Tag: terramara

terramara-tavolini

L’INTERVISTA
Caterina Tavolini: “La mia danza, una denuncia della cieca logica del profitto”

Michele Abbondanza e Antonella Bertoni rappresentano ancora oggi il “duo della danza italiana” e “Terramara” il loro primo, originale e irripetibile “pas de deux”. La loro esperienza nasce nei fecondi anni Ottanta, avviati dalla presenza di Carolyn Carlson a Venezia, che segnano la nascita del teatrodanza italiano e della variante mediterranea della danza contemporanea, con la costituzione della Compagnia Sosta Palmizi. Negli stessi anni la coreografa e danzatrice ferrarese Caterina Tavolini è alla ricerca di una danza che le corrisponda. Vede “Underwood” di Carolyn Carlson nel 1982 e “Il cortile” della Compagnia Sosta Palmizi nel 1985 ed è la folgorazione: da allora segue i seminari della compagnia in giro per l’Italia e studia con Michele Abbondanza a Bologna per due anni, inserendosi a pieno titolo nel panorama delle avanguardie del periodo.

Abbiamo intervistato Caterina Tavolini in occasione del riallestimento del duo “Terramara”, andato in scena ieri sera al Teatro Comunale Abbado di Ferrara, che nello stesso luogo vide anche la coreografia originale danzata da Michele Abbondanza e Antonella Bertoni nel lontano 1991 [vedi].

terramara-tavolini
Michele e Antonella, 1991

Quali i ricordi, le emozioni e le sensazioni di rivedere lo spettacolo qui, al Teatro comunale, ventidue anni dopo, danzato da una nuova coppia di ballerini?
Innanzitutto il grande piacere di poterlo rivedere in scena. E’ una coreografia geniale, di grande intensità, semplice e raffinata al tempo stesso. Riproporla è stata un’operazione sicuramente positiva. Certo, mettere in scena l’inizio della storia d’amore vera vissuta dalla coppia Abb/Bert credo sia stato molto difficile e coraggioso da parte dei nuovi protagonisti, che sono riusciti a dare molto dal punto di vista virtuosistico ed ironico, ma l’emozione che ho provato e la poetica che ne è emersa quando ho visto l’originale, non ha e non può avere confronti. Michele e Antonella si muovevano come pantere sul palcoscenico, istintivi, con un ardore e una sensualità da far venire i brividi.

La mediterraneità, la solarità, il lavoro della terra sono gli elementi principali che connotano questo spettacolo e che, all’epoca, furono di grande innovazione e originalità. Hai ritrovato la stessa tonalità anche nella nuovo riallestimento?
Non sono riuscita a cogliere le differenze fra la prima volta che ho visto Terramara e quella attuale, coreograficamente e scenograficamente mi sono sembrate altrettanto convincenti: l’alternarsi delle giornate, luce e penombra, che scandiscono il lavoro e la vita di un uomo e di una donna che sia amano, che si toccano, si cercano, si prendono e si lasciano per prendersi ancora, e poi danzano e giocano come fossero su un’aia, utilizzando poeticamente ogni spunto simbolico, come l’arancia, il dolce, succoso e profumato frutto della terra, che in scena rappresenta anche il sole e la luna, un cuscino su cui riposare, semi e bambini che vengono mondo.

Ma passiamo a te, quando hai conosciuto Michele Abbondanza e quanto ha influito nel tuo percorso di danzatrice?
Erano i primi anni Ottanta e io ero alla ricerca di una danza che mi coinvolgesse integralmente. Premetto che ho iniziato a danzare da grande, a ventitre anni. Provenivo dalla ginnastica ritmica a livello agonistico ed ho studiato Scienze motorie all’Isef di Urbino. Ho sempre amato la danza ed ho sempre ballato di tutto, fin da piccola, ma fino ad allora non avevo ancora trovato ciò che rispecchiasse la mia idea della danza. Quando ho iniziato ad insegnare educazione fisica nella scuola pubblica, metà del mio stipendio andava per pagarmi i corsi e gli stage in giro per l’Italia e all’estero. Ho vinto anche qualche borsa di studio che mi ha permesso di approfondire la ricerca coreografica. Inizialmente ho provato ad affrontare varie tecniche, dalla modern jazz dance alla moderna alla classica all’hip hop, ma ogni tecnica lasciava una parte di me inespressa.

terramara-tavolini
Master class con Carolyn Carlson a Reggio Emilia, 1991

Dopo aver visto Underwood di Carolyn Carlson a Venezia nel 1982 [vedi], ho capito che avrei voluto danzare così, con quello spirito. La danza di Carolyn era la semplicità, la forma poetica del movimento, l’ironia, la leggerezza, con un profondo legame con la natura che apprezzavo e che apparteneva alla mia sensibilità artistica.
Successivamente ho cominciato a seguire i suoi danzatori che avevano formato la Compagnia Sosta Palmizi, tra i quali c’era anche un giovane Michele Abbondanza.

terramara-tavolini
Agrio, coreografia di Caterina Tavolini

Per due anni ho studiato con lui a Bologna e quelli sono stati gli anni fondamentali della mia formazione. Lui è stato il mio primo vero maestro, nonostante fossimo coetanei. In seguito ho frequentato i seminari estivi dei Sosta Palmizi con Raffaella Giordano, Giorgio Rossi e Roberto Castello. Le loro lezioni erano continue fonti di stimoli, la loro creazione più importante “Il Cortile” del 1985 mi ha incantata, lo considero un vero quadro poetico sulla civiltà contadina del teatro danza italiano [vedi]

In quegli anni i Sosta Palmizi rappresentavano l’avanguardia: la danza contemporanea in Germania si chiamava Pina Bausch, negli Stati Uniti Carolyn Carlson, in Italia Sosta Palmizi e poi Abbondanza Bertoni. Era la danza contemporanea in chiave mediterranea. In quale delle tre modalità espressive ti sei più ritrovata?

terramara-tavolini
Il respiro della terra, coreografia di caterina Tavolini

Per quanto ci siano grandi affinità, ho sempre prediletto la leggerezza, l’ironia e la poesia della Carlson e di Abbondanza. La ricchezza che deriva dal contatto con la natura, presente in tutti e tre i coreografi, è stata un filo conduttore nei miei lavori, fino a creare nel 2009 il duo “Il respiro della terra” dedicato interamente a questo tema. Coreografia che vorrei riproporre e magari approfondire a breve, perché sento l’esigenza di denunciare, anche attraverso il linguaggio della danza, la distruzione dell’ambiente perpetrata da un essere umano sostanzialmente cieco e irresponsabile, legato solo alla logica del profitto.

Che tipo di legame si era instaurato tra te e Abbondanza?
Negli anni si era costruito un bel rapporto di stima e di amicizia, eravamo coetanei e dunque non si trattava del tipico rapporto maestro-allieva. Nei primi anni in cui ho iniziato ad insegnare danza contemporanea, l’ho invitato diverse volte a Ferrara per tenere delle lezioni ai miei allievi.

Abbondanza è stato definito dalla critica “una delle tre presenze più importanti del teatrodanza italiano per qualità espressiva, intelligenza estetica, energia spettacolare, originalità creativa” (Valeria Ottolenghi, La Gazzetta di Parma, agosto 1995)*.
Che lavoro proponeva Abbondanza ai ballerini?

terramara-tavolini
Spirito libero, coreografia di Tavolini

Lui lavorava molto sull’improvvisazione, sull’essere scenico, sull’aspetto teatrale e laboratoriale della danza, con un attenzione al dettaglio, al movimento di qualità che nasce da un’intenzione, da un’immagine, da un contenuto o da un’intuizione. Credo di aver ereditato da lui la capacità di cogliere intuitivamente l’efficacia di un gesto spontaneo per renderlo unico e insostituibile, al servizio della creazione coreografica. E di questo gliene sono grata.

* in Valeria Morselli, “L’essere scenico. Lo zen nella poetica e nella pedagogia della Compagnia Abbondanza/ Bertoni”, Ephemeria ed., 2007

 

 

terramara-tavoliniterramara-tavoliniterramara-tavolini
I disegni della coreografia “Terramara”, tratti dall’archivio personale di Michele Abbondanza e Antonella Bertoni e pubblicati per gentile concessione in Valeria Morselli, “L’essere scenico. Lo zen nella poetica e nella pedagogia della Compagnia Abbondanza/Bertoni”, Ephemeria ed., 2007.

Per saperne di più sul riallestimento di Terramara, visita il sito [vedi] e leggi l’articolo di lancio dell’evento con intervista ai due nuovi ballerini pubblicato su questa testata [vedi]

terramara

L’EVENTO
Terramara: l’arcaico irrompe nella contemporaneità

Dopo “La boule de neige” di Fabrizio Monteverde, sul palcoscenico del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara torna il progetto Ric.Ci/Reconstruction Italian contemporary choreography anni 80/90, questa volta con la quarta e più recente delle coreografie prescelte “Terramara”, creata nel 1991 dalla coppia Michele Abbondanza e Antonella Bertoni, uno dei lavori cardine del fermento innovativo italiano di quegli anni.

Quando Marinella Guatterini ha proposto di riallestire questa loro opera prima come compagnia Abbondanza Bertoni, “la reazione immediata è stata: impossibile – scherza Michele al telefono – anche solo per la difficoltà di andare a cercare le scenografie e i materiali di scena, i loro progetti, i disegni, le luci, i collaboratori. Invece poi la cosa si è rivelata così stimolante, così toccante, così forte, persino psicoanalitica per noi, che pian piano abbiamo iniziato a rimuovere tutti gli ostacoli”.

terramara
I ballerini Eleonora Chiocchini e Francesco Pacelli

E passo dopo passo questa nuova versione di “Terramara” si è rivelata non una semplice ricostruzione, una ri-messa in scena, ma una ‘nuova vita’, come la definisce Antonella e la considera anche Michele: “l’ultima cosa da fare era cercare di fare una cosa uguale a 20 anni fa, bisognava cogliere quella che era l’amina del lavoro e cercare non la fisicità imitativa, uguale a me o ad Antonella, ma qualcuno che potesse raccontare quelle cose con il suo fisico, con la sua tecnica”. Eleonora e Francesco non sono “un Michelino e un’Antonellina”, ma “due meravigliosi esseri umani, maschio e femmina, che avevano l’adrenalina giusta, la sensualità e anche la grande tecnica che la coreografia richiede”. Anche le scene sono state riallestite con la collaborazione del mitico coreografo della versione originale Lucio Diana: “abbiamo deciso di tagliare molto per rendere lo spettacolo più neutro, più semplice, più essenziale, sono rimaste solo le travi, le gerle, il tavolo”.

Terramara
Francesco

Francesco conferma che, dopo il panico iniziale al pensiero di dover sostituire Michele e Antonella, chiarito che il lavoro non sarebbe stato questo, lui ed Eleonora hanno lavorato con “grande serenità, riprendendo a scaglioni i pezzi coreografici, tentando di mettere le nostre fisicità e le nostre personalità pur mantenendo lo spirito iniziale di “Terramara”. È stato un piacere lavorare con Antonella, Michele ed Eleonora, con la quale ci siamo dati una grande mano – continua Francesco – e poi io adoro questo spettacolo, penso che a chiunque lo veda arrivi una grande potenza, tutto è studiato al dettaglio, come sanno fare solo i grandi”.

terramara
Eleonora

“Terramara” è l’eco di una memoria lontana ma non perduta, una storia senza inizio e senza fine: il rapporto fra uomo e donna, quello fra uomo e natura. In scena simboli, segni, frammenti da un tempo arcaico e allo stesso tempo indefinito, sospeso. “Terramara”, per Michele, è “una narrazione astratta” perché “siamo corpi narranti, abituati a stare fra la narrazione e l’astrazione, solo apparentemente questo è un ossimoro”: in questa coreografia perciò “c’è un racconto, ma si dà per frammenti, per immagini, senza un filo logico, realistico, come nei sogni la realtà viene presentata a sprazzi, a immagini”.
“Sono molto legato alla mia terra d’origine, il Trentino, e alla sua popolazione rurale –spiega Michele – ricordo le vacanze nella Val di Cembra le viti, i boschi, i castagneti. A livello inconscio ho espresso questo legame con la terra, ma c’è anche l’amaro della difficoltà di rompere la zolla, dell’inumidirla, del renderla fertile. E poi c’è l’incontro con la vita e con l’amore”. Questo ritorno alla tradizione popolare e nello stesso tempo all’umanità e alla natura al di là delle culture, si esprime anche nelle scelte musicali: “sono andato a pescare musiche da tutto il modo, dall’Est, dal sud America, dal sud Italia”.
“Mi si è sparsa la fantasia, mi sono sentito libero in una prateria con una danzatrice meravigliosa come Antonella, che allora era la mia compagna, mi sono sfogato in Terramara”, così Michele descrive l’esplosione dell’immaginazione vissuta con la creazione di questo lavoro che ha consacrato il suo connubio artistico e personale con Antonella Bertoni che ha la stessa età della compagnia fondata insieme a lei. “Abbiamo appena finito le prove e rivedendolo mi sono detto che sono stato proprio un matto: avevamo poco più di vent’anni e la gioventù ha quella freschezza e quella magia che permettono ancora di saltare e di saltare nel vuoto”. “Con gli anni arriva la saggezza, ma si perde la capacità di volare”, l’importante è non vedere questo solo come un limite, anche per questo lui e Antonella hanno deciso di tramandare questa coreografia: “si può far volare gli altri”.

Foto di Ilaria Costanzo per gentile concessione della Compagnia Abbondanza Bertoni

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi