Tag: rosana spadoni

Straferrara, 85 anni di strapassione:
la compagnia di teatro dialettale che ha fatto la storia

Siamo nel 2016, e il dialetto i giovani lo parlano poco; e ci sono loro, questa compagnia che il ferrarese l’ha scelto come lingua, che fa gli ottantacinque anni di attività, che ha recitato sotto le bombe, che si è presa delle mitragliate in bici, che fa quindici spettacoli all’anno e che ha una ragazza diciottenne che va sul palco del Comunale con loro; e prendono applausi e la gente per strada li ferma e gli fa i complimenti. “I tempi son cambiati”, direbbe qualcuno, o forse “si stava meglio una volta”: ecco magari anche no, perché “noi questo accantonamento del dialetto ancora non lo sentiamo, noi il nostro pubblico ce l’abbiamo”. E allora è dal 14 agosto del 1931 che la Straferrara fa la stessa cosa che ama fare da sempre.

“Quest’anno festeggiamo gli anni al Teatro comunale – racconta Rossana Spadoni, direttrice e attrice storica della compagnia – uno spettacolo che racchiuderà tanti pezzi delle nostre commedie. Nel corso della nostra esistenza abbiamo vissuto momenti di grande interesse della gente per quello che facevamo e altri in cui questo andava calando. Come una ruota. Subito dopo la guerra c’è stata una grande voglia di dialetto: un periodo di successo enorme, con degli incassi favolosi, perché la gente voleva ridere; recitavamo tutte le sere. Poi abbiamo avuto un momento di calo negli anni ’50 e ’60, nel periodo dei drammoni, dei film tipo I figli di nessuno. La gente a quell’epoca amava molto piangere. E in quella fase abbiamo messo a punto delle commedie proprio tipo I figli di nessuno, che portavamo in giro. Poi arrivano gli anni ’70, in cui assistiamo a una ripresa. Periodo in cui mio marito, Beppe Faggioli, è subentrato a mio papà, Ultimo Spadoni, fondatore della compagnia, che si era un po’ stancato. Beppe ha cercato di rinnovare proponendo commedie più attuali, poi cercavamo di fare dei classici, come le commedie di Goldoni”.

Ma quelli della Straferrara non si sono mai fermati, neanche nel ’45, con gli inglesi alle porte, quando la prima granata del 22 aprile “è proprio scoppiata dove stavamo recitando, perché recitavamo anche in quel periodo, al pomeriggio, poiché alla sera c’era il coprifuoco naturalmente. E quindi tutti gli attori sono scappati via; siamo fuggiti nei rifugi con i vestiti che avevamo indosso, per cui c’era chi correva per le strade vestito da prete magari… Poi c’è stata la Liberazione. Dopo quindici giorni, il 10 maggio, avevamo già ripreso l’attività. Abbiamo preso anche delle mitragliate: andavamo a recitare in bicicletta, allora le macchine non c’erano, e giù giù quando arrivavano le mitragliate”.

Non sono comunque i soli a fare teatro dialettale, né in Italia né in provincia. “A Ferrara c’è anche il Teatro Minore, che da più di vent’anni lavora in maniera simile alla nostra. Poi molti paesi hanno la loro filodrammatica: Mirabello, Quartesana, Formignana… Ci sono molti gruppi nella nostra provincia. Col Teatro Minore qualche anno fa abbiamo fatto Madonna Frara ch’è vvgnù in Villa, una commedia del ‘600 trovata nella biblioteca degli Estensi a Modena, e c’erano più di settanta persone in scena. Poi abbiamo fatto anche La castalda, altra commedia classica, del 1902, sempre collaborando col Teatro Minore. A livello regionale invece qualche scambio: venivano loro e noi andavamo da loro; questo a Modena, a Bologna… Adesso meno, devo dire la verità, poi non c’è più mio marito, Beppe Faggioli, che era l’organizzatore capo; io la porto avanti come posso… ho 85 anni, quindi bisogna che mi controlli un po’!”.

Ma com’è nata la Straferrara? E – verrebbe da chiedersi – verrà tenuta ancora in vita? “La Straferrara è partita nel ’35, con alla guida (per 35 anni) mio papà, Ultimo Spadoni, a cui è subentrato mio marito e, con la sua scomparsa, infine io, circa tre anni fa: è sempre rimasta in famiglia la direzione. Una parte di chi ha dato il via all’organizzazione nel ’35 proveniva da altri gruppi già esistenti di Ferrara; molti dall’Estense, dove recitavano soprattutto in italiano; anche in dialetto, ma molto meno. Invece mio papà voleva fare una cosa solo dialettale.

Adesso, entra sempre qualche nuovo giovane. Quest’anno è entrata una ragazza diciottenne: nello spettacolo che porteremo al Comunale per l’anniversario, e dove reciteremo praticamente tutti, avrà una parte anche lei. E’ anche la più giovane; la più anziana invece sono io: 84 anni, fra poco 85. Mio papà mi ha messo in scena che avevo 4 anni… Un bel po’ che calco il palcoscenico. Poi, per il resto, abbiamo rappresentate un po’ tutte le fasce di età. Di giovani sotto i 30 anni ne abbiamo 7 o 8, di 25 che siamo complessivamente. E pensare che non hanno neanche una sede: “Solo per pochi anni ci avevano trovato una bella sede – spiega Rossana – però non definitiva, e non c’eravamo soltanto noi, ma anche l’Accademia corale, il Circolo mandolinistico… Era stata ricavata dalla chiusura del manicomio di via Ghiara. Avevano dato queste sale alle organizzazioni culturali di Ferrara, però poi hanno venduto e quindi non siamo più riusciti ad averne una. Adesso siamo ospiti del circolo di San Giorgio, dell’Ente Palio. E lo usiamo per fare le prove. E poi andiamo dove ci chiamano per fare gli spettacoli, di solito una quindicina all’anno. Quest’anno un po’ meno perché ci siamo riservati del tempo per preparare la rappresentazione degli 85 anni al Comunale, che porteremo il 5 gennaio”.

Gli spettacoli della normale programmazione invece dove si possono vedere? “Noi – continua Rossana – abbiamo tutti gli anni la Sala estense che è del Comune, che ce la concede. E’ un bell’esempio di solidarietà. Ché noi ci sosteniamo soltanto con l’ingresso del pubblico, non abbiamo nessuna sovvenzione. Quindi le spese per scene, viaggi, macchinisti, le copriamo con il ricavato dal pubblico. E’ sempre stato il pubblico a sostenerci, perché di sovvenzioni non ne abbiamo proprio mai avute”.

Dopo tanti anni di attività, mi viene da chiederle che rapporto si è creato con il loro pubblico. Non mi lascia finire: “I ferraresi ci amano molto. Il dialetto è più apprezzato dalla popolazione, come devo dire, semplice. Noi continuiamo ad avere il nostro pubblico, molto molto numeroso il pubblico di mezza età, avremo in media due terzi di pubblico con una certa età, e un terzo di giovani. Non c’è la corsa della gioventù, ecco. Però vedo i bambini, perché i bambini vengono con le nonne e con le mamme. Le persone ci incontrano per strada e ci fermano, ci fanno i complimenti. Alla fine della stagione all’Estense sono saliti sul palcoscenico e hanno fatto la foto con noi. E’ il pubblico che ci dà sostegno, sotto tutti i punti di vista, morale e materiale, più di chiunque altro”.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi