Tag: tribunale di milano

Il rispetto e l’arroganza delle caste. Ricordando Savonarola

di Massimo Maiarelli

“… ho visto l’infinita miseria degli uomini, gli stupri, gli adulteri, le ruberie, l’idolatria, il torpiloquio, tutta la violenza di una società che ha perduto ogni capacità di bene….”
Chi scriveva queste cose non è stato il cittadino, il cronista, la persona offesa da quanto tutto i giorni i media ci propinano o da quanto è successo al Tribunale di Milano, piuttosto che a Parigi nei mesi scorsi. Quella frase è molto antica, risale alla seconda metà del 1400 ed a pronunciarla è stato Girolamo Savonarola. Per le sue affermazioni, nel 1497 fu scomunicato da Papa Alessandro VI e l’anno seguente impiccato e bruciato sul rogo come “eretico, scismatico e per aver predicato cose nuove”.
Sono passati oltre 500 anni, in realtà sembra di essere davanti al nostro televisore ad assistere ad una delle tante trasmissioni televisive, dai tg alle performance dei nostri politici che frequentano ormai più assiduamente gli studi televisivi rispetto alle aule parlamentari.
Chissà cosa direbbe oggi Savonarola di loro? E non solo di loro. Oltre alla casta dei politici, che spesso non offre una immagine positiva, oggi le caste sono tante, come erano tante le corporazioni ai tempi di Savonarola. Nulla è cambiato, forse è solo peggiorato.
Oggi si sente dire sovente “ci hanno lasciati soli, ci sentiamo isolati”. Sicuramente l’isolamento porta alla paura, alla emarginazione, ogni tanto alla violenza. Ma chi si sente “lasciato solo o isolato”, si interroga del perché si sente tale? Cosa ha fatto o non ha fatto per sentirsi emarginato?
Un proverbio sostiene che si raccoglie quello che si semina. Dicono anche che i proverbi sono la saggezza dei popoli. Ed oggi purtroppo l’autocritica, l’umiltà, il pudore, la vergogna non appartengono ai nostri tempi. Oggi prevalgono i diritti acquisiti, le caste, le lobby, la prepotenza, l’arroganza, le ruberie, tanto per rubare una parola al buon Girolamo Savonarola.
“Dobbiamo fare sistema”, altra frase che si sente spesso. Ma per fare sistema occorre uscire dall’isolamento, rendersi conto delle situazioni e delle opportunità che ci circondano, assecondare le esigenze altrui, spesso rinunciando a qualcosa. Non pare che sia questa la strada imboccata dalla maggioranza, la maggioranza è egoista, pensa al proprio orticello, ai propri diritti acquisiti e così facendo, ovviamente ed automaticamente, si isola e non può poi piangersi addosso e chiedere aiuto.
Rispetto, altra parola abusata. Quando ci scappano dei morti il rispetto va a tutti i morti, indistintamente, perché la vita è sacra, sacra per tutti.
Il mio non vuole essere cinismo, semplicemente una visione reale di quello che succede. L’isolamento è figlio del comportamento, dell’atteggiamento, entrambi spesso vissuti egoisticamente, con lenti troppo spesse o deformate, lenti che non consentono di vedere il mondo e la società con la giusta obiettività.
All’Università, quando studiavo giurisprudenza, mi avevano insegnato la sfera giuridica come quella cosa che ciascuno di noi ha e dentro la quale deve convivere. Se qualcuno tenta di allargare, più o meno colpevolmente, la propria sfera giuridica, è evidente che va a sovrapporla a quella di un altro, a calpestarla, a togliere qualcosa al proprio vicino. Anche questo è rispetto, anche questo andrebbe rispettato. Come va rispettato il credo politico o quello religioso, solo per citarne due. Tutti hanno bisogno di rispetto, che si deve innalzare all’ennesima potenza quando viene violato il nostro bene più grande: la vita.

GERMOGLI
La paura.
L’aforisma di oggi…

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la giornata…

giovanni-falcone-vetennale-dalla-morteIeri, al Tribunale di Milano, un imputato ha sparato in aula uccidendo 4 persone e ferendone 2. Era accusato di bancarotta.

“L’importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio ma incoscienza”. (Giovanni Falcone)

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi