Tag: silvio orlando

Silvio Orlando, una “Vita davanti”: anche per l’ultimo degli ultimi.

 

Calarsi nei panni di un bambino, che vive nel quartiere più multietnico di Parigi, in un buco di casa arrampicato al sesto piano di un palazzo della periferia, tra prostitute e travestiti, e guardare il mondo provando insieme a lui tutte le emozioni più profonde: un disperato bisogno d’affetto, divertimento comico, scoperte, paura dell’abbandono, commozione, senso di inadeguatezza, istinto di nascondersi, ma allo stesso tempo una voglia disperata di essere preso in considerazione. È una situazione lontana anni luce dallo scintillio degli Champs Elysées e dagli ambienti alla House of Cards, quella messa in scena da Silvio Orlando come interprete unico de “La vita davanti a sé”. L’opera, da lui stesso diretta e adattata partendo dal romanzo omonimo di Romain Gary, in scena sul palco del Teatro Comunale di Ferrara da giovedì 18 a domenica 21 novembre 2021.

Silvio Orlando ne “La vita davanti a sé” sul palco del Teatro Comunale di Ferrara (foto Marco Caselli Nirmal)

“Di solito non mi piacciono le letture di testi narrativi – ha spiegato Silvio Orlando nell’incontro con il pubblico che si è tenuto sabato 20 novembre nel Ridotto del Comunale – ma tutto questo è nato proprio dalle pagine che mi chiesero di leggere al Festival della spiritualità di Torino del 2017. E quel romanzo da allora mi si è attaccato al cervello come un virus e, grazie al virus della pandemia, ho trovato il tempo e l’occasione per lavorarci su. Il musicista Simone Campa, che è con me sul palco e dirige l’orchestra Terra Madre, è l’unico superstite del gruppo che era con me a Torino, e l’opera si sviluppa insieme alla musica”.

Silvio Orlando durante l’incontro con il pubblico al Ridotto del Comunale (foto GioM)

La rappresentazione è tutta incentrata sull’interpretazione di Silvio Orlando, che si mette nei panni del bambino arabo di dieci anni (“l’ultimo degli ultimi”), ma anche di tutti gli altri personaggi che via via compaiono nel racconto. In questo l’attore riesce a passare con disinvoltura dal broncio del ragazzino alle pose della ex prostituta ebrea di origini polacche Madame Rosa (“95 chili, uno più brutto dell’altro”), fino all’espressione spettrale dell’ipotetico padre e all’evocazione della vezzosa e muscolosa Madame Lola, senegalese passata dal ring della boxe ai viali del Bois de Boulogne, facendo vivere allo spettatore tutta l’emozione e l’intensità di questi personaggi e di questi incontri. Lo spettatore riesce a crearsi un’immagine viva, forte e densa per ogni carattere, grazie alle parole e alle espressioni di Silvio Orlando. La naturalezza della recitazione è tale che rende concreta ogni visione, facendo dimenticare che in scena c’è un’unica persona, che ne evoca così tante e svariate.

Kaw Sissoko al Comunale di Ferrara (foto Marco Caselli Nirmal)

Lo spettacolo è accompagnato dalla musica diretta da Simone Campa, che ne è anche interprete alla chitarra e alle percussioni, insieme con Gianni Denitto al clarinetto e sax, Maurizio Pala alla fisarmonica e il senegalese Kaw Sissoko che suona un enorme strumento costruito con una zucca vuota e corde da pesca (kora) e un tamburo africano (djembe).

Silvio Orlando con l’orchestra Terra Madre sul palco del Teatro Comunale di Ferrara (foto Marco Caselli Nirmal)

“La musica arriva dove non arriva la parola”, ha sottolineato il direttore artistico del teatro, Marcello Corvino, nei panni di moderatore dell’incontro con il pubblico e che, nel bel mezzo della sala affollata dagli spettatori venuti ad ascoltare la compagnia, tira fuori il violino e si mette a suonare in una travolgente e improvvisata sessione, che vede il contributo anche di Silvio Orlando perfettamente a suo agio al flauto traverso.

“Da ragazzo credevo che la musica fosse la mia vocazione – ha raccontato sempre pieno di autoironia l’attore – e suonavo con molta partecipazione e convinzione a tutte le manifestazioni studentesche, dove gridavo il mio impegno interpretando con molto trasporto gli Inti-Illimani. È da lì che un mio amico ha visto in me un grande talento, comico però, e praticamente mi ha obbligato a recitare. Così la mia carriera musicale si è interrotta!”.

Silvio Orlando suona con i musicisti al Teatro Comunale di Ferrara (foto Marco Caselli Nirmal)

Poi Orlando ha spiegato come l’incontro con questo testo sia stato per lui un’illuminazione. La storia – come si legge nella scheda descrittiva – è quella di “Momò, bimbo arabo di dieci anni che vive nel quartiere multietnico di Belleville nella pensione di Madame Rosa, anziana ex prostituta ebrea che ora sbarca il lunario prendendosi cura degli ‘incidenti sul lavoro’ delle colleghe più giovani”. L’autore del romanzo, Romain Gary – fa notare l’attore – era a sua volta “un immigrato, arrivato in Francia dalla Lituania, perché sua madre aveva il mito di Parigi, come il posto dove, chi ha talento e impegno, può diventare quello che vuole. E in effetti lì, Gary, raggiunge tutto ciò che può desiderare di diventare: diplomatico, attore, scrittore e vincitore del premio Goncourt. Ma al culmine della carriera, quando ormai lo davano per decotto, trova la voglia di debuttare di nuovo, scrivendo sotto pseudonimo la storia di un clandestino arabo, figlio di una prostituta morta, costantemente diviso tra il bisogno di nascondersi e la voglia di farsi notare. Una storia che racconta che un’altra possibilità di stare al mondo c’è. I migranti sono un po’ come le api: ci sembrano un fastidio, poi scopriamo che senza di loro l’umanità non avrebbe molto tempo per cessare di esistere”.

Silvio Orlando ne “La vita davanti a sé” sul palco del Teatro Comunale di Ferrara (foto Marco Caselli Nirmal)

La visione che viene fuori – ha sottolineato Orlando – è quella che esce dagli occhi di un bambino, questo romanzo “non è solo un racconto o la storia di immigrati, è la creazione di un mondo, di un universo infantile”.

Locandina de “La vita davanti a sé” sotto i portici del Teatro Comunale di Ferrara (foto GioM)

Quando una signora del pubblico ha fatto notare che a teatro, così come davanti alle pagine del libro, la storia riesce ad acquistare un significato più universale di quello che può offrire una trasposizione cinematografica, l’attore ha concordato: “Il fatto di essere in scena a fare tutti i personaggi ti aiuta a non essere didascalico, usi la parola e la fantasia per trasportare il pubblico in un mondo immaginario. In questo il teatro è più vicino alla letteratura, fa evocare delle immagini dentro ciascuno di noi, a differenza di quanto accade al cinema dove figure e situazioni sono ben definiti”.

MUSICA IN REGALO – Nel breve filmato sotto si può ascoltare un assaggio del brano della tradizione ebraica, basato sul terzo salmo, improvvisata davanti al pubblico del Ridotto del teatro Comunale di Ferrara  dall’Orchestra Terra Madre insieme con Silvio Orlando e con il direttore artistico Marcello Corvino 

La musica – come ha commentato Corvino – è un elemento fondamentale, che “accompagna lo spettatore in questo viaggio, trasferendolo nei luoghi d’origine dei personaggi, ma anche nella Francia di Belleville”. Suoni che evocano mondi e situazioni e fanno entrare nell’intensità delle vibrazioni e delle emozioni di questa vicenda umana, toccante, coinvolgente e divertente. La dimostrazione di ciò si ha davanti al palco del teatro Claudio Abbado, così come nella sala del Ridotto del teatro: la musica trasporta in una dimensione altra, dominata dalle emozioni, dal sentirsi tutt’uno con qualcosa che senti dentro e che può trasformare un uomo con i capelli grigi in un bimbo di dieci anni o in un’anziana signora.

E gli applausi confermano la realizzazione dell’incanto: alla luce ovattata del Teatro così come in quella di pieno giorno del suo Ridotto.

film Ariaferma

Balamòs Teatro alla Carcere Femminile di Giudecca:
incontro con il regista di “Ariaferma” Leonardo Di Costanzo e gli attori Silvio Orlando e Salvatore Sasà Striano

di Michalis Traitsis

Biennale Cinema di Venezia 2021 alla Casa di Reclusione Femminile di Giudecca:
incontro con il regista del film Ariaferma Leonardo Di Costanzo e gli attori Silvio Orlando e Salvatore Sasà Striano

Una iniziativa di Balamòs Teatro – progetto teatrale “Passi Sospesi”

Prosegue la proficua collaborazione tra gli Istituti Penitenziari di Venezia e la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, con le attività coordinate da Michalis Traitsis, regista e pedagogo teatrale di Balamòs Teatro e responsabile del progetto teatrale “Passi Sospesi”, attivo dal 2006 negli Istituti Penitenziari veneziani. Avviate nel 2008, le iniziative si svolgono dentro e fuori gli Istituti Penitenziari durante il periodo della Biennale Cinema (Casa di Reclusione Femminile di Giudecca, Casa Circondariale Maschile di Santa Maria Maggiore, Venezia).

In questi anni, sono stati organizzati incontri, conferenze, proiezioni di documentari sul progetto teatrale “Passi Sospesi” nell’ambito della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, ma anche all’interno degli Istituti Penitenziari. Nelle ultime edizioni Michalis Traitsis invita registi e attori ospiti della Mostra per un incontro con la popolazione detenuta, preceduto dalla presentazione dei film più rappresentativi degli artisti ospitati. Negli anni passati hanno visitato le carceri veneziane Abdellatif Kechiche, Fatih Akin, Mira Nair, Gianni Amelio, Antonio Albanese, Gabriele Salvatores, Ascanio Celestini, Fabio Cavalli, Emir Kusturica, Concita De Gregorio, David Cronenberg, Paolo Virzì, Daniele Luchetti.

Grazie a Biennale di Venezia e alla Casa di Reclusione Femminile di Giudecca, nell’ambito della 78. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di VeneziaMartedì 7 Settembre 2021, alle ore 15.00, presso la Casa di Reclusione Femminile di Giudecca, si svolgerà un incontro tra le donne detenute e il regista cinematografico Leonardo Di Costanzo, gli attori Silvio OrlandoSalvatore Sasà Striano, che con il film Ariaferma” (ambientato in un carcere immaginario), parteciperanno alla Mostra del Cinema di Venezia 2021.

Locandina del film “Ariaferma”, Italia, 2021, fuori concorso alla 78. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

“Il film – dichiara il regista –  è ambientato nel carcere di Mortana, un vecchio carcere ottocentesco, situato in una zona impervia e imprecisata del territorio italiano, in dismissione. Per problemi burocratici i trasferimenti si bloccano e una dozzina di detenuti rimane, con pochi agenti, in attesa di nuove destinazioni. In un’atmosfera sospesa, le regole di separazione si allentano e tra gli uomini rimasti si intravedono nuove forme di relazioni. Al centro, insomma, il rapporto tra persone detenute e agenti di polizia penitenziaria”.

L’incontro è riservato agli autorizzati e si svolgerà all’aperto nel rispetto delle misure vigenti di prevenzione e contenimento della diffusione del coronavirus

La collaborazione di Balamòs Teatro con gli Istituti Penitenziari di Venezia e la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia ha come obiettivo quello di ampliare, intensificare e diffondere la cultura dentro e fuori gli Istituti Penitenziari ed è inserita all’interno di una rete di relazioni che comprende come partner il Coordinamento Nazionale di Teatro in Carcere, l’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro, il Teatro Stabile del Veneto, l’Università Ca’ Foscari di Venezia, il Centro Teatro Universitario di Ferrara e la Regione Veneto.

Sito internet di Balamòs Teatro: http://www.balamosteatro.org/
Sul film Ariaferma: https://www.mymovies.it/film/2021/dallinterno/

In copertina: Silvio Orlando e Toni Servillo in una scena del film “Ariaferma” del regista Leonardo Di Costanzo

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi