Tag: regionalismo

UN FANTASMA SI AGGIRA PER IL MONDO
Contro lo sterile e violento esercizio iconoclasta

Da qualche settimana sui giornali appaiono titoli che riguardano abbattimenti o rimozioni di statue di alcuni personaggi che hanno segnato la storia di molti paesi del mondo.
All’epoca di Gorbaciov, presidente dell’Unione Sovietica, che stava progettando di introdurre un inizio di democrazia nel suo Paese, avevo ammirato e condiviso la sua decisione di non rimuovere la statua di Lenin sulla piazza Rossa. In quel gesto, in quella scelta, si poteva leggere la consapevolezza del capo del Cremlino di che cosa fosse la democrazia e, soprattutto, del valore della Storia come fondamento di un progetto comune e reale di trasformazione costruttiva del procedere storico di una nazione e di un popolo.

Gorbaciov aveva capito che la democrazia non si esporta, ma si costruisce con il cammino faticoso e allo stesso tempo creativo e coinvolgente di chi vuole costruire un ambiente sociale di collaborazione e di intenti comuni, verso un obiettivo reale di convivenza nella giustizia. Chi abbatte le statue, come hanno fatto i componenti jihadisti con la statua gigante del Buddha, ha una concezione dell’umanità dipendente da volontà superiori e non in grado di crearsi la propria vita lasciando tracce.

Come dice il Presidente francese Macron, la storia non si cancella, per il semplice motivo che ciascuno di noi è figlio di quella storia e le attuali società sono il frutto di scelte precedenti e di vite precedenti, in poche parole come dice la mistica, scrittrice e promotrice culturale Angela Volpini: la storia è un progetto di comunicazione tra le generazioni (vedi: “L’uomo creatore” ed. Castelvecchi, 2016). Conoscere la propria storia da parte di un popolo è segno di maturità e di civiltà perché significa aver capito che ogni atto che, facciamo sia singolarmente che come società, ha delle conseguenze su tutti noi nel bene e nel male, poiché gli uomini sono liberi e perciò possono decidere della loro vita e del loro futuro.

La libertà, caratteristica specifica degli esseri umani, qualifica la singolarità di ciascuno e per questo possiamo conoscerci e definire la nostra identità. Questa identità segnerà di noi ogni nostra azione, perciò è tanto più libera quanto più è consapevole, quanto più è una scelta per la volontà di costruire il proprio posto nel mondo.
Niente e nessuno può decidere di noi, se non lo vogliamo; perciò chi distrugge i simboli del passato, anche se raccontano momenti non condivisibili o addirittura esecrabili, dimostra soltanto di non considerarsi un cittadino libero in quanto in grado di distinguere ciò che a lui corrisponde, ma si considera parte di una massa che avanza soltanto per l’inerzia del proprio peso e, in quanto tale, può essere orientata nella direzione decisa o dal caso o da qualcuno a cui conviene una adesione emozionale e acritica.

Questi gesti così clamorosi e violenti rappresentano in modo inequivocabile la violenza meno appariscente, ma altrettanto distruttiva, di coloro che voglio cancellare i progressi storici che hanno costituito il processo di democratizzazione delle nostre società.
Perché non ci si interroga e non si riflette sulla gravità della proposta di coloro che predicano il ritorno alle autonomie regionali rispetto alle organizzazioni statali? Di coloro che vogliono ricostituire il Lombardo-Veneto in Italia, la Catalogna in Spagna, la Vallonia in Belgio, e così via? O alla sovranità nazionale rispetto alla costruzione europea? Questi vogliono cancellare anni, se non secoli, di faticose conquiste di uomini e donne che hanno sacrificato la loro vita per realizzare i loro sogni e lasciare un’eredità preziosa ai loro figli.

Questi progetti di destrutturazione storica sono peggiori del revisionismo o del negazionismo perché    agiscono sulla realtà, rendendo tutti profughi, estranei al loro contesto, catapultandoli in una realtà ormai passata, rendendoli di fatto incapaci di vera autonomia e di vedere il futuro.
Ormai dovremmo aver capito che non è distruggendo ciò che non ci piace, ma è costruendo che si trasforma la realtà e si realizza una nuova storia che ci soddisfi pienamente.
Dovremmo aver capito non solo che la violenza non trasforma niente, ma che l’umanità ha bisogno di creare relazioni sempre più finalizzate a rendere la terra un ambiente aperto per tutti, la vera costruzione non chiude i confini, ma li supera. La memoria è parte sostanziale dell’essere umano, non è il ritorno al passato; avere memoria significa capire la profondità della propria realtà, la complessità della propria natura e riconoscere e possedere gli strumenti necessari a trasformare i sogni in desideri, i desideri in aspirazioni e le aspirazioni in possibilità concrete in un mondo finalmente accogliente per tutti.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi