Tag: tirc

Negazionismo scientifico e le compagnie di tabacco

 

È comune che chi non si sente a proprio agio con alcune teorie scientifiche applichi la propria cartina tornasole ideologica a un’area di indagine. Spesso il punto di partenza è l’idea sbagliata che, se gli scienziati raccogliessero sufficienti prove, potrebbero provare al cento per cento una teoria; ma in realtà è sempre possibile che qualche dato futuro la possa confutare. Gli scienziati quindi devono ammettere che anche le loro spiegazioni più forti non possono essere offerte come verità, ma come credenze giustificate dalle prove. Questa presunta debolezza è spesso sfruttata per far perdere di autorevolezza le scoperte scientifiche. A volte non si tratta di semplice rifiuto personale nel credere a qualche teoria, ma di veri e propri attacchi costruiti e programmati da gruppi che vogliono rendere poco credibili teorie contrarie ai loro interessi, anche se si è già giunti ad un comune consenso da parte della comunità scientifica.
Secondo Pascal Diethelm e Martin McKee in Denialism: what is it and how should scientists respond?(2009), il negazionismo scientifico presenta cinque caratteristiche distintive; ogni singolo caso può averne solo alcune, o ciascuna in misura diversa, ma sono ricorrenti e occorre conoscerle. La prima è una variante della teoria del complotto, “l’inversionismo”, ovvero quando il gruppo che effettivamente sta tramando un complotto addita tale colpa a chi sostiene la tesi che vogliono demolire.
La seconda è “chiamare in causa falsi esperti”, ovvero individui che pretendono di essere esperti in una particolare area ma le cui opinioni sono del tutto incoerenti con le conoscenze consolidate; ciò è spesso integrato dalla denigrazione di esperti e ricercatori affermati.
La terza è la “selettività”, ovvero scegliere un singolo contenuto (ad esempio un articolo) che vada nel senso contrario al consenso generalizzato su un tema e usarlo per rifiutare il complesso dei risultati delle ricerche condotte.
La quarta è “la creazione di aspettative impossibili” su ciò che la ricerca può offrire, cioè ciò che si è accennato sopra: pretendere un grado di certezza che è estraneo alla pratica e al linguaggio degli scienziati, continuando così a illudersi dell’assenza di un consenso. Infine, la quinta è l’uso di false dichiarazioni ed errori logici, come l’uso di argomenti-fantoccio, false analogie, attacchi ad hominem, ecc.

In genere la negazione della scienza è lanciata da chi ha qualcosa da perdere in senso economico o ideologico e proseguita anche da coloro che vengono coinvolti nella campagna di disinformazione. Ari Rabin-Havt nel libro Lies, Incorporated (2016) tratta di post-truth politics, considerando come l’attività lobbystica e le menzogne finanziate dalle imprese abbiano influenzato le posizioni politiche sul cambiamento climatico, le armi da fuoco, l’immigrazione, l’assistenza sanitaria, il debito pubblico, la riforma elettorale, l’aborto e il matrimonio gay. Il libro comincia con un caso esplicativo, che è quello della lotta a favore del fumo.

La storia di questa lotta iniziò il 15 dicembre 1953, quando i capi delle quattro principali compagnie di tabacco dell’epoca (American Tobacco, Benson & Hedges, Philip Morris e US Tobacco) e i CEO di RJ Reynolds e Brown & Williamson si riunirono al Plaza Hotel di New York City per capire cosa fare alla luce di un disastroso articolo scientifico pubblicato da poco, che collegava il catrame delle sigarette al cancro nei topi di laboratorio. L’articolo attirò un’intensa attenzione da parte dei media e mise in luce i rischi per la salute associati al fumo. Tale ipotesi era già stata formulata negli anni Dieci del Novecento; i risultati divennero però più conclusivi tra gli anni Cinquanta e Sessanta.
Le compagnie di tabacco avevano sempre studiato come rubarsi i clienti a vicenda, ma il leader del summit John Hill (fondatore della leggendaria azienda di pubbliche relazioni Hill & Knowlton) consigliò di assumere un approccio unitario per combattere la scienza, attraverso la sponsorizzazione di messaggi “pro-sigaretta” utilizzando la parola “ricerca” per dare la parvenza di una contro-argomentazione scientifica. Così Hill & Knowlton delineò un piano redigendo un white paper.
Le compagnie di tabacco finanziarono l’iniziativa attraverso il neocostituito Tobacco Industry Research Committee (TIRC).

Nel gennaio 1954 venne pubblicato un annuncio pubblicitario (cit. in Rabin-Havt, 2016, p. 36) in più di quattrocento giornali statunitensi, che affermava:
“1. Che la ricerca medica degli ultimi anni indica molte possibili cause di cancro ai polmoni.
2. Che non c’è accordo tra le autorità su quale sia la causa.
3. Che non ci sono prove che il fumo di sigaretta sia una delle cause.
4. Che le statistiche che pretendono di collegare il fumo di sigaretta con la malattia potrebbero applicarsi con uguale forza a uno qualsiasi dei molti altri aspetti della vita moderna. Infatti la validità delle stesse statistiche è messa in dubbio da numerosi scienziati”.
L’annuncio proseguiva descrivendo le attività del gruppo:
“1. Stiamo promettendo aiuto e assistenza allo sforzo di ricerca in tutte le fasi dell’uso del tabacco e della salute. Questo aiuto finanziario congiunto andrà ovviamente ad aggiungersi a quanto già fornito dalle singole società.
2. A tal fine stiamo costituendo un gruppo industriale misto composto inizialmente dal sottoscritto. Questo gruppo sarà conosciuto come COMITATO DI RICERCA DELL’INDUSTRIA DEL TABACCO (TIRC).
3. Responsabile delle attività di ricerca del Comitato sarà uno scienziato di impareggiabile integrità e di fama nazionale. Inoltre ci sarà un comitato consultivo di scienziati disinteressati all’industria delle sigarette. Un gruppo di illustri uomini della medicina, della scienza e dell’istruzione sarà invitato a prestare servizio in questo consiglio. Questi scienziati consiglieranno il Comitato sulle sue attività di ricerca”.

Secondo Hill & Knwolton il messaggio raggiunse più di 43 milioni di persone. Come possiamo vedere, già in questa prima pubblicità è presente la quarta caratteristica del negazionismo scientifico, ovvero puntare sulla mancanza di certezze assolute e creare una falsa controversia, convincendo i media che esistono due lati della storia, generando confusione nel pubblico e dissuadendo i politici dal danneggiare gli interessi economici dei produttori di tabacco. Se leggiamo i resoconti più dettagliati possiamo vedere come nelle varie azioni della campagna siano presenti tutte e cinque le caratteristiche.
Le attività del TIRC continuarono fino al 1964, quando i dati scientifici contro il fumo divennero così convincenti che ogni pacchetto di sigarette dovette applicare il famoso avvertimento. Il TIRC però si trasformò nel Council for Tobacco Research, che continuò a operare fino al 1998, anno in cui chiusero come parte di un accordo da 200 miliardi di dollari che li proteggeva da future cause legali. Meno di un decennio dopo, le compagnie di tabacco sono state ritenute colpevoli di frode ai sensi dello statuto federale sulle truffe (RICO) per aver cospirato per nascondere ciò che si sapeva sul fumo e cancro già dal 1953.
Tuttavia ormai le strategie usate da queste compagnie erano chiare nella loro efficacia, e così vennero riciclate durante le successive battaglie, tra cui quella contro il cambiamento climatico.

Sul tema puoi leggere:
Diethelm, P. e McKee, M. (2009). Denialism: what is it and how should scientists respond?, European Journal of Public Health, 19 (1), 2–4, DOI: https://doi.org/10.1093/eurpub/ckn139.
McIntyre, L. (2018). Post Verità. Trad. it. di A. Lanni. Torino: UTET Università, 2019.
Rabin-Havt, A. e Media Matters for America. (2016). Lies, Incorporated: The World of Post-Truth Politics, Trad. mia. New York e Toronto: Anchor Books.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi