Tag: riciclette

Ricicletta 2.0: pronti, partenza, pedalare

“Metti in circolo il tuo amore, come fai con una novità”, canta Ligabue. Qui non si tratta di amore, ma di una novità da mettere in circolo sì. Una buona prassi, un servizio che trasforma un problema in una risorsa e che coniuga decoro urbano, recupero e riuso, mobilità sostenibile e inclusione sociale. Stiamo parlando delle riciclette, mezzi ormai conosciutissimi a Ferrara. Sulle loro ruote corre un duplice valore aggiunto, ambientale e sociale: sono state rigenerate, oppure alcune delle loro parti provengono da biciclette non più utilizzabili cui viene ridata nuova vita attraverso il lavoro di meccanici esperti, che collaborano con persone alla ricerca di nuove opportunità di inserimento nel mondo del lavoro e della socialità. Il tutto in maniera economicamente sostenibile, riunendo così i tre cardini dell’economia circolare: sostenibilità ambientale, sociale ed economica.
Ecco perché la Regione Emilia Romagna nel dicembre 2016 ha assegnato alla Cooperativa Sociale il Germoglio, che ha ideato e gestisce il progetto Ricicletta, il premio come Innovatori responsabili, nella categoria ‘L’impresa per la crescita e l’occupazione’.

Ora, a distanza di quasi un anno, si passa a Ricicletta 2.0: da iniziativa virtuosa di una singola cooperativa sociale a progetto di economia circolare e responsabilità sociale di un’intera comunità, grazie al coinvolgimento attivo di Enti Locali, multiutily e agenzia per la mobilità. L’obiettivo, ci spiega Tania – responsabile del settore Mobilità Il Germoglio – è trasformare un’ampia rete di collaborazioni in una pratica strutturata e replicabile: “Ricicletta 2.0 è un protocollo d’intesa che mira creare una serie di strumenti che poi saranno già pronti per altri attori”. “Il territorio di attuazione continua a essere Ferrara, ma il traguardo finale sarà una filiera strutturata e replicabile” per altre realtà e altri prodotti.

Clicca sull’immagine per ingrandire la locandina dell’evento

La presentazione ufficiale di Ricicletta 2.0 sarà nel pomeriggio di lunedì 27 novembre presso il Palazzo della Regione Emilia Romagna, in viale Aldo Moro 30 a Bologna. “La concessione di questo spazio per la divulgazione di un progetto con finalità sociali – continua Tania – è parte del premio che la Regione ci ha conferito lo scorso dicembre e abbiamo deciso di sfruttare quest’occasione per portare su un palcoscenico più ampio questo progetto, giocando sul fatto che molti comuni della Regione sono sensibili alla cultura della bicicletta”.
Dopo i saluti istituzionali di Manuela Ratta, del Settore Ambiente Emilia Romagna, e di Caterina Ferri, Assessore all’ambiente del Comune di Ferrara, “le varie realtà aderenti illustreranno il loro contributo e le modalità di coinvolgimento nel protocollo”. Il Germoglio, che ha ideato e che gestisce “Ricicletta 1.0” scherza Tania, il Comune di Ferrara “che è coinvolto sul versante del decoro urbano”, Hera “che con la collaborazione di Last Minute Market si impegnerà nella raccolta e nella differenziazione dei rifiuti per il loro successivo riuso”, AMI Ferrara, “che si occuperà del lavoro culturale di sensibilizzazione sul territorio” e Punto 3 Srl, “che ha collaborato alla strutturazione del protocollo”. Alle 18.00 l’incontro si concluderà con un operativo preparato naturalmente da 381 Storie da gustare: “più circolari di così!” afferma Tania sorridendo.

La partecipazione è gratuita, ma è gradita l’iscrizione compilando il form che troverete a QUESTO LINK

Sito www.ilgermoglio.fe.it/ricicletta
Pagina Facebook de Il Germoglio

Recupero, rigenerazione, riscatto: tutte le r delle riciclette

Cosa incarna meglio il concetto di sostenibilità ambientale e di economia circolare delle ruote di una bicicletta? Senza contare che siamo a Ferrara. E la metafora vale ancor di più se al posto della ‘b’ mettiamo una ‘r’, come riciclo, rigenerazione, riuso, riscatto sociale. Ecco tutto ciò che si cela in una r-icicletta.
Che cos’è una r-icicletta? Presto detto: è una bicicletta pronta da usare, oggetto prezioso per eccellenza a Ferrara, ma che porta con sé un duplice valore aggiunto: è stata rigenerata oppure alcune delle sue parti provengono da biciclette non più utilizzabili, scarti a cui viene ridata nuova vita attraverso il lavoro di meccanici esperti che collaborano con persone alla ricerca di nuove opportunità di inserimento nel mondo del lavoro e della socialità, grazie alla legge 381 del 1991. Ecco perché la Regione Emilia Romagna pochi mesi fa ha assegnato alla Cooperativa Sociale il Germoglio, che ha ideato e gestisce il progetto Ricicletta, il premio come Innovatori responsabili, nella categoria “L’impresa per la crescita e l’occupazione”.

Il luogo dove le bicilette tornano a vivere e si trasformano in riciclette sono le Officine di via Darsena, accanto all’Ex-Mof. Il colpo d’occhio non lascia certo indifferenti e solo a Ferrara, la città delle biciclette, può esistere un posto con così tante bici tutte insieme. A guidarci è Alessandro, educatore insieme ad Amelia: da una parte le riciclette in vendita e più avanti quelle a noleggio, “grazie anche alla collaborazione con Itinerando, arriviamo a noleggiarne fino a novanta alla volta, lavoriamo in particolare con le scuole o i gruppi turistici”. Dall’altra parte, tutti i componenti, nuovi o recuperati. Qui ogni pedale, ogni ruota, ogni catena ha una sua storia. “Tutto è tracciato”, sottolinea Tania, responsabile del settore mobilità della Cooperativa sociale Il Germoglio. “Non c’è solo l’eticità del progetto di inclusione sociale. La legalità è un altro valore aggiunto delle riciclette: si ha la sicurezza che nessun componente abbia una provenienza dubbia, perché quando ci vengono donate una o più bici vecchie, chiediamo di firmare un atto di donazione e un documento di identità”. “Capita anche che venga riconosciuta una cifra a fronte della donazione – spiega Tania – Può diventare uno sconto sull’acquisto di una nostra ricicletta, ma in realtà per noi è il riconoscimento dell’adesione al nostro progetto: donandoci il proprio mezzo si evita che questo diventi un rifiuto e si permette il suo riutilizzo, attraverso il suo recupero o il riciclo delle sue parti ancora in buono stato. E’ capitato anche che, in caso di donazioni di più biciclette da parte di una stessa persona, le riconoscessimo anche il titolo di nostro ‘testimonial ufficiale’”, scherza Tania.
E testimonial ufficiale è sicuramente anche il demolitore Giorgio Trevisani di Migliarino, che collabora con le Officine Ricicletta dal settembre scorso e che ha deciso di rispondere all’appello della squadra del Germoglio, anche se questo per lui significa un po’ di lavoro in più, perché “deve separare le bici dal resto dei rottami” e finché non lo ha fatto non può usare il braccio meccanico per spostare i carichi che arrivano in azienda, spiega la sua collaboratrice Silvia. “Siamo molto soddisfatti: fino a ora abbiamo consegnato alle Officine Ricicletta circa quaranta bici. Abbiamo deciso di collaborare con Il Germoglio perché pensiamo sia giusto rigenerare i mezzi ancora utilizzabili e recuperare i componenti non danneggiati, evitando che tutto ciò diventi rifiuto”.

Poi tocca ai meccanici e alle persone che lavorano alle Officine di via Darsena, attraverso tirocini o percorsi di inserimento lavorativo. Dalle loro mani nascono le riciclette, fino a oggi circa 2.100: recuperando bici recuperano loro stessi, la dignità e la felicità che scaturiscono dal vedere il proprio lavoro riuscito.
Mostrando nella rastrelliera una ricicletta da uomo nera lucente, pronta per essere venduta, Alessandro afferma orgoglioso, proprio come un vero meccanico: “Ogni ricicletta che esce da qui ha fatto un check-up completo e meticoloso. Riusciamo a recuperarne anche due tre al giorno”.
Nel laboratorio c’è Angelo, lavora qui ormai da sei anni, tre di tirocinio e tre da dipendente. “Allora ormai sei un meccanico provetto!”, scherziamo, “No no! Magari!”, esclama e poi aggiunge stando allo scherzo: “Ci provo… diciamo che fino a ora nessuno è mai tornato indietro lamentandosi per la bici rotta!” Angelo ha 33 anni, gli occhi neri e buoni e un sorriso contagioso, è di etnia rom, quando ha finito l’istituto agrario gli è stato proposto di iniziare il tirocinio qui alle Officine Ricicletta e ora, dopo sei anni, sembra aver trovato la sua strada verso un domani più scorrevole. “Il lavoro mi piace, le biciclette mi piacciono, soprattutto il fatto di rigenerarle, e poi è bello stare a contatto con le persone, i miei colleghi e i clienti”. Ci parla mentre lavora a una ruota, il telaio della bicicletta è montato sul supporto, non si può permettere di fermarsi perché questa settimana è lui l’unico meccanico delle Officine: “ho un sacco di lavoro da fare”.
Le Officine Ricicletta offrono servizio non solo di recupero e di vendita (con ritiro e consegna in qualsiasi parte della città e della provincia), ma anche di marchiatura e di noleggio di diversi tipi di mezzi, compresi risciò, tandem, bici-taxi e le tre cargo bike gestite per conto del Comune. Infine, il servizio di manutenzione e riparazione; e proprio come accade con ‘al biciclar’, anche fra i meccanici delle riciclette e i clienti “si crea un rapporto di fiducia e nel tempo c’è una vera e propria fidelizzazione”, affermano Tania e Alessandro.

Naturalmente le riciclette, oltre al valore sociale, contengono anche un forte impegno ecologico, non solo nel riutilizzare ciò che altrimenti sarebbe rifiuto, ma anche nell’incentivare l’uso delle due ruote come mezzo di mobilità sostenibile. Ecco perché un paio di riciclette può essere un dono di nozze più che adatto per due sposi ferraresi: “Non più di un mese fa due promessi sposi hanno avuto l’idea di fare come lista nozze una donazione al Germoglio e in cambio abbiamo deciso di regalare loro due riciclette”, ci ha raccontato Tania. Ed ecco perché Il Germoglio – anche grazie alla collaborazione con i volontari di Irregolarmente – ha fornito riciclette a diverse associazioni del territorio, come il Centro donne e giustizia o Viale K, oppure le ha date a noleggio in occasione di particolari iniziative, come Interno Verde, la due giorni per giardini organizzata da Il turco. L’ultima in ordine di tempo è il concorso ‘In prima fila con Ricicletta’: in palio una ricicletta estratta a sorte tra tutti gli spettatori dell’Arena Estiva Le Pagine di Parco Pareschi che ha appena iniziato la sua programmazione estiva. Per partecipare basta andare al cinema, conservare il biglietto d’ingresso e lasciare i propri contatti, scrivendo il numero del biglietto e il proprio indirizzo mail su un coupon, per essere avvisato in caso di vincita.

Leggi anche
Un Germoglio di economia sostenibile: le bici di ricicletta nate dagli scarti
Ma dove vai se la cargo bike non ce l’hai
Riciclettiamo

Per maggiori informazioni
La Ricicletta
Pagina fb

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi