Tag: rifiuti alimentari

Così buono che lo finisci a casa

“È così buono che lo porterei a casa!”, è quello che si pensa spesso al ristorante di fronte a un piatto ordinato, magari per assaggiare una nuova proposta del giorno o perché c’è ancora un posticino da occupare, ma poi non finito. Sempre più persone chiedono di poter portare a casa ciò che non consumano durante i pasti fuori casa, ma ancora molti si sentono in imbarazzo nel farlo, eppure in questo modo si riducono lo spreco alimentare e la produzione di rifiuti.
A Ferrara – dal 2004 aderente al progetto Last Minute Market del professor Segrè – un gruppo di ristoratori e produttori di beni alimentari ha deciso che valeva la pena fare un passo in più, promuovendo loro stessi la possibilità di portarsi a casa una vaschetta con ciò che i clienti non consumano presso i loro esercizi. A lanciare l’idea e a mettere in rete tutti gli aderenti l’associazione ferrarese Officina Dinamica, da sempre attiva nella sensibilizzazione alla lotta contro lo spreco: così è nato ‘RistoriaAmo. Ristoranti a spreco zero’, spin-off di ‘AvanziAmo’.

Ieri mattina nella Sala dell’Arengo della residenza municipale è stata presentata la squadra di questi pionieri, undici come nel calcio: La Casona; 381 storie da gustare; Al Frattino; il Fuori Porta; Il Sorpasso; In Boccio; Orsatti 1860; il VenTo di supa; la pasticceria ristorante Europa; Salani Forno Valentino e l’azienda agricola e circolo culturale Al Boattino.
“Siamo orgogliosi di presentarvi quelli che noi chiamiamo ‘i magnifici undici’: è un risultato per nulla scontato. In altre città si fa moltissima fatica ed è un traguardo arrivare a dieci”, ha detto in apertura Roberta Lazzarini, vicepresidente di Officina Dinamica e coordinatrice di RistoriAmo: “ora diventeranno loro stessi un veicolo di sensibilizzazione contro lo spreco”.
L’assessora all’ambiente del Comune di Ferrara Caterina Ferri ha ringraziato tutti gli esercizi e tutti i partner aderenti all’iniziativa, un “ottimo esempio di sinergia” fra istituzioni, privati e associazioni. Un altro valore aggiunto di RistoriAmo, infatti, è la collaborazione anche del Comune di Ferrara e dell’Ausl, oltre al sostegno di Hera, Arci, Cna Ferrara e di Ilip, l’azienda produttrice di materie plastiche che fornisce le vaschette salva cibo. Un vero e proprio “circolo virtuoso”, come ha sottolineato l’assessore all’economia solidale Luca Vaccari, complimentandosi con chi ha deciso di scommettere su questa iniziativa fin dall’inizio e augurandosi che la squadra si allarghi sempre più. L’amministrazione riconosce l’impegno alla sostenibilità ambientale degli aderenti con una riduzione sulla Tari. Per ora è una quota uguale per tutti ma più avanti, se il progetto prenderà piede, le riduzioni saranno tarate e personalizzate.
L’Ausl ha invece fornito “informazioni agli operatori su come confezionare il cibo e le indicazioni che verranno date al cliente su come gestire il cibo portato a casa, per fare in modo che non diventi poi un rifiuto a casa loro”, ha spiegato la dottoressa Saletti del dipartimento di Sanità pubblica.

Un circolo virtuoso positivo che si chiude grazie alla partecipazione di Ilip: “Le vaschette salva cibo che forniamo sono avviabili alla raccolta differenziata della plastica e sono fatte esse stesse per l’80% di materiale plastico riciclato”, ha affermato Riccardo Pianesani, “l’azienda è felice di partecipare, anche per contrastare lo stereotipo del produttore di materie plastiche come inquinatore senza scrupoli”.

A questo punto vi chiederete come funziona RistoriAmo. Presto detto: Officina Dinamica fornisce agli undici aderenti le vaschette salva cibo con le indicazioni dalla Ausl di Ferrara e tutto il materiale informativo per i clienti, oltre a una sorta di co-redazione diffusa che pubblica notizie ed eventi sulla pagina fb del progetto. I locali a loro volta offrono ai propri clienti – anche senza che questi ne facciano richiesta – le vaschette per confezionare il cibo che potranno portare a casa.
Non vi resta che cercare sui tavoli il totem con il motto “Così buone che…ti finisco a casa”.

Maggiori info sulla pagina fb Ristoriamo

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi