Tag: rosenberg

coniugi-rosenberg

Quando l’America vestiva i panni dell’inquisizione

Ethel e Julius Rosenberg non li ricorda più nessuno, la memoria malandrina della politica li ha sepolti in un oblìo indegno della civiltà, oblìo interessato naturalmente, come vuole la prassi consolidata secondo la quale vanno ricordati soltanto i personaggi che nella storia sono accettati dal potere: quale potere? Il potere, rispondeva Lev Davidovich Trotskji, il potere non ha bisogno di ulteriori classificazioni, il potere è il potere, what else, che altro? La rivoluzione (e non le rivoluzioni) non dovrebbe servire ad altro se non ad abbattere la prevaricazione, l’anima del potere: purtroppo c’è sempre qualcuno che poi usa la rivoluzione per erigere altro potere e così andiamo avanti da sempre. Ethel e Julis Rosenberg, coniugi americani, furono protagonisti e vittime di uno dei casi più infami inventati in quel Paese che abbiamo innalzato, senza molte ragioni, a simbolo della libertà e della democrazia, nazione chiusa in se stessa invece, colonialista, la quale ha bisogno di sfruttare gli altri popoli per mantenere alto, sempre più alto, il proprio tenore di vita rafforzando ogni giorno la propria ricchezza e la propria fame di successo, come ci ha insegnato John Waine, bisogna vincere è la filosofia a stelle e strisce, che non vince è meglio che sparisca.

Di questo pensiero fascista fu grande assertore, tra la fine degli anni Quaranta e l’inizio degli anni Cinquanta un americano violento, il generale Douglas Arthur MacArthur, la cui aspirazione era di fare la guerra a tutto il mondo e affermare così, senza possibilità di discussione, the american way of life, la via americana all’esistenza, che si traduce nella gloria del forte e nel vituperio del debole, insomma un fascista all’ennesima potenza. In questa sua ideologia il nemico da distruggere, quello che gli toglieva il sonno alla notte, era il comunismo, che significava, nella sua mente ristretta, disfattismo e povertà.

Julius ed Ethel Rosenberg erano due pacifici ebrei comunisti e diventarono nell’azione propagandistica maccartista simbolo del male. Erano da annientare per dimostrare come vanno trattati i comunisti, una teoretica già attuata negli Stati Uniti quando si dovevano colpire i lavoratori e allora le vittime furono Sacco e Vanzetti, ammazzati senza prove, anzi con prove contrarie all’accusa, come mi dimostrò l’ultimo loro avvocato quando negli anni Sessanta venne a Milano a presentare il suo libro sul famoso, o famigerato, assassinio di Stato.

I Rosenberg furono i Sacco e Vanzetti del Cinquanta, già la filosofia maccartista aveva fatto molti chilometri ed era arrivata in Italia, dove fu accolta con entusiasmo dalla destra e dal Vaticano: essere comunisti allora (a volte anche adesso) voleva dire non trovare lavoro, non poter fare carriera pubblica e militare, essere ostacolato anche nell’impiego privato, ma, soprattutto, significava aprirsi le porte dell’inferno: sui confessionali delle chiese in quel periodo venne appeso il promemoria dei nostri più gravi peccati: hai rubato, hai ucciso, hai desiderato la donna d’altri, hai commesso atti impuri, sei comunista…? I coniugi ebrei Rosenberg, senza alcuna vera prova, vennero accusati di essere spie del Cremlino e, dopo un processo farsesco, condannati a morte. Furono messi sulla sedia elettrica il 19 giugno del 1953. Il grande McArthur aveva vinto e potè cominciare le sue epurazioni contro quei pericolosi sovversivi degli intellettuali, genìa da sterminare. La destra non ha cambiato volto, il suo santino è sempre il generale McArthur.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi