Tag: rosa nel pugno

BORDO PAGINA
Intervista al filosofo e giornalista Angelo Giubileo

Scienza e Filosofia: Parmenide 2.0

Libro digitale (eBook Asino Rosso) per Angelo Giubileo, dedicato a uno dei padri fondatori dell’attuale filosofia scientifica o della Teoria della Conoscenza. Ovvero Parmenide, dalla lontana stagione presocratica. L’autore in un breve ma assai articolato saggio esplora l’influenza del filosofo nella storia del pensiero occidentale Nostra intervista all’autore:

Parmenide, Heidegger e Godel

Giubileo, Parmenide filosofo ma anche epistemologo ante litteram.. forzatura alla miglior Eco o davvero opera aperta?
Il linguaggio è sempre rappresentazione e quindi non è mai il “già dato” al quale in qualche modo pur pretende di fare riferimento. Ed è pur sempre una pretesa vana. Viceversa, l’Essere di Parmenide è tale che non può assumere per sé alcun “predicato”, neanche quello dell’“esistenza”. Il pensiero iniziale di Parmenide è capace così di com-prendere “ciò che accade”; alla stessa stregua, direi, di quanto il pensiero del matematico, logico e filosofo della prima metà del ‘900 Kurt Godel comprende riguardo all’aritmetica. In ordine alla dimostrazione di un sistema formale e assiomatico quale l’aritmetica, Godel per un verso non escluse una dimostrazione “finitistica assoluta di coerenza del sistema” – in proposito, sottolineo la seguente scansione del termine: co/er/enza -, per altro verso tuttavia egli mostrò anche che non è possibile che una siffatta “prova” sia rappresentabile nell’“ambito” dell’aritmetica. Dall’aritmetica alla filosofia, il termine “ambito” potrebbe essere sostituito con il termine, caro a Heidegger, di “dimora”, e quindi dimora dell’essenziale. Pertanto, l’opera di Parmenide non è affatto un’“opera aperta”; salvo che non si voglia intendere con tale espressione “l’Essere, che: “è” esattamente così come (la “natura” del)le cose che accadono. Ma, questa, è un’indagine che giammai appartiene alla letteratura.

Giubileo, Parmenide ci lascia solo in certo senso un Poema della Natura “a pezzi”, secondo te perchè in ogni caso ha catturato la storia e dribblato il tempo?
Ottima domanda, che segue il discorso intrapreso con la precedente. Parmenide pensa lo spazio “matematico” e non “geometrico” dell’Essere. Lo spazio di Parmenide è quello originario di Esiodo, lo spazio-aperto del Caos o il vortice del Big-Bang dal quale ha inizio e solo probabilmente avrà fine ogni cosa. La “misura” di Parmenide, con la quale la dea di verità che nel Poema è Dike misura tutte le cose, oltrepassa non solo ogni termine “chiuso” del linguaggio, come abbiamo già inteso, ma quindi anche ogni narrazione storica. Come per Esiodo e la sua Teogonia, Caos precede, dà le misure e precederà sempre Kronos fintantoché Kronos esista.

Giubileo, nella bibliografia (oltre che nel testo in particolare che attraversa centralmente anche le analisi su Parmenide di Hedegger e Severino) molti riferimenti più che “classici” a sociologi e psicologi ecc squisitamente “moderni” se non postmoderni”: un neoparmenidismo relativo è possibile nell’era digitale?
Per me, il discorso di Parmenide resta imprescindibile; ma fintantoché la logica del discorso permane, per così dire, “umana”. Altro sarebbe discutere in ordine a ciò che, in qualche modo, non potremmo più definire “umano”. Tanto premesso, l’intero discorso di Parmenide è aperto, come in parte abbiamo già detto, e dunque proiettato verso un continuo (continuum) oltrepassare che è l’oltrepassare stesso o il “divenire” (nominalistico) delle cose. In tal senso, il pensiero di Parmenide apre ed è aperto da sempre anche a un’era futuribile che noi oggi già chiamiamo con il termine postumano. Inoltre, e in maniera più approfondita, occorre dire che, messo a confronto con la logica algoritmica, che risolve un problema mediante un numero finito di passi elementari, non c’è per me dubbio alcuno che il pensiero di Parmenide attraversi perfino una distesa senza limiti di passi. In pratica, al fine di risolvere il paradosso del mentitore e far sì che Achille raggiunga la tartaruga, per i matematici è stato necessario ricorrere ai numeri “immaginari”. Ma, Parmenide e il suo allievo Zenone conoscevano già dai tempi “antichissimi”, come li definisce Aristotele, la soluzione.

Angelo Giubileo Filosofo e giornalista. Esperto di previdenza obbligatoria e complementare. Già cultore della materia presso le cattedre di Filosofia del diritto, Teoria dell’interpretazione e Logica giuridica presso l’Università degli Studi di Salerno. Socio fondatore dell’Associazione Nazionale per la Rosa nel Pugno e collaboratore per il gruppo parlamentare della Rosa nel Pugno. Tra le sue pubblicazioni: Etica della conoscenza (1999), Sulla natura delle cose (2016), Scritti politico-liberali (2016), Il grande Pan è vivo (2017). Attualmente, collabora con diversi siti e testate giornalistiche on line; e in particolare con: Futurologie (gruppo futurologico, transumanista e futurista dedicato alla futurologia italiana e internazionale) e Pensalibero (notiziario indipendente d’informazione politico-culturale).

https://www.amazon.it/Parmenide-2-0-Libri-Asino-Rosso-ebook/dp/B079C7MRP8

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi