Tag: relfie

LA CURIOSITA’
Dal Relfie al Felfie, tutte le varianti del Selfie

All’inizio era il Selfie, che la Treccani definisce “autoscatto fotografico generalmente fatto con uno smartphone o una webcam e poi condiviso nei siti di relazione sociale”.
Definita “parola dell’anno 2013dall’Oxford english dictionary, il fenomeno fa emergere un problema sociale a livello di relazioni, appartenenza e disagio. Spesso testimonia un costante bisogno di apparire, di nascondere i difetti, di mostrare quanto si è belli e felici, di ricevere conferme, apprezzamento, complimenti e riconoscimenti dagli altri.
Uno scatto davanti a una cattedrale, a un monumento o in un bel giardino fiorito può essere innocuo ma quello preso in abiti succinti o provocatori resta per sempre e può fare grandi danni, in un mondo che ci vuole tutte magre, prosperose o con la pelle perfetta, gli occhi cerulei e le labbra carnose e provocantemente dipinte. E che non dimentica.

varianti-selfie
I Simpson mentre si fanno un Selfie

Era (ed è) una moda che dilagava e impazzava, facce di amici spesso irriconoscibili, perché gli autoscatti li deformavano, nelle bocche, nelle linguacce, nelle rughe che si vedevano perché presi troppo da vicino. Faccioni e faccini che sorridono a sé stessi. All’inizio, quando ero in un ristorante o in un museo e vedevo persone armeggiare con i telefonini cercando di riprendersi, non capivo. Poi fra Facebook e Instagram ho capito. Mah, mi sono detta. Subito dopo, sono arrivati i Lelfie, gli Artfie e tanti amici-cugini-fratelli di quel Selfie iniziale che si evolveva e si trasformava. Non sempre in meglio. Ma mutava, come richiede la tecnologia e la fantasia degli esploratori e frequentatori del web.

varianti-selfie
Lelfie

Un giorno, infatti, hanno cominciato ad apparire, sui social network, fotografie di gambe, abbronzate, affusolate, strette in improbabili leggins, nei negozi, in spiaggia, distese sui lettini, allungate su prati d’erba verde avvolta da fiori. Erano arrivati i Lelfie (legs/selfie), una novità che, anche questa, non mi piaceva troppo ma m’incuriosiva. Mi chiedevo, ma la gente non ha proprio nulla di meglio da fare che fotografarsi le gambe?

Poco dopo apparivano gli Artfie, immagini scattate nei musei, dove spettatori dall’aria più o meno intelligente, passeggiavano fra i corridoi, facendosi immortalare di fianco a quadri, sculture, opere d’arte. Meno peggio dei Lelfie, mi dicevo. Spesso da qui partivano anche i Velfie, o video Selfie. Tutti immancabilmente e rumorosamente postati sui social network. Ecco, però, che una sera sento una ragazza dire al fidanzato, “amore, scattiamoci un Relfie!”. Avevo sentito bene, un Relfie. La parola deriva dalla fusione di ‘relationship’ (qui, di coppia, ovviamente) e Selfie. Non ci sono dubbi, dunque, sul fatto che mi trovavo di fronte all’autoscatto di una coppia sorridente di fidanzati o di coniugi delle più svariate età che decide di immortalare diversi momenti della giornata da condividere immancabilmente sui social, magari con una citazione romantica. Per far vedere quanto si è felici. Forse.

varianti-selfie
Smelfie

Ma non avevamo ancora visto tutto. Il peggio doveva ancora venire. Oggi, arriva lo Smelfie (terribile…), il Selfie del momento, che spopola sul web, l’autoritratto dei papà con in mano i pannolini maleodoranti dei loro adorati bambini. Nasce dalla fusione di Selfie e smell (puzza). Sta diventando l’hashtag più famoso su Twitter. Molti papà hanno imitato l’esempio del comico australiano Adam Hills, che lo ha lanciato.

varianti-selfieNel frattempo, si vedono persone girare con bastoncini per fare meglio i Selfie e la moda non ha più limiti. Il passo dalla faccia al lato B è breve (eviteremo battute sconce scontate ma trattenersi è davvero difficile). Nasce il Belfie (il Selfie del lato B). Se pensavate di avere visto tutto, e il peggio, vi sbagliate. Per riprendere meglio il proprio sedere nasce pure un dispositivo che lo immortala e lo rende un’opera d’arte, il Belfie stick. Incredible!

varianti-selfieL’ultimo arrivato (temiamo non sia l’ultimo), è il Felfie (‘farmers selfie’), l’autoscatto di chi lavora in campagna. Davanti a mucche, pecore, cavalli, con maialini o galline in braccio, a bordo di trattori, falciatrici e trebbiatrici. Fra alberi, piante e animali. Contadini e allevatori si mettono in mostra a suon di farmers selfie. Il blog Farmingselfie.com [vedi], creato dal un allevatore dell’Essex (@willwilson100), li raccoglie tutti. Il risultato è una collezione di scatti provenienti da tutto il mondo.

Non c’è più alcun limite, in questo mondo globalizzato e costantemente connesso. Fino a quando e fino a dove?

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi