luoghi e so quanto quel paesaggio riesca a trasformare la capacità cronachistica in utopia e letteratura.

Dunque. La più straordinaria immagine è quella dei capi di Stato che, con passo marziale, tenendo per mano le loro compagne, salvo la brava Merkel che cammina da sola, vengono ritratti in atteggiamento guerresco, come se dovessero affrontare chissà quale lotta per la sopravvivenza e si dirigono tutti verso la linea del mare. Importante è seguire la sequenza delle scarpe. La severità di quest’ultima è ribadita dal lucore delle scarpe degli uomini accompagnati dalle vezzose scarpette delle mogli e fidanzate. Una, da sola, avanza con qualità e stile: la Merkel.

Dove sta allora il riferimento simbolico dell’avanzata delle scarpe? Probabilmente dalla visibilità di un particolare fisico, che assume significato simbolico. L’idea che il potere possa esprimersi anche con la lucidità delle scarpe e con l’uso di ciò che i piedi sanno dire, attraverso il loro abbrancancarsi al suolo esprime il senso della radicamento al suolo.

Tutto questo è bene espresso da un articolo apparso sull’Espresso della settimana scorsa, in cui si rimarca che il piede rappresenta il momento di agganciamento al suolo e quindi in qualche modo esprime la possibilità di riuscire a dominarlo. Le scarpe dei leaders sono dunque l’immagine di un dominio che si esercita sulla terra.

L’altro momento è rappresentato dalla incredibile avventura del pescatore del Massachusetts ingoiato dalla balena. Qui l’immagine simbolica propone pena e salvezza per chi osa scontrarsi col mostro. I riferimenti a Moby Dick sono talmente evidenti da suscitare il sospetto di una colossale bufala. Non a caso i luoghi sono quelli dove si svolge l’immane lotta tra il mostro e l’uomo, ma evidentemente la realtà dell’immaginazione coincide con quella della cronaca.

Ecco allora penso quanto sia mediocre la cronaca cittadina che ci parla di lettere minatorie, di espressioni di amore, intellettuali o meno, che agitano il campo politico, così come ancor di più la violenta polemica che ha coinvolto il critico Vittorio Sgarbi, l’assessore Marco Gulinelli e alcune tra le associazioni culturali ferraresi. Queste ultime si erano offerte di aiutare a comprare i disegni di un pittore settecentesco, un tempo appartenuti alla Biblioteca Ariostea e poi scomparsi; contestavano al critico l’acquisto dei disegni, ora ricomprati dal presidente di Ferrara arte, che li collocherebbe all’interno del rinnovato Museo di Schifanoia. Tuttavia le infelici e mediocri dispute ci rendono purtroppo compartecipi di un clima assai poco credibile per il concetto stesso di una città, che è vissuta e dovrebbe vivere d’arte e di cultura.

Per leggere gli altri interventi di Gianni Venturi nella sua rubrica Diario in pubblico clicca  [Qui]

Azienda Concato

Al cantón fraréś
Alessandro Corazza: “L’ùltim śmèrgul”

 

Il progresso che avanza, l’avvento della meccanizzazione agricola, l’acquisto del trattore, i debiti…
L’autore tratteggia simbolicamente il cambiamento sociale della campagna con l’immagine delle mucche, ormai inutili, che caricate sul camion lasciano la stalla, assieme ai vitellini, con un ultimo lamento.
Sono usati nel testo termini desueti ma efficaci.
(Ciarìn)

L’ùltim śmèrgul

Int la prima pòsta dla stala dal “Visdòm”,
la Biśa e la Biónda, cumè donn,
ll latàva i so fió, nat su la pàja
custudìda coη cura int la purdgàja.
Uη léch, na scuazà, fòrsi uη baśìn,
ill mustràva l’amór pr’i so biśìn.
Drit, impalà, col didulón int al gilè,
al marcànt al li squadra par da dré:
“Ill jè dó bèli bèsti, ma purtròp…
ill bèsti…
al dì d’iηquó ill jè sémpr ad tròp!”
Źanón al tira fòrt uη graη suspìr:
“Ill jè igl’ùltmi dó dal nòstar tir.
Ill val, ill val tant òr, tant quant ill péśa…!
S’aη fus parché eη fat na bèla spéśa..!”
Dó ciàcar fati avśìn al mandariòl
e ill bèsti ill jè vaηzà sól int ill fòl.
Al càmioη l’è rivà li vérs ill dó,
l’à cargà su ill màdar coi so fió.
Tra ill stargarlìη sćiaηźà dla spónda vécia
as intravdéva ‘l muś coη la murdécia.
Dal buś, ach jéra un po’ più iη su,
a spuntàva un oć négar e blu.
La Biśa la zarcàva l’aria fina…
l’udór dal fén e dl’erba dla pradìna,
ad védr iηcóra l’ombra di filàr,
la fadiga dal pió e dal carźàr…!
Cargà sul càmion e ligà cò pié
dla Bionda as a vdéva sól al dadré.
Coη la ruźa dal càmion è śvanì
l’ùltim śmèrgul struzà e argaì.

L’ultimo muggito (traduzione dell’autore)
Nella prima posta della stalla del “Vis Domini”, / la Bisa e la Bionda, come donne, / allattavano i loro figli, nati sulla paglia / custodita con cura nella porticaglia. / Una leccata, una scodinzolata, forse un bacino, / mostravano l’amore per i loro vitellini. / Dritto, impalato, col pollice infilato nel gilè, / il mercante le squadra dal di dietro: / “Sono due belle mucche, ma purtroppo… / le mucche… / al giorno d’oggi, sono sempre di troppo!” / Giovannone tira forte un gran sospiro: / “Sono le ultime due del nostro tiro. (1) / Valgono, valgono tanto oro quanto pesano…! / Se non fosse perché abbiamo fatto una grossa spesa!” / Due chiacchiere fatte vicino al mandriolo (2) / e le mucche sono rimaste solo nelle favole. / Il camion è arrivato verso le due, / ha caricato le madri con i loro figli. / Tra le stecche scheggiate della vecchia sponda, / s’intravvedeva il muso con la mordacchia. / Dal buco, che era un po’ più in su, / spuntava un occhio nero e blù. / La Biśa cercava l’aria fine… / l’odore del fieno e dell’erba del prato di casa, / di vedere ancora l’ombra dei filari, / la fatica dell’aratro e del carreggiare…! / Caricate sul camion e legate all’incontrario, / della Bionda si vedeva solo il posteriore. / Con il rumore del camion è svanito, / l’ultimo muggito strozzato e rauco.

(1) Traino di buoi. (2) Recinto per vitellini.

Tratto da:
Alessandro Corazza, Sbarlum dla ment : barlumi della mente, Portomaggiore, Edizioni Arstudio C, 2011

Alessandro Corazza (Portomaggiore 1932)
Insegnante nella scuola primaria e nella secondaria. Impegnato da sempre nel volontariato. Ha pubblicato poesie giocose in Palio in maschera (1994). Studioso del territorio ha dato alle stampe La persistenza della memoria : censimento dei monumenti, cippi, lapidi, targhe e vie di interesse storico nel comune di Portomaggiore (2011) oltre a Fra… cronaca, storia, situazioni, fantasia, passato, narrazione, avvenimenti, racconto, accadimenti, invenzione… del mio paese (2017).

 Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia, esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca (Qui)

In copertina:  Azienda Concato – foto di Marco Chiarini, 2021

Edizioni Pinocchio

Al cantón fraréś
Italo Verri: “Gli aventur ad Pinochio”

 

Nell’estate del 1881 Collodi iniziava a pubblicare a puntate “La storia di un burattino” diventata poi, in unico volume, Le avventure di Pinocchio. Da 140 anni tradotto, illustrato, adattato per il cinema e il teatro in tutto il mondo. Innumerevoli gli adattamenti dialettali nel nostro paese: triestino, milanese, bergamasco, veneziano, perugino, romanesco, napoletano, cosentino, siciliano, sardo e via discorrendo. Pure in occitano, latino, esperanto. Presentiamo il primo capitolo nella versione “tradotta” in ferrarese da Italo Verri, il quale rivolgendosi ai cultori del dialetto precisa:
“… Non me ne vogliano se il ‘mio’ ferrarese non corrisponde e non ubbidisce sempre ai canoni ortografici, lessicali e grammaticali ortodossi codificati… ho usato il dialetto della comunità che mi ha nutrito nei primi anni della mia vita e ciò ho fatto con umiltà e dedizione.”
(Ciarìn)

Gli aventur ad Pinochio – Storia d’un buratìn
Indóv ch’as conta come Màstar Zréśa, falegnam ad mastiér, al tróva un pèz ad légn ch’al pianźéva e al rideva com un putìn.

Agh jéra na volta…
– Un re! – i dirà sùbit i mié pìcul lètùr.
– Eh no, ragazìt, avì sbaglià. Agh jéra na volta un pèz ad légn.
Al n’jéra briśa un légn ad lusso, al jéra sól un zòch ad quéi che d’invèran is mét int la stua o su l’aròla pr’impizàr al fógh o scaldàr ill càmar.
An sò briśa com l’è andàda, al fat l’è che un bèl dì stal zòch al va a finir int la butéga d’un vèć falegnam che ad nóm al faśeva mastr’Antoni, sol che tuti j’al ciamàva màstar Zréśa par via ch’al gh’éva al naś sémpar lùstar e pavunàz come na zréśa madùra.
Non apéna che màstar Zréśa al véd cal pèz ad légn, al’s dà na sfargadìna al man da la cuntantéza, burbutànd a mèźa voś:
– Stal zòch l’è pròpia capità a faśòl: al vói dupràr par far na gamba ad taulìn.
Dit e fat, al tòl sùbit al manarìn guzà da frésch e al taca a scurtgàral e a sbuzàral, ma quand l’è dré mulàragh la prima smanarà, al vanza là còl braz suspéś a mez’aria, parché al sent na vuśìna sutìla sutìla ch’la s’arcmànda:
– Briśa piciàrm acsì fòrt!
Av las imaginàr la faza ‘d cal bón vèć ad màstar Zréśa.
Tut cunfùs, al źira j’òć in za e ‘n là par la càmara par védar d’indóv la putéva gnir cla vuśìna, ma an véd nisùn; al guarda sot’al banch, nisùn; al guarda int l’armàri, ch’al jéra sémpar sarà, nisùn; po’ al guarda int al zastìn di rizó e dla śgantìna, nisùn; al vèrź l’us dla butéga par dar n’ucià anch su la strada, ancora nisùn, e alóra?…
– A jo capì – al diś ridénd e gratàndas al paruchìn: – as véd che cla vuśìna am la són figuràda mi. Dài, métat mò a lauràr.
Al branca da nóv al manarìn e al dà na gran smanarà al pèz ad légn.
– Ahi, ta m’ha fat mal! – la ziga, lamentàndas, la solita vuśìna.
Stavolta al pòvar vèć al vanza ‘d stuch, con j’òcc fóra da la testa da la paura, la bóca avèrta e la léngua ch’l’agh rivàva fin sul barbùz, come chi mascarùn ch’i’ss tróva sul funtànn.
Dòp aver ritruvà la parola, tarmànd e bacuclànd tut spavantì, al taca a dir:
– Ma d’indù pòlla gnir fóra cla vuśìna ch’l’ha dit ahi!? … Epùr chi ‘n gh’è anima viva. Ch’al sia par caś stal zòch ch’l’ava imparà a piànźar e a lamentàras cóm un putìn? A mi l’am par impusìbil. Ècal chi cal pèz ad légn: l’è un zòch da fuglàr, come tut chi àltar: al bastarév par cuóśar na pgnata ‘d fasó. E alora? Ch’agh sia lugà déntar qualchdùn? S’al’gh duvés èsar, pèź par lu. Adès al sistèm mi!
Dit e fat, al branca con tuti dó ‘ll man cal pòvar pèz ad légn e zó pach senza remissión contra i mur dla butéga. Po’ al’s mét in urciùn par santìr s’agh fus incóra qualch vuśìna ch’l’as lamentàs. Al ‘spèta du minùt, gnént; zinch minùt, gnént; diéś minùt, gnént.
– A jò capì, – al diś, sfurzàndas ad rìdar e sparnaciàndas al paruchìn: – as véd che cla vuśìna ch’la zigàva am la són figuràda mi. Dài, mitémas a lauràr!
Sicóm ch’agh jéra saltà adòs un gran scagabórd, al’s mét a cantàr par fàras curàģ.
Intànt, mis da na part al manarìn, al tòl in man la piòla par piulìr e tiràr a pulimént al pèz ad légn, ma intànt ch’al la piulìva avanti e ‘ndré, al sént la solita vuśìna ch‘l’agh diś, ridénd:
– Ció, smétla bén che t’am fa ill gatùzal da par tut!
Stavolta al pòvar màstar Zréśa al casch’indré cópa come fulminà! Quand al vèrź j’ò ć, al’s tróva santà par téra.
Al gh’éva la faza stravolta e parfìn la punta dal naś, da pavunàza com la jéra quasi sémpar, la jéra dvantàda turchina dal gran spavént.

Le avventure di Pinocchio
Come andò che Maestro Ciliegia, falegname, trovò un pezzo di legno, che piangeva e rideva come un bambino.
– C’era una volta…
– Un re! – diranno subito i miei piccoli lettori.
– No, ragazzi, avete sbagliato. C’era una volta un pezzo di legno.
Non era un legno di lusso, ma un semplice pezzo da catasta, di quelli che d’inverno si mettono nelle stufe e nei caminetti per accendere il fuoco e per riscaldare le stanze.
Non so come andasse, ma il fatto gli è che un bel giorno questo pezzo di legno capitò nella bottega di un vecchio falegname, il quale aveva nome Mastr’Antonio, se non che tutti lo chiamavano maestro Ciliegia, per via della punta del suo naso, che era sempre lustra e paonazza, come una ciliegia matura.
Appena maestro Ciliegia ebbe visto quel pezzo di legno, si rallegrò tutto; e dandosi una fregatina di mani per la contentezza, borbottò a mezza voce:
– Questo legno è capitato a tempo; voglio servirmene per fare una gamba di tavolino.
Detto fatto, prese subito l’ascia arrotata per cominciare a levargli la scorza e a digrossarlo; ma quando fu lì per lasciare andare la prima asciata, rimase col braccio sospeso in aria, perché sentì una vocina sottile sottile, che disse raccomandandosi:
– Non mi picchiar tanto forte!
Figuratevi come rimase quel buon vecchio di maestro Ciliegia!
Girò gli occhi smarriti intorno alla stanza per vedere di dove mai poteva essere uscita quella vocina, e non vide nessuno! Guardò sotto il banco, e nessuno; guardò dentro un armadio che stava sempre chiuso, e nessuno; guardò nel corbello dei trucioli e della segatura, e nessuno; aprì l’uscio di bottega per dare un’occhiata anche sulla strada, e nessuno. O dunque?…
– Ho capito; – disse allora ridendo e grattandosi la parrucca – si vede che quella vocina me la sono figurata io. Rimettiamoci a lavorare.
E ripresa l’ascia in mano, tirò giù un solenissimo colpo sul pezzo di legno.
– Ohi! tu m’hai fatto male! – gridò rammaricandosi la solita vocina.
Questa volta maestro Ciliegia restò di stucco, cogli occhi fuori del capo per la paura, colla bocca spalancata e colla lingua giù ciondoloni fino al mento, come un mascherone da fontana.
Appena riebbe l’uso della parola, cominciò a dire tremando e balbettando dallo spavento:
– Ma di dove sarà uscita questa vocina che ha detto ohi?… Eppure qui non c’è anima viva. Che sia per caso questo pezzo di legno che abbia imparato a piangere e a lamentarsi come un bambino? Io non lo posso credere. Questo legno eccolo qui; è un pezzo di legno da caminetto, come tutti gli altri, e a buttarlo sul fuoco, c’è da far bollire una pentola di fagioli… O dunque? Che ci sia nascosto dentro qualcuno? Se c’è nascosto qualcuno, tanto peggio per lui. Ora l’accomodo io!
E così dicendo, agguantò con tutte e due le mani quel povero pezzo di legno, e si pose a sbatacchiarlo senza carità contro le pareti della stanza.
Poi si messe in ascolto, per sentire se c’era qualche vocina che si lamentasse. Aspettò due minuti, e nulla; cinque minuti, e nulla; dieci minuti, e nulla!
– Ho capito; – disse allora sforzandosi di ridere e arruffandosi la parrucca – si vede che quella vocina che ha detto ohi, me la son figurata io! Rimettiamoci a lavorare.
E perché gli era entrata addosso una gran paura, si provò a canterellare per farsi un po’ di coraggio.
Intanto, posata da una parte l’ascia, prese in mano la pialla, per piallare e tirare a pulimento il pezzo di legno; ma nel mentre che lo piallava in su e in giù, sentì la solita vocina che gli disse ridendo:
– Smetti! tu mi fai il pizzicorino sul corpo!
Questa volta il povero maestro Ciliegia cadde giù come fulminato. Quando riaprì gli occhi, si trovò seduto per terra.
Il suo viso pareva trasfugurito, e perfino la punta del naso, di paonazza come era quasi sempre, gli era diventata turchina dalla gran paura.

Pinochio VerriTratto da:
Gli aventur ad Pinochio, Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, voltate in dialetto ferrarese da Italo Verri,
Ferrara, Comune di Ferrara, 2011.

Italo Verri (Pilastri-Fe 1933)
Professore di lingua e letteratura inglese, ha insegnato in varie scuole di ogni ordine e grado. Ha pubblicato Fin’amor : cinquanta sonetti amorosi (1997). Ha tradotto dall’inglese il radiodramma ambientato nella Ferrara rinascimentale Il miracolo del duca di Allen Curnow (stampa 1993). Ha scritto e musicato tre canzoni, di cui due nel suo dialetto. A tempo perso compone poesie ed epigrammi.

 Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia, esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca (Qui)

In copertina:  Avventure – foto di Marco Chiarini, 2021

DIARIO IN PUBBLICO
Memorie, vita ed occasioni

Mentre mi appresto a partire per vedere mostre: Freud e Bacon, Frida Kahlo, Canova, continuano come in un meraviglioso caleidoscopio i contatti tra vita e opere, tra arte e incontri umani. Così vedendo il magnifico Pinocchio di Matteo Garrone ricordo la lunga collaborazione con Roberto Benigni a Firenze: lui che leggeva Dante nella piazza di Santa Croce, io che lo insegnavo a centinaia di studenti in Facoltà. E il suo carisma divenne tale da sostituire la comprensione totale del poema per gli studenti che seccamente mi opponevano al tentativo di indurli a spiegare un verso o in canto della Commedia il loro aver assistito alla lettura di Roberto in piazza. Mi lamentavo un po’ ai pranzi organizzati da Daniele Olschki nella trattoria vicino a Piazza della Signoria ma Benigni rispondeva con un abbraccio mentre sorrideva malizioso a vedere la nostra presentazione in un importante convegno a Palazzo Vecchio dove il mio cartellino era finito sotto la figura dell’allora sindaco di Firenze Matteo Renzi e il suo sotto la mia faccia compiaciuta (vedi foto).

Quella foto ha girato per tutto il gruppo degli amici i quali sapevano dei non idilliaci rapporti che intrattenevo col sindaco M.R. Ora la rilettura del libro meraviglioso di Collodi e la scoperta mai testimoniata nei film (quello di Comencini e quello di Garrone) dell’impressionante rapporto tra la parrucca di Geppetto color ‘polendina’ e quello dei due mattatori americano e inglese che esibiscono una uguale parrucca polendina senza avere la qualità umana e morale e politica del nostro Geppetto. Sicuramente la scarruffata polendina che esibisce Johnson è più vicina a quella che maestro Ciliegia si trova in bocca dopo essersi azzuffato con Geppetto ed è adattissima da esibire per concludere la Brexit. Quella di Trump è più azzimata e ben s’attaglia al padrone delle Americhe che liscia la sua polendina per far gli occhi dolci ai cinesi.

Ma l’incontro più straordinario si è svolto quando, appena edito, m’impossesso di un racconto di Virginia Woolf pubblicato da Feltrinelli, Flush. Biografia di un cane con le illustrazioni di Iratxe López de Munáin provocando la delusione dell’amico Fiorenzo Baratelli che già l’aveva acquistato per regalarlo a mia moglie e a me. Certo mi provoca strizzoni sentimentali tremendi. Flush, lo sciacquone, è il cane di Elisabeth Barrett che sposerà il poeta Robert Browning. E’ uno spaniel come la mia Lilla che non c’è più, di pelo rosso a differenza della mia pezzata bianco e rosso. Un cane nobile di cui la meravigliosa Woolf racconta la vita e il suo rapporto con Elisabeth e Robert.
E allora ecco i ricordi di Bellosguardo nei 25 anni trascorsi là nel paesaggio più bello del mondo dove un viale univa il giardino della mia madre adottiva a quello della nobile amica di Vita Sackwille-West, la cosiddettà ‘bastarda’ reale, Violet, raccontata da Alvar González-Palacios a cui nella grazia e nell’amore successe Virginia. E basti rileggere di Vita il bellissimo Legami (il Saggiatore, 2006) pubblicato dal figlio Nigel Nicolson avuto dal marito Sir Harold Nicolson. La Barrett poi che passeggia nel chiostro della mia Facoltà in via del Parione ricalcando gli stessi luoghi dove mi sono formato o che compone le sue opere a Casa Guidi tra via Maggio e via San Felice dove, scrive la Woolf, Flush trovò la felicità totale.
E nelle biografie dei pelosi stupendi non poteva mancare, di Edmondo Berselli, il romanzo Liù. Biografia morale di un cane (Mondadori 2009) sicuramente quello più vicino, quasi un clone, a Flush.
Ecco allora che la vita si rispecchia nell’arte e le occasioni si trasformano in racconti ma soprattutto in memorie per cui ringrazio ancora chi mi ha permesso di poter accumulare una così lunga serie di ricordi, tanti quanti i peli di Flush.

Pinocchio: storia di un’iniziazione, fra noir, avventure, incanti e meravigliose fantasia

di Gian Luigi Zucchini

La cinquantaquattresima edizione della Fiera del libro per ragazzi, che si aprirà a Bologna lunedì 3 aprile, ci sollecita a molte riflessioni sul libro. Ci richiama in particolare a riflettere su un’opera tra le più originali e coinvolgenti scritte nel tempo, ‘Pinocchio’, e sul suo autore Carlo Lorenzini detto Collodi.

Riportiamoci dunque col pensiero al 1890.
La sera del 26 ottobre di quell’anno lo scrittore suonava disperatamente al portone di via Rondinelli 7, a Firenze. stramazzando poco dopo a terra. La morte, avvertita con disperazione poco prima, avvenne, per la rottura di un aneurisma, quasi subito, sulla soglia di casa sua, dove viveva, spesso barricandosi dietro la porta per un timore quasi nevrotico dei ladri. Da pochi anni aveva concluso il suo capolavoro: l’incredibile storia di un burattino di nome Pinocchio, che sarebbe diventato uno dei libri più importanti per i ragazzi e che pure gli adulti, in seguito, avrebbero letto con interesse critico e stupita ammirazione. E fu proprio quella storia, iniziata quasi di malavoglia (si disse per soddisfare debiti di gioco), che gli diede fama e lo collocò tra gli scrittori in prosa più originali del nostro Ottocento.

Poiché Lorenzini era già abbastanza noto come autore di libri per ragazzi, Ferdinando Martini, che dirigeva il ‘Giornale per i bambini’, gli chiese di scrivere un racconto a puntate. Così, il 7 luglio 1881, cominciò a uscire la storia di Pinocchio, una specie di ‘antifiaba’ che inizia con un dialogo tra l’autore e i lettori, e che non comincia nel solito modo, “C’era una volta un re”, bensì “C’era una volta un pezzo di legno”. E da qui prende corpo un racconto dove l’avventura, il mistero, l’ironia, la spigliatezza birichina e corsara del linguaggio e la felicità dell’espressione realistica rendono incalzante un itinerario denso di eventi e di straordinarie vicissitudini.
Pinocchio comincia da subito un percorso di iniziazione e si avventura spregiudicatamente in rischiose disubbidienze, nel furore di una libertà che non accetta controlli, e che poi i fatti e gli eventi modereranno via via fino al raggiungimento di una saggezza conquistata e consapevole.
Il racconto si interruppe con la puntata uscita il 27 ottobre 1881, o meglio, doveva essere concluso lì, poiché Pinocchio, inseguito dagli assassini, viene poi raggiunto e impiccato a un albero, dopo una corsa affannosa che dura quasi l’intera notte. E’ un rapido racconto del terrore, con cui il noir tipico dei romanzi d’appendice viene applicato alla storia: la notte è tempestosa, soffia un vento violento, gemono i rami folti del bosco. Pinocchio vede in lontananza una casina bianca, spera nella salvezza, ma la bambina dai capelli turchini, che finalmente dopo molto affannoso picchiare alla porta, appare dietro una finestra, non vuole o non fa in tempo ad aprire e a salvarlo.
Sembrerebbe così concludersi, in modo drammatico, la storia del burattino.
Invece riprese dopo pochi mesi, dal 16 febbraio al giugno 1882, poi dal 3 novembre al 25 gennaio 1883. La ripresa del racconto è un’esplosione del fiabesco, un’immersione grandiosa nell’immaginario. Mentre nella prima parte le storie erano vivacizzate entro una realtà domestica e quotidiana (la casa di Geppetto, il borgo, l’Osteria del Gambero Rosso, la campagna toscana con piovaschi e le nevicate dell’inverno…) ora la fantasia si dilata al massimo. Appare una carrozza “color dell’aria”, entrano in scena picchi, corvi, una lumaca bianca, una Civetta, un Grillo Parlante e, nella sua giovanile bellezza, la Fata dai Capelli Turchini, figura emblematica della Grande Madre terrena e celeste, espressa nel romanzo con le molte forme e figure possibili – l’industriosa donnina dell’Isola delle Api, la capretta dal pelo turchino, la malata nel letto d’ospedale, la signora col medaglione, la bambina della piccola casa bianca, la donna severa e dolce che cura Pinocchio malato – quasi a voler esprimere, attraverso i molti volti salvifici e amorevoli, la figura materna che Lorenzini amò con affetto quasi edipico, in una forma che psicologicamente potrebbe definirsi non priva di nevrotica morbosità; tanto che assunse poi come pseudonimo il nome di Collodi, il paese toscano in cui la madre era nata.

Tuttavia lo scrittore aggiunge, a questo aspetto che coinvolge particolarmente il bambino, anche un altro elemento, che prefigura la realtà adulta, la vita sociale non soltanto nella sua epoca, ma in tutti i tempi: l’egoismo e la sordida avarizia, l’ingiustizia prevalente anche là dove si dovrebbe amministrare la legge (emblematico il processo in cui Pinocchio, che è vittima, viene condannato mentre i colpevoli la fanno franca), i viscidi e malvagi comportamenti di certi personaggi, come l’Omino di Burro, che conduce i bambini nel Paese dei Balocchi, e che richiama altre tenebrose e orrende figure del feuilleton francese, come per esempio il ‘maestro di scuola’ ne ‘I misteri di Parigi’ di Sue, che Collodi tentò anche di riprendere in chiave italiana, nel mediocre romanzo ‘I misteri di Firenze’ del 1857.
E in questo, cioè nel calare con graffiante ironia la storia nella quotidiana contradditorietà dell’uomo e della società, sta anche l’importanza di questo libro, e di un autore che ha saputo giocare a tutto campo con la vita affrontandone gli aspetti, senza però farli uscire da quell’ambito incantato e lieve in cui l’avventura e la fantasia riuscirono e riescono a sedurre i ragazzi di ogni parte del mondo.

La conclusione, che sembrerebbe troppo edulcorata e improntata a un ‘lieto fine’ molto conformistico e tipicamente ‘borghese’, a ben riflettere non è propriamente così: mi pare che, analizzando bene, l’autore abbia voluto dimostrare che la vita, nel suo evolversi, travolge necessariamente la fantasia rapinosa dell’infanzia, e che la storia di un’iniziazione, quale che essa sia, deve poi concludersi con un adeguamento alla realtà. Così scompare la fiaba e il benefico regno in cui essa sopravvive alla storia ed entra definitivamente nel mito, in un tempo che non esiste ma è eterno, in un luogo sempre immaginato e irraggiungibile, una specie di Nirvana, come la casina bianca della bella bambina dai capelli turchini, o come la fata, che nel racconto scompare definitivamente e non si sa più dove sia andata, o se esista ancora oppure no.
È certo però che nella vita di Pinocchio, come in quella di tutti, dopo l’iniziazione, dopo l’infanzia, essa non apparirà mai più se non nel sogno o, come dice il Pascoli, nel recondito mondo del ‘fanciullino’, dentro di noi.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi